Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Riccardo Florio » 7.Metodi di proiezione e invarianti proiettive II


L’operazione di ribaltamento

Secondo il riferimento geometrico proprio del metodo della doppia proiezione ortogonale che definisce il primo piano di proiezione e il secondo piano di proiezione, viene a compiersi una suddivisione dello spazio in quattro settori definiti diedri all’interno dei quali si dispongono gli oggetti da proiettare. L’intersezione di tali due piani individua una retta detta linea di terra, intorno alla quale avviene il ribaltamento, generalmente del piano verticale x2 sul piano orizzontale x1 che consente,operativamente, di disegnare le immagini inizialmente disgiunte sopra un unico supporto piano (il foglio da disegno dove x1 ≡ x2) e di relazionarle attraverso un tracciato di rette o raggi proiettanti, in prima e seconda proiezione, paralleli alle rispettive direzioni di proiezione, che si dicono rette di richiamo.

Le distanze verticali degli enti geometrici disegnati in seconda proiezione, riferite alla linea di terra (L.T.), si definiscono quote (positive o negative se poste superiormente o inferiormente alla linea di terra), mentre le distanze degli enti rappresentati in prima proiezione sono denominati aggetti.

Seppure il sistema codificato da Monge risulti esaustivo per la individuazione della consistenza di un oggetto, spesso si rende necessaria l’introduzione di almeno un terzo piano x3, ortogonale ai primi due, che viene definito terzo piano di proiezione o piano laterale.

Modello geometrico di riferimento

Riferimento spaziale del metodo di Monge

Riferimento spaziale del metodo di Monge


Riferimento planimetrico

Riferimento planimetrico del metodo di Monge e determinazione della pianta e degli alzati

Riferimento planimetrico del metodo di Monge e determinazione della pianta e degli alzati


Sezione orizzontale: pianta propriamente detta

Operazioni geometriche per la determinazione della pianta propriamente detta di un parallelepipedo

Operazioni geometriche per la determinazione della pianta propriamente detta di un parallelepipedo


Sezione orizzontale: ipografia

Operazioni geometriche per la determinazione della ipografia di un parallelepipedo

Operazioni geometriche per la determinazione della ipografia di un parallelepipedo


Sezione verticale: alzato

Operazioni geometriche per la determinazione della sezione verticale di un parallelepipedo

Operazioni geometriche per la determinazione della sezione verticale di un parallelepipedo


Le lezioni del Corso

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion