Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Economia
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Roberto Maglio » 2.I costi


I costi


La CoA nelle PMI


Specialità dei costi

Sono speciali i costi attribuibili oggettivamente ad un determinato oggetto di calcolo: è possibile misurare la quantità consumata del fattore per il suo prezzo unitario ovvero il fattore è impiegato esclusivamente per quell’oggetto.

Sono comuni i costi non riferibili in modo oggettivo ad uno specifico oggetto.


Costi speciali e comuni

  • Classificazione basata sulla possibilità o meno di misurare oggettivamente la quantità di fattore impiegata per un certo oggetto di costo.
  • I costi speciali sono oggettivamente riferibili al singolo oggetto centro di costo o di prodotto.
  • I costi comuni sono relativi a più oggetti e sono attribuibili al singolo oggetto mediante una ripartizione (soggettiva, in quanto dipendente dalla scelta della tecnica e della base di riparto).

Costi diretti e indiretti

Classificazione basata sulla possibilità e sulla convenienza o meno di misurare oggettivamente la quantità di fattore impiegata per un certo oggetto di costo.

I costi diretti sono costi speciali imputati direttamente al singolo oggetto.

I costi indiretti sono costi comuni, e talvolta speciali, attribuiti al singolo oggetto indirettamente mediante una ripartizione.

Costi indiretti

Sono ripartiti dividendo il costo totale tra i vari oggetti mediante un appropriato criterio di riparto (secondo principio causale):

  • su base unica, in modo proporzionale ad un’unica grandezza nota;
  • su base multipla, suddividendo il costo da ripartire in più classi omogenee, a ciascuna delle quali si riferisce una specifica base di riparto.

Costi indiretti II

Esempi di basi di riparto:

  • h mod (ad es. per i costi di manodopera indiretta);
  • h macchina (ad es. per i costi di manutenzione);
  • m2 occupati (ad es. per i costi di illuminazione);
  • m3 occupati (ad es. per i costi di riscaldamento);
  • n. di spedizioni (ad es. per i costi di trasporto);
  • n. ordini (ad es. per taluni costi amministrativi);
  • volume di pdz (ad es. per taluni costi commerciali).

Costi indiretti III


Costi indiretti IV


Costi indiretti V


Costi indiretti VI


Costi indiretti VII


Costi indiretti VII


  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion