Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Giurisprudenza
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Giovanni Marino » 7.L'azione giuridica generica e l'azione giuridica specifica


L’azione giuridica generica e l’azione giuridica specifica

a) Azione sociale, azione normativa, azione giuridica.
b) La c.d. azione giuridica generica: la legislazione;
c) (segue) La legislazione statale e le altre “fonti”.
d) L’azione giuridica c.d. specifica: la produzione di norme individuali;
e) (segue) Il contratto tra autonomia ed eteronomia. La standardizzazione dei contratti;
f) (segue) Il testamento;
g) (segue) L’azione giurisdizionale: la giurisdizione, il processo, la sentenza;
h) (segue) L’azione amministrativa: l’amministrazione, l’azione amministrativa e la burocrazia. Il provvedimento.

Azione sociale, azione normativa, azione giuridica

  • Il concetto di azione sociale: rinvio lez. 1. d. Ricapitolazione ed integrazione.
  • Il concetto di azione normativa: rinvio lez. 5. d. Ricapitolazione ed integrazione.
  • Il concetto di azione giuridica: rinvio lez. 1. d. e lez. 5. c. Ricapitolazioni ed integrazioni.
  • La c.d. azione anomica.
  • Le azioni giuridiche che pongono norme, le azioni giuridiche che “lavorano” norme, le azioni giuridiche che usano le norme.

La c.d. azione giuridica generica: la legislazione

  • Elementi per una analisi sociologico-giuridica delle c.d. fonti del diritto:
    • la “fonte” come processo interattivo di natura comunicativa;
    • le aspettative come momento del processo interattivo;
    • le azioni giuridiche in senso lato come risposta al processo di produzione delle fonti.
  • La legislazione:
    • le procedure formali-istituzionali di produzione;
    • le lobbies esterne ed interne;
    • gli interessi delle parti politiche;
    • gli uffici ed il ruolo assolto dai media;
    • le c.d. leggi oscure.
  • Le c.d. autorità indipendenti

(segue) La legislazione non statale e le altre “fonti”

  • La normativa transnazionale. La c.d. lex mercatoria, le fonti regionali, le fonti giurisdizionali.
  • La consuetudine:
    • i profili formali e materiali delle consuetudini;
    • cenni per una tipologia delle consuetudini;
    • consuetudini, autonomia, identità.

L’azione giuridica c.d. specifica: la produzione di norme individuali

  • Le c.d. norme giuridiche individuali nella teoria generale del diritto.
  • Rinvio a lezione 7 b.
  • Rinvio a lezione 7 a. : posizione e uso delle norme giuridiche.

(segue) Il contratto tra autonomia ed eteronomia. La standardizzazione dei contratti

  • L’eteronomia come “nota” che caratterizza il concetto sociologico di norma giuridica.
  • Ragioni, dimensioni e limiti della c.d. autonomia.
  • Il contrattualismo come teoria politica.
  • Dallo status al contratto.
  • Il welfare state e il contratto.
  • Contratto, mercato libero, monopoli, oligopoli e cartelli.
  • Il contratto è fonte del diritto?
  • Potere negoziale e fiducia.
  • La formalizzazione/razionalizzazione della fiducia, la forma scritta.
  • I c.d. contratti per adesione.
  • Il super-mercato e l’autonomia contrattuale.
  • Da contraente a consumatore.

(segue) Il testamento

  • Il testamento tra autonomia ed eteronomia.
  • La dimensione simbolica del testamento.
  • La testamentary freedom nei sistemi di common law.
  • La libertà testamentaria e il formalismo testamentario nei sistemi di civil law.
  • Il significato storico-sociologico del sistema codicistico a “partie forcé“.

(segue) L’azione giurisdizionale: l’amministrazione, il processo, la sentenza

  • Alcune precisazioni sul concetto di azione giurisdizionale come azione specifica.
  • I profili formali: il giudice e il processo, la controversia e le parti, la sentenza.
  • I profili interazionali-comunicativi:
    • le aspettative normative e la disputa:
    • il sistema giuridico come istituzione;
    • consulenti e difensori;
    • l’accettazione della decisione;
    • decisioni giudiziarie e media.
  • Il libero convincimento del giudice e la motivazione della sentenza.

(segue) L’amministrazione, l’azione amministrativa e la burocrazia. Il provvedimento

  • I profili formali dell’azione amministrativa. Costituzione, legislazione e attività regolamentare. Il provvedere e il provvedimento.
  • I profili interazionali-comunicativi:
    • potere politico e discrezionalità;
    • la burocrazia quale istituzione;
    • l’analisi weberiana della burocrazia.
  • Autonomia ed eteronomia tra filosofia politica, sociologia del potere e sociologia giuridica.

Prossima lezione

L’azione giuridica. Le “identità” giuridiche.

a) La costruzione delle identità giuridiche. Gli effetti sociali delle identità giuridica.
b) Identità sociali e identità giuridiche. Il tipo tra identità sociali e identità giuridiche.
c) Identità giuridica e devianza. La labbelling theory.
d) Decisione, devianza e “etichette”.
e) Diritto e opinione del pubblico. Cenni e rinvio.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion