Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Simona Catuogno » 2.Area di gruppo


L’area di gruppo

Il legislatore non definisce mai i concetti che sono alla base della definizione dei gruppi aziendali.
Si rende pertanto necessario colmare le lacune legislative con interpretazioni economico aziendali, coerentemente con le tematiche che invece sono state regolamentate.

I gruppi aziendali

In letteratura si riscontrano alcuni elementi caratteristici:
1. La presenza di più società giuridicamente distinte;
2. La forma di società di capitali;
3.1. Il controllo mediante partecipazioni azionarie;
oppure
3.2. Il controllo mediante altri strumenti quali vincoli contrattuali, statutari o legami personali.

L’unitarietà del soggetto economico

Dall’esercizio del controllo di una società capogruppo sulle altre società del gruppo deriva la presenza di un unico soggetto economico ossia: coloro nel cui interesse il gruppo è gestito (proprietari), oppure chi esercita il potere gestionale (management).
In sintesi si riconosce al gruppo una direzione economica unitaria ed una capacità reddituale autonoma.

Il controllo legale ed economico

Il concetto di controllo legale si è sviluppato diversamente nei vari paesi:
Negli Stati Uniti è il possesso della maggioranza (+ del 50%) delle azioni con diritto di voto.
Nel Regno Unito è dato dal possesso di più del 50% del patrimonio netto.
Il controllo economico (molto diffuso in Germania) presuppone un approccio completamente diverso in quanto il concetto non è legato al possesso delle azioni ma alle relazioni tra le imprese: relazioni contrattuali, manageriali, statutarie.

Il controllo legale ed economico

L’impostazione della VII Direttiva risente di un compromesso tra la scuola angloamericana e quella tedesca perché incorpora il concetto di controllo legale come criterio principale ma accetta anche il concetto di controllo economico.
La normativa italiana risente dell’impostazione della Direttiva ma privilegia il controllo legale e limita il controllo economico a poche fattispecie espressamente richiamate.

Soggetti obbligati alla redazione del BC

Il D. Lgs 127/1991 obbliga le imprese alla redazione del bilancio consolidato a condizione che:
1. Esista un rapporto di controllo tra la holding e le sussidiarie;
2. L’impresa controllante sia:
- Una società di capitali;
- Un ente pubblico che svolge attività commerciale, una società cooperativa o una mutua assicuratrice, a condizione che controllino una o più società di capitali.
Sono pertanto escluse dall’obbligo di redigere il B. C. le società di persone, le associazioni e le fondazioni, gli imprenditori individuali, i consorzi, anche se controllano società di capitali.

Soggetti obbligati alla redazione del BC

Lo IAS 27 prevede che ogni controllante presenti una informazione di gruppo, a prescindere dalla sua forma giuridica.
E’ prevista una facoltà di esonero nel caso in cui la controllante sia a sua volta controllata.

Imprese controllate art. 26 D. Lgs 127/1991

Il controllo di diritto si presume quando si dispone della maggioranza assoluta dei voti in assemblea ordinaria (art. 2359, comma 1, n. 1, C.C.)
Il controllo di fatto si presume quando si dispone di una maggioranza relativa tale da esercitare una influenza dominante in assemblea ordinaria (art. 2359, comma 1, n. 2, C.C.)
Ai fini dei n. 1 e 2 si considera anche il controllo indiretto esercitato attraverso società controllate, fiduciarie e per interposta persona. Non si considerano, invece, i diritti di voto spettanti per conto di terzi.

Imprese controllate art. 26 D. Lgs 127/1991

Il controllo di fatto si presume inoltre quando si esercita una influenza dominante in virtù di un contratto o di una clausola statutaria (dominio contrattuale e statutario, art. 2359, comma 1, n. 3, C.C.).
Il controllo di fatto si presume infine quando, attraverso patti di sindacato (sindacati di voto) con altri soci, si esercita il dominio di voto (maggioranza assoluta o relativa).

Imprese controllate IAS 27

Imprese nelle quali si detiene più del 50% dei diritti di voto.
Imprese nelle quali si ha il controllo (anche senza partecipazioni):
- di più del 50% dei diritti di voto in base ad accordi con altri soci;
- delle politiche amministrative e gestionali in base a accordi o clausole statutarie;
- sulla nomina e revoca della maggioranza dei membri del consiglio di amministrazione;
- della maggioranza dei voti dei consiglieri di amministrazione.

Un organigramma di gruppo


I materiali di supporto della lezione

Caputo Fabio, Le aggregazioni aziendali. Il controllo ed il principio contabile internazionale IFRS 3, Cacucci Editore, Bari, 2008.

Di Carlo Emiliano, I gruppi aziendali tra economia e diritto, Giappichelli, Torino, 2009.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion