Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Immacolata Niola » 16.Esempi di lavorazioni pericolose: produzione e applicazione degli asfalti


Asfaltatura

Definizione di asfalto
Per asfalto si intende, in Europa, una miscela al 4-7% di bitume con materiali inerti (pietrisco, sabbia, filler, polveri), che viene usata per la pavimentazione di strade e marciapiedi. Non va confuso con il catrame, che deriva dal riscaldamento in assenza d’aria del carbon fossile.

Il bitume
È un materiale dotato di proprietà leganti, di colore bruno o nerastro, insolubile in acqua, solido o semisolido a temperatura ambiente. Può essere di origine naturale o artificiale. È presente in natura nelle rocce asfaltiche (rocce impregnate di bitume) o in sacche sotterranee che possono dar luogo ad affioramenti superficiali (vedi figura).
Il bitume artificiale è ottenuto in raffineria come residuo della distillazione sotto vuoto del petrolio.

Affioramento naturale di bitume (Ranch la Brea). Fonte:
wikipedia

Affioramento naturale di bitume (Ranch la Brea). Fonte: wikipedia


Asfaltatura (segue)

Composizione del bitume. È costituito chimicamente da:

  • una miscela di idrocarburi alifatici ad alto numero di atomi di carbonio (superiore a 25);
  • altri composti organici contenenti ossigeno, azoto e zolfo;
  • Idrocarburi Policiclici Aromatici;
  • tracce di metalli: ferro, nichel e vanadio.

Opere di asfaltatura. Comprendono:

  • la produzione dell’asfalto;
  • la stesa dell’asfalto su strade;
  • la stesa dell’asfalto su marciapiedi.

Asfaltatura (segue)

Produzione dell’asfalto
Consiste nella miscelazione a caldo dei componenti. In particolare, prevede:

  • il dosaggio automatico del materiale inerte, l’essiccazione in forno rotante a 140-160 °C e l’immissione nella torre di miscelazione;
  • il dosaggio e trasporto in circuito chiuso del filler (inerti con una granulometria inferiore ai 7,5 µ) dai silos alla torre di miscelazione;
  • il riscaldamento del bitume nei serbatoi, il dosaggio e trasporto in circuito chiuso alla torre di miscelazione;
  • il mescolamento dei componenti e lo scarico del prodotto finito sugli autocarri diretti ai luoghi di stesa o nei silos di stoccaggio.

Asfaltatura (segue)

Stesa dell’asfalto su strade
Comporta:

  • l’eventuale fresatura del vecchio asfalto, la spazzatura e la raccolta del fresato;
  • la spruzzatura di emulsione bituminosa sul fondo stradale;
  • lo scarico dell’asfalto da autocarri a cassone posteriore ribaltabile;
  • la stesa mediante macchine vibrofinitrici;
  • la finitura a mano con pale in prossimità di incroci e tombini;
  • la compattazione con rulli compattatori (in prossimità di marciapiedi, con una piastra vibrante, detta talpa o rana);
  • il raffreddamento con acqua.

Video di rappresentazione, seppur parziale, dell’asfaltatura di un tratto di strada.

Asfaltatura di una strada.
Fonte: wikipedia.

Asfaltatura di una strada. Fonte: wikipedia.


Asfaltatura (segue)

Stesa dell’asfalto su marciapiedi
Prevede:

  • il trasporto dell’asfalto al luogo di stesa in “bonze” dotate di caldaie e mescolatori;
  • la movimentazione mediante carriole;
  • la stesa a mano mediante spatole di legno a lungo manico;
  • l’aggiunta di uno strato di sabbia;
  • l’eventuale raffreddamento con getti di acqua fredda.

Rischi per la salute

Possono aversi sia nella fase di produzione degli asfalti, all’interno delle aziende, che in quella di applicazione, all’esterno, e sono associati alla presenza di agenti chimici, fisici, biologici, nonché alla movimentazione manuale di carichi.

Agenti chimici
Sono costituiti essenzialmente da:

  • Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA). Si liberano dal bitume e dall’asfalto durante la lavorazione, il trasporto e l’applicazione; sono anche contenuti nei fumi e vapori emessi dal gasolio, utilizzato come carburante dei veicoli e come solvente nella pulizia di attrezzi e mezzi da opera incrostati;
  • idrogeno solforato. Può formarsi, seppur raramente, durante lo stoccaggio del bitume caldo;
  • oli lubrificanti. Sono impiegati nella manutenzione degli attrezzi e dei mezzi d’opera;
  • polveri. Possono sollevarsi:
    • nella fase di produzione: durante il carico degli inerti nelle tramogge o durante il riempimento dei silos con filler, per dispersioni dalle tubazioni di raccordo;
    • nella fase di asfaltatura: durante la fresatura.

Rischi per la salute (segue)

Effetti degli agenti chimici
Sono legati soprattutto agli IPA. Questi:

  • sono assorbiti dall’organismo per via respiratoria e cutanea;
  • provocano irritazioni a livello di mucose e congiuntive;
  • possono avere effetti mutageni e cancerogeni. In particolare, secondo la IARC:
    • alcuni di essi sono classificabili nel gruppo 1 (cancerogeni certi per l’uomo);
    • altri sono classificabili nel gruppo 2 A (probabili cancerogeni);
    • altri ancora sono classificabili nel gruppo 2 B (possibili cancerogeni);
  • i principali organi bersaglio risultano: polmoni,vescica, pelle e tratto laringo-faringeo. Inoltre, possono causare leucemie.

Va precisato, tuttavia, che i fumi che si liberano dai distillati petroliferi (e, dunque, dal bitume) contengono solo l’1% di composti aromatici. Ben più pericolosi sono i fumi di catrame, che ne contengono il 90% circa, ma tale materiale, in Italia, non viene utilizzato per la produzione di asfalti.
L’idrogeno solforato, ove mai si sviluppasse, potrebbe causare una serie di problemi importanti, variabili, a seconda della concentrazione, da una forte irritazione delle mucose ad asfissia, collasso, danni al sistema nervoso, paralisi e morte in pochi minuti.
Le polveri possono provocare irritazioni delle congiuntive e delle mucose in generale, con conseguenze a carico dell’apparato respiratorio (tosse, problemi di respirazione ecc.).

Rischi per la salute (segue)

Agenti fisici
Sono costituiti da:

  • rumore. È dovuto essenzialmente:
    • nella fase di produzione dell’asfalto, al vaglio e selezione degli inerti;
    • nella fase di stesa, alla vibrofinitrice e alla talpa;
  • vibrazioni. Sono indotte:
    • nel corpo intero, dalla conduzione di mezzi di trasporto e di opera (pala meccanica, fresatrice, vibrofinitrice, rullo);
    • nel sistema mano-braccio, da alcune fasi lavorative specifiche che richiedono l’uso di utensili a movimento percussorio o rotatorio-percussorio;
  • videoterminali. Sono utilizzati soprattutto dagli addetti alla cabina di controllo degli impianti;
  • microclima. Rappresenta l’insieme dei fattori che condizionano gli scambi termici fra uomo e ambiente: temperatura, umidità, velocità dell’aria, tipo di attività svolta ecc. Le attività lavorative in cui può diventare più sfavorevole sono:
    • nell’unità produttiva, le operazioni nella cabina di controllo;
    • nell’ambiente esterno, la stesa dell’asfalto;
  • radiazioni ultraviolette. Investono i lavoratori esposti al sole per le operazioni di stesa.

Rischi per la salute (segue)

Effetti degli agenti fisici

  • rumore: danni uditivi ed extra-uditivi (v. lezione n. 3);
  • vibrazioni: patologia dolorosa a carico del rachide dorso-lombare; artropatia e alterazioni muscolo-tendinee del sistema mano-braccio; sindrome di Raynaud (v. lezione n. 3);
  • videoterminali: disturbi oculo-visivi, muscolo-scheletrici, affaticamento mentale (v. lezione n. 4);
  • microclima: discomfort; colpo di calore;
  • radiazioni ultraviolette: eritemi e ustioni solari; fotoinvecchiamento; tumori cutanei (epiteliomi e melanomi).

Agenti biologici
Sono microrganismi o endoparassiti umani presenti nell’ambiente esterno, che potrebbero provocare infezioni, allergie o intossicazioni (v. lezione n. 5). Particolarmente preoccupante è il Clostridium del tetano.

Rischi per la salute (segue)

Altri rischi

  • movimentazione manuale di carichi. È un tipo di rischio presente durante l’asfaltatura di strade e marciapiedi, quando si rende necessario spostare o sollevare carichi di peso superiore ai 3 kg (carriole, pale ecc.);
  • mantenimento di posizioni incongrue. Può verificarsi sia all’interno dell’azienda, specificamente nella cabina di controllo, che nelle operazioni di asfaltatura, ad esempio nell’utilizzo della pala.

Effetti sulla salute
Possono aversi:

  • effetti acuti: “colpo della strega”; mal di schiena;
  • malattie muscolo-scheletriche: ernie del disco con conseguente sciatalgia; tendiniti; infiammazioni dei muscoli del dorso, dei dischi intervertebrali e delle articolazioni di ginocchia e spalle (v. Lezione n. 2).

Rischi per la salute (segue)

Misure generali di prevenzione e protezione

  • corretta valutazione del rischio mediante monitoraggio ambientale e personale dell’esposizione;
  • informazione/formazione dei lavoratori;
  • riduzione ai livelli più bassi possibili dell’esposizione ai fattori di rischio;
  • adozione di adeguate misure igieniche;
  • eventuale sorveglianza sanitaria.

Misure specifiche di prevenzione e protezione

  • esposizione agli IPA in luoghi confinati (gallerie, garage):
    • aspirazione dell’aria o ventilazione forzata;
    • uso di mascherine;
  • esposizione a idrogeno solforato: aspirazione dell’aria o ventilazione forzata;
  • esposizione a polveri:
    • copertura dei nastri trasportatori;
    • irrorazione con getti d’acqua;
    • aspirazione dell’aria o ventilazione forzata;
    • uso di mascherine;

Rischi per la salute (segue)

Misure specifiche di prevenzione e protezione (segue)

  • esposizione al rumore:
    • adozione di macchine meno rumorose;
    • rinnovamento di parti meccaniche usurate;
    • manutenzione dei macchinari;
    • impiego di cabine insonorizzate;
    • separazione di lavorazioni rumorose;
    • impiego di DPI (cuffie, tappi auricolari);
    • visite periodiche di controllo dei lavoratori;
  • esposizione alle vibrazioni:
    • scelta di veicoli a bassa trasmissione di vibrazioni;
    • interventi di manutenzione, soprattutto a livello delle sospensioni;
    • sedili di guida con sistemi di ammortizzamento idonei;
    • pause di recupero e rotazione dei lavoratori;
  • esposizione ai videoterminali:
    • progettazione ergonomica del posto di lavoro;
    • corretta organizzazione del lavoro;

Rischi per la salute (segue)

Misure specifiche di prevenzione e protezione (segue)

  • esposizione alle radiazioni solari UV:
    • impiego di prodotti antisolari;
    • vestiario idoneo;
    • occhiali da sole con protezione UV certificata;
  • microclima:
    • abbigliamento idoneo;
    • separazione della cabina di controllo dall’impianto di produzione;
    • impianto di climatizzazione;
    • adeguato apporto ai lavoratori di acqua e integratori salini;
  • esposizione al Clostridium tetani:
    • vaccinazione antitetanica e richiamo periodico;
  • movimentazione manuale di carichi:
    • ripartizione adeguata dei carichi fra più lavoratori (peso massimo per maschi adulti: 30 kg);
    • assunzione di atteggiamenti corretti nelle operazioni di lavoro.

Rischi per la sicurezza

Riguardano il rischio infortunistico nella fase di produzione e stesa. Comprendono:

  • il rischio legato agli agenti chimici: proiezione di asfalto caldo (fino a 200-250 °C); contatti con sostanze caustiche;
    • conseguenze: ustioni anche gravi;
  • il rischio legato alla movimentazione di carichi con macchine:
    • possibilità di caduta di gravi dall’alto;
    • schiacciamenti;
    • cadute a livello e scivolamenti;
    • investimenti;
    • tagli, abrasioni;
    • proiezione di schegge.

Rischi per la sicurezza (segue)

  • Prevenzione generale
    • attenzione nell’uso di mezzi meccanici e nelle manovre di guida.
  • Protezioni individuali
    • protezione del capo: caschi;
    • protezione degli occhi: occhiali con visiere;
    • protezione delle mani: guanti appropriati;
    • protezione dei piedi: scarpe antinfortunistiche con suole antiscivolo;
    • protezione delle vie respiratorie: maschere respiratorie;
    • protezione da caduta: cinture di sicurezza.

I materiali di supporto della lezione

Cirla P. E. et al., “Valutazione dell'esposizione a composti organici aromatici e IPA nelle opere di asfaltatuta: i risultati dello Studio PPTP-POPA”, G. Ital. Med. Lav. Erg., 27(2005), 303-307.

Asfalti

Bitume

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion