Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Silvana Cavella » 20.Concentrazione per evaporazione: Principi teorici


Concentrazione dei prodotti alimentari

Differenti tecnologie di concentrazione

  • L’operazione di concentrazione consiste nell’allontanamento di acqua da soluzioni o dispersioni per ottenere prodotti concentrati, con contenuto di acqua superiore a 20%.
  • Gli obiettivi della concentrazione possono essere svariati.
  • Diverse sono le tecnologie per realizzare la concentrazione: evaporazione; osmosi inversa, crioconcentrazione; ultrafiltrazione; dialisi; elettrodialisi.
  • Argomento di questa lezione sarà la concentrazione per evaporazione.

Concentrazione per evaporazione

Principi teorici

  • L’evaporazione è una tecnica di concentrazione mediante la quale il prodotto da concentrare viene portato a ebollizione e l’acqua è allontanata sotto forma di vapore.
  • Generalmente, l’evaporazione è condotta a bassa pressione per ridurre la temperatura di ebollizione.
  • L’evaporazione coinvolge simultaneamente un trasporto di calore e di materia.
  • Un evaporatore consiste principalmente di uno scambiatore di calore e una camera di evaporazione.

Dimensionamento e performance di un evaporatore a singolo effetto

Definizione delle variabili di progetto

  • L’analisi di un evaporatore consente di fare calcoli sia di progetto che di valutazione delle sue performance.
  • Ad un evaporatore sono alimentati il prodotto da concentrare e vapore, che condensando cede il suo calore latente, da esso escono il concentrato, la condensa, l’evaporato.
  • Le variabili di progetto sono portata, temperatura e composizione di ciascuna corrente, inoltre, la pressione di esercizio dell’evaporatore e l’area dello scambiatore di calore.

Dimensionamento e performance di un evaporatore a singolo effetto

Equazioni di progetto

Tenendo conto che l’evaporazione comporta trasporto di calore e di materia si possono scrivere due bilanci di materia , un bilancio entalpico e l’equazione degli scambiatori di calore. Si ricordi che lo scambio di calore avviene tra vapore che condensa e prodotto che è in ebollizione. La presenza dei soluti determina un innalzamento del punto ebullioscopio che può essere determinato utilizzando opportune formule o grafici.

Considerazioni conclusive

Dimensionamento e performance di un evaporatore a singolo effetto

  • Delle n variabili sopra citate bisogna fissarne (n-4), che rappresentano i gradi di libertà, mentre le rimanenti quattro sono calcolate.
  • Le performance di un evaporatore sono valutate mediante un coefficiente di efficienza.
  • L’efficienza di un evaporatore diminuisce nel tempo a causa di un alto fattore di sporcamente dei tubi.

Prossima lezione

Presentazione e risoluzione di problemi relativi alla concentrazione per evaporazione

  • Il calcolo dell’efficienza di un evaporatore a singolo effetto
  • Il dimensionamento di un evaporatore a singolo effetto
  • Il calcolo della portata di alimentazione ad un evaporatore a singolo effetto

Le lezioni del Corso

I materiali di supporto della lezione

La concentrazione

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion