Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica
 
I corsi di Ingegneria
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Bruno Fadini » 7.Minimizzazione - Parte I - Modulo 2


Corso di Reti logiche

Minimizzazione – Parte I

Argomenti

  • Costo matematico e minimizzazione
  • Il processo di minimizzazione
  • Ricerca dei PI
  • Ricerca dei nucleo

Costo matematico e minimizzazione

  • Vantaggi di una forma “ridotta”
    • Maggiore compattezza dal punto di vista dell’algebra della logica
    • Realizzazione più economica dal punto di vista delle reti
  • Come valutare il COSTO di una funzione?
    • Costo di letterali, di porte, di ingressi
    • Costo di superficie occupata nel chip
  • L’obiettivo è la minimizzazione del costo
    • Minimizzazione matematica ≈ minimizzazione effettiva
  • IL PROCESSO CHE STUDIEREMO, nato all’epoca di altre tecnologie, È TUTTORA VALIDO COME PRIMO APROCCIO AL PROBLEMA

Costo matematico e minimizzazione

  • Non esiste un procedimento matematico per la determinazione della forma minima assoluta
  • Nella pratica si è interessati a determinare una forma elementare minima cioè una forma minima fra tutte quelle possibili a 2 livelli di tipo P (o dualmente di tipo S).
  • … o comunque la forma elementare mima è un buon punto di partenza per una minimizzazione effettiva
  • ed in teoria esistono metodi per minimizzare fra le forme elementari; porremo pertanto come segue il problema.
  • TROVARE LA FORMA ELEMENTARE MINIMA DI UNA FUNZIONE

Costo matematico e minimizzazione

Si può dimostrare che:

  • Una funzione può essere espressa come somma di soli suoi primi implicanti (in forma PI)
  • Una forma elementare che minimizzi i valori dei costi CL e CI è una forma PI
  • Fra le forme minime a 2 livelli che minimizzano CP ne esiste almeno una PI

Una forma minima (o una delle forme minime) si può sempre trovare fra le forme PI

  • Forma minima => PI
  • PI ≠> Forma minima

Il processo di minimizzazione

Minimizzazione ed implicanti

  • Minimizzazione: selezionare un numero minimo di PI in grado di “coprire” la funzione
  • Un PI “copre” i mintermini da cui è implicato
  • PI essenziale: è l’unico a “coprire” un mintermine della funzione.
  • Nucleo (N) di y: somma dei primi implicanti essenziali
  • Forma minima di y: y=N+R (con N o R eventualmente vuoti)
Nucleo (N) di y

Nucleo (N) di y


Il processo di minimizzazione

Le fasi per la minimizzazione

y=N+R

  • Ricerca di tutti i PI
    • ogni forma minima è una forma PI
  • Ricerca dei PI essenziali (formano N)
  • Copertura: ricerca dello (eventuale) R

Ricerca dei PI (Fase 1)

Metodo di Quine-Mc Cluskey (Quine)

  • Metodo del consenso ripetuto. aX+aX=X
  1. Per funzioni di n variabili si parte da k=n
  2. Si cercano i consensi fra le clausole d’ordine k, che sono clausole d’ordine k-1
  3. Se si è generato almeno un consenso con k, si pone k=k-1 e si prosegue dal punto 2
  4. Sono PI tutti gli implicanti che non hanno generato consenso

NELLA VERSIONE ORIGINALE (Quine) IL METODO PROCEDE ALGEBRICAMENTE

Ricerca dei PI (Fase 1)

Metodo di Quine-McCluskey (McCluskey)

AFFINA E SISTEMATIZZA I CONFRONTI CHE IDENTIFICANO I CONSENSI

  • Piuttosto che algebricamente, una clausola è indicata attraverso una stringa di “1″ (letterale affermato),”0″ (letterale negato) e “-” (letterale mancante)
  • Le clausole vengono raggruppate in classi contenenti ciascuna un egual numero di “1″ e ordinate per numero di “1″ della classe.
  • Il consenso può essere generato solo tra clausole appartenenti a classi contigue

I CONFRONTI AVVENGONO SOLO FRA CLAUSOLE DI CLASSI CONTIGUE, CON IL “-” IN POSIZIONE OMOLOGA

Ricerca dei PI (Fase 1)

Metodo grafico (Karnaugh)

  • I primi implicanti sono i sottocubi di “area massima”
    • si ricavano dall’ispezione visiva degli “1″ della funzione
Mappa di Karnaugh

Mappa di Karnaugh


Ricerca del nucleo (Fase 2)

Ricerca su “matrice di copertura”

  • y=N+R; N=Σ Ei; PI essenziale= unico a coprire un 1
  • Matrice di copertura:
    • Sulle righe i PI, sulle colonne i mintermini
    • Un “1″ all’incrocio se il PI “copre il mintermine (il mintermine implica il PI)
  • Un PI essenziale è associato ad una colonna con un solo “1″
  • Con la ricerca di tutti i PI essenziali si trova il nucleo

Ricerca del nucleo (Fase 2)

Ricerca su mappa di Karnaugh (in figura)

  • Con ispezione visiva si individuano gli “1″ coperti da un unico PI
  • Questi PI sono essenziali
Ricerca su mappa di Karnaugh

Ricerca su mappa di Karnaugh


Prossima lezione

Minimizzazione – Parte II – Modulo 2

I materiali di supporto della lezione

B. Fadini, A. Esposito, Teoria e Progetto delle Reti Logiche, Napoli Liguori Ed., II ed, 1994. Cap. II

U. De Carlini, B. Fadini, Macchine per l'elaborazione delle informazioni, Napoli Liguori Ed., II ed., 1995 (Capitoli III e VII)

B. Fadini, N. Mazzocca, Reti Logiche – Complementi ed Esercizi, Napoli Liguori Ed. 1995

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion