Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Lettere e Filosofia
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Gianluca Giannini » 20.Neo-umanesimo dell'a-essere (III parte)


Difettività ontologica

Tutto quel siamo sino ad ora venuti dicendo anche in direzione di una fondabilità dell’etica affonda le sue radici nel fatto che sorge, in ragione anche delle acquisizioni delle scienze coeve, l’esigenza di ridisegnare il perimetro e i contenuti dell’umanesimo tradizionale a partire dall’assunzione in ragione della quale l’uomo diviene, anzitutto, essendo privo di compiuto essere, cioè si stabilisce assumendo la sua difettività ontologica come struttura fondamentale.

Questa forma di consolidamento, allora, è davvero la messa in crisi e il conseguente superamento dell’ultimo bastione disponibile in direzione di una interpretazione metafisicamente fondata dell’umano.

Difesa dall’inesistenza

Se, infatti, l’uomo come esistente diventa se stesso nel momento in cui si esaspera ed esalta il timore d’essere cancellato dall’esistenza. Si riconosce cioè esistente conoscendosi nel rischio dell’inesistenza, ragion per cui può ben dirsi che l’inesistenza è al principio del suo esistere, gli esistenti stessi sono in quanto si fanno. Gli esistenti, in altri termini, non possono essere in quanto predeterminatamente sono, bensì in quanto divengono e il loro divenire è un continuo difendersi dall’inesistenza, una continua assunzione di coscienza della precarietà combattuta. L’esistere è un corpo a corpo contro l’instabilità per ciò non può essere che divenendo.

L’essere de-essenziale

Il fondamento dell’esistere, quindi, è da rintracciare nella difettività, ragion per cui la struttura ontologica dell’essere umano è letteralmente de-ontologica in quanto letteralmente deficitaria. L’essere, allora, come acutamente rilevato dal filosofo napoletano Pietro Piovani:

“è deessenziale. Il suo essere è solo l’essere ideale: un essere nell’irrealizzabilità, nel permanente divenire. Se si realizzasse in idea, se coincidesse col paradigma inattingibile, esisterebbe come non può mai esistere. L’essere in idea è in quanto non sia. Ogni realtà è in quanto diviene, ma diviene solo in quanto non coincide con l’idea, la quale muove e promuove l’esistere, ma non può esistere che come rivelazione di mancanza”.

Riferimenti:
Pietro Piovani, Oggettivazione etica e assenzialismo, Napoli, Morano Editore, 1981, pp. 129-130.

Quod deest me constituit

È questa la radice che ne dice del “chi” e “cosa” dell’umano: se è grazie al deficere che l’essere dell’uomo è, ovvero l’essere dà realtà all’essere dell’umano non perché è, ma perché non-è, in definitiva il suo essere è il suo non-essere, se ne può concludere che è proprio quod deest me constituit.

La de-ontologia

Quindi, è nel solco della de-ontologia che dev’essere collocato lo sforzo d’essere, la fatica del da-essere dell’uomo. Sebbene volente non volutosi, infatti, quantunque la sua struttura ontologica sia deficitaria, l’uomo continua, in questa tensione verso l’ideale, a voler continuare ad essere. Divenendo e facendosi, espandendosi con una capacità ibridativa e coniugativa doppia in quanto a motivi relazionali: di apertura al novum e all’alterità ma, anche, di divorazione di questo novum e dell’alterità. Dilatazione per-esistentiva che dice di un de-forme latore di conflitto.

Riscatto dall’a-essere

Indocile nel suo muoversi (per divenire) costante perché refrattario al suo a-essere originario, l’uomo si espande consapevolmente, volontariamente, in forma vivente: anzi il vivere per-existere dell’umano è proprio questa volontà, questo tentativo di riscatto dal suo a-essere.

Perfezionare l’imperfezione

Appena comincia a volere, quando in sostanza si verifica il salto nell’esistenza, che è mobilità, essere-in-fieri, l’uomo non può che voler continuare ad essere: se accetta, però, di esistere nel mutato orizzonte de-ontologizzato, non può che voler-continuare-ad-a-essere, laddove questa volontà è lo sforzo, anche sfrenato, di perfezionare tale imperfezione fondativa, senza però scatenare gli elementi sino a trasfigurare il sé in oggetto di auto-divorazione.

Necessità dell’assenza

Persino quando il dover-essere si ispira alla più nobile flessione di un agire a favore dell’umano, non è possibile eludere il transito per la consapevolezza de-ontologica, che implicando e imponendo le sabbie mobili di una nuova e provvisoria rifondazione in toto, apre alla possibilità residuale di un’etica situazionale precaria, perché appunto di volta in volta da legittimare e sottoporre all’accettazione d’altri. Bisogno metafisico che fa esplodere la metafisica, giacché tale bisogno riafferma se stesso non presupponendo il dato dell’essenza, ma costatando la necessità dell’assenza costitutiva dell’umanità dell’umano essente.

I materiali di supporto della lezione

Pietro Piovani, Oggettivazione etica e assenzialismo, Napoli, Morano Editore, 1981, pp. 129-130.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion