Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Architettura
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Riccardo Florio » 13.I cinque ordini secondo il Vignola


La Regola: soluzione del divario tra teoria e prassi

Nel Rinascimento nasce l’esigenza di un metodo razionale per l’applicazione del linguaggio antico all’architettura del proprio tempo; il primo metodo soddisfacente in tal senso fu quello di Jacopo Barozzi da Vignola , che nel delineare una regola unitaria per la distribuzione delle proporzioni, propose un criterio generale per la progettazione degli ordini stessi, tale da risolvere la cronica frattura tra prassi e teoria.
Tale esigenza, derivava dalla necessità di gestire tale contenzioso al fine di farne un vero e proprio strumento di supporto alla pratica architettonica.
Infatti, la trattazione rinascimentale inerente gli Ordini non è da intendersi come un ritorno all’antico, bensì come una necessaria speculazione che potesse garantire la corretta applicazione di un linguaggio antico all’architettura del tempo.

Vignola, Regola delli Cinque Ordini d’Architettura, Frontespizio dell’editio princeps

Vignola, Regola delli Cinque Ordini d'Architettura, Frontespizio dell'editio princeps


I cinque ordini

Jacopo Barozzi da Vignola usò il termine ordine come sinonimo di ciò che Vitruvio aveva chiamato genera, nell’accezione di maniera, specie di appartenenza dei caratteri delle architetture osservate, da cui trarre una regola, un unico sistema proporzionale di riferimento nella progettazione.
In risposta al metodo serliano, il Vignola nel suo trattato Regola delli cinque ordini di architettura del 1562, propose un metodo divisionale e non più additivo per il proporzionamento dei cinque ordini; il criterio di base, valido per tutti gli ordini, toscano, dorico, ionico, corinzio e composito, stabilisce un rapporto tra piedistallo, colonna e trabeazione nella proporzione 4:12:3. Ogni ordine poi va a specificarsi secondo le proprie peculiarità, derivate dal rapporto tra base ed altezza della colonna differente per ogni ordine.
Qualsiasi altra proporzione è inoltre commodulata al raggio della colonna valutato all’imoscapo; il modulo così ottenuto è a sua volta segmentato in dodici tratti dette parti.

Le immagini proposte alle pagine 1,3,4,5,6,7 sono tratte da Jacopo Barozzi da Vignola, Regola delli Cinque Ordini d’Architettura, Roma 1562; l’immagine di pagina 2 è tratta da Giuseppe Boidi, Manuale di disegno architettonico, Torino 1876.

Rappresentazione comparativa dei cinque ordini. Fonte: Boidi G., Manuale di disegno architettonico, 1876

Rappresentazione comparativa dei cinque ordini. Fonte: Boidi G., Manuale di disegno architettonico, 1876


L’ordine toscano

Vignola, Regola…, piedistallo, trabeazione e colonnato dell’ordine toscano

Vignola, Regola..., piedistallo, trabeazione e colonnato dell'ordine toscano


L’ordine dorico

Vignola, Regola…, piedistallo, trabeazione e colonnato dell’ordine dorico

Vignola, Regola..., piedistallo, trabeazione e colonnato dell'ordine dorico


L’ordine ionico

Vignola, Regola…, piedistallo, trabeazione e colonnato dell’ordine ionico

Vignola, Regola..., piedistallo, trabeazione e colonnato dell'ordine ionico


L’ordine corinzio

Vignola, Regola…, piedistallo, trabeazione e colonnato dell’ordine corinzio

Vignola, Regola..., piedistallo, trabeazione e colonnato dell'ordine corinzio


L’ordine composito

Vignola, Regola…, piedistallo, trabeazione e colonnato dell’ordine composito

Vignola, Regola..., piedistallo, trabeazione e colonnato dell'ordine composito


Le lezioni del Corso

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion