Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Agraria
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Francesco Villani » 34.Schemi generali delle operazioni di laboratorio


Schemi generali delle operazioni di laboratorio

  • Schema A: Fasi per la numerazione dei microrganismi
    • Iniziare le operazioni il più presto possibile dopo il prelievo del campione. I campioni congelati vanno fatti scongelare nel loro contenitore di origine mantenendoli per circa 18 ore in frigorifero alla temperatura di +2/+5°C.
  • Schema B: Fasi per la preparazione delle diluizioni decimali seriali di un campione alimentare solido.
  • Schema C: Fasi per la preparazione delle diluizioni decimali seriali di un campione alimentare liquido.
  • Schema D: Semina per inclusione e per distribuzione superficiale di diluizioni decimali di un campione solido.
    • Preparare il campione come descritto nello Schema B.
Schema A
Schema B
Schema C
Schema D

Schemi generali delle operazioni di laboratorio

  • Schema E: Calcolo del numero di colonie sviluppate su terreno nutritivo solido.
    • Scartare le piastre che presentano crescita diffusa sulla superficie (> di 300 colonie).
    • Prendere in considerazione le piastre che contengono almeno 15 colonie in caso di terreno nutritivo selettivo e almeno 30 in caso di terreno nutritivo non selettivo e meno di 300.
    • Annotare il numero di colonie contate sulle piastre di due diluizioni successive, calcolando il numero di colonie per grammo o ml di prodotto con la seguente formula: N= Σ C/V(n1+0,1n2)d
  • N = Numero di batteri (UFC)/g o ml
  • C = Somma delle colonie nelle piastre considerate
  • V = Volume dell’inoculo in ml
  • n1= Numero di piastre considerate per la prima diluizione
  • n2= Numero di piastre considerate per la seconda diluizione
  • d = Fattore di diluizione della prima diluizione considerata

Schemi generali delle operazioni di laboratorio

  • Schema F: Numerazione dei batteri in terreno nutritivo liquido (determinazione del Most Probable Number, MPN).
    • Preparare il campione come descritto nello Schema B.
    • Incubare alla temperatura ottimale di sviluppo dei microrganismi da numerare. Leggere il MPN sulle apposite tavole.
  • Schema G: Ricerca qualitativa di batteri patogeni.
Numerazione dei batteri in terreno nutritivo liquido

Numerazione dei batteri in terreno nutritivo liquido

Ricerca qualitativa di batteri patogeni

Ricerca qualitativa di batteri patogeni


Prossima lezione

Numerazione dei microrganismi aerobi mesofili totali e delle Enterobacteriaceae in vegetali di IV gamma.

Le lezioni del Corso

I materiali di supporto della lezione

Bell C., Neaves P., Williams A. P. (2005) Food Microbiology And Laboratory Practice. Blackwell Sciente, Uk.

Mossel D.A.A., Corry J.E.L., Struijk C.B., Baird R.M. (1995) Essentials Of The Microbiology Of Foods. A Text Book For Advanced Studies. John Wiley And Sons. Chichester, U.K

Roberts D., Hooper W., Greenwood M. (1995) Practical Food Microbiology. Phls, London.

Schemi generali delle operazioni di laboratorio

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion