Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Architettura
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Riccardo Florio » 20.Ordini e Architetture. Esperienze analitico/interpretative nella città di Napoli


Regola e deroga

Lo studio approfondito degli ordini classici trova diretta applicazione nell’analisi di diversi portali napoletani collocabili tra il XIX e gli inizi del XX secolo, evidentemente riconducibili a tale linguaggio. La pluralità dei riferimenti adottati dai vari architetti autori di tali portali è principalmente responsabile delle diversità ivi riscontrabili nelle modalità di adesione al mondo classico.
Dalla metà del Settecento fino al primo Novecento, in particolare in conseguenza degli scavi archeologici settecenteschi scientificamente condotti a Ercolano, Pompei e Paestum, la riscoperta del mondo antico determina un rinnovato rapporto con il passato dell’architettura. Nell’impiego degli ordini, non ci si riferisce più ad un’unica epoca dell’antichità, considerata depositaria di un insuperato raggiungimento di valori estetici, e ciò comporta che le norme compositive e di proporzionamento comincino ad essere discusse nel loro stesso intrinseco valore.
Accade così che, nella riproposizione degli ordini architettonici, il canone a cui si era pervenuti alla fine del Cinquecento risulti osservato più nei suoi principi sostanziali e nella generale norma compositiva che nel puntuale dettato proporzionale e formale.

I disegni proposti sono stati elaborati da allievi del corso.

Napoli, Portale in Via Riviera di Chiaia 215

Napoli, Portale in Via Riviera di Chiaia 215


Regola e deroga

Le esemplificazioni trattate sono emblematiche nel dimostrare come l’utilizzo del linguaggio architettonico classico non frustri le intuizioni dei singoli architetti, lasciando loro un ampio margine di libertà che scongiura il rischio di un esito finale impersonale.
L’interpretazione degli schemi classici ha consentito, perciò, un’attività espressiva che, pur basata su modelli certi e sperimentati, si è potuta rinnovare e inventare rispetto all’oggetto interpretato, di cui, nel contempo, ha aumentato la conoscenza.

Napoli, Portale in Via Riviera di Chiaia, Capitello e trabeazione

Napoli, Portale in Via Riviera di Chiaia, Capitello e trabeazione

Napoli, Portale in Via Riviera di Chiaia, Costruzione legittima applicata al basamento

Napoli, Portale in Via Riviera di Chiaia, Costruzione legittima applicata al basamento


Esperienze analitico/interpretative nella città di Napoli

Napoli, Portale di Palazzo Casacalenda in Piazza San Domenico Maggiore

Napoli, Portale di Palazzo Casacalenda in Piazza San Domenico Maggiore


Esperienze analitico/interpretative nella città di Napoli

Napoli, Porticato del Tempietto di Villa Lucia in Vicoletto Cimarosa

Napoli, Porticato del Tempietto di Villa Lucia in Vicoletto Cimarosa


Esperienze analitico/interpretative nella città di Napoli

Napoli, Portale di Palazzo Doria D’Angri in Piazza VII Settembre

Napoli, Portale di Palazzo Doria D'Angri in Piazza VII Settembre


Le lezioni del Corso

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion