Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Gianluca Giannini » 8.Lo statuto (presunto) delle macchine


Lo statuto

Nella precedente lezione si è giunti alla determinazione in ragione della quale l’uomo è conatus essendi. Sforzo d’essere proteso nel tempo alla ricerca di un sovrappiù di tempo.

S’è anche detto che in ragione di questo la sua capacità performativa di progettazione/fabbricazione necessita di una rilettura, ovvero di integrazioni di considerazioni non solo e non tanto per estendere il discorso meramente relativo al trofismo costitutivo uomo-macchina ma, in fin dei conti, per cogliere – qualora vi fosse – lo statuto, che è dunque solo presumibile, delle macchine stesse.

In ultima istanza della tecnica/tecnologia.

Heinrich Popitz

Come ha ben capito Heinrich Popitz, “l’agire tecnologico si sviluppa a partire da una specifica caratteristica tecnologica dell’uomo, da una specifica possibilità insita nel suo organismo. La tecnica non compensa una insufficienza organica ma al contrario sfrutta una capacità organica”.

Riferimenti:
H. Popitz, Der Aufbruch zur Artifiziellen Gesellschaft (1995), trad. it. di G. Auletta, Verso una società artificiale, Roma, Editori Riuniti, 1996, p. 42.

Estensione di campo

Per cui, e in altri termini, l’applicazione tecnica, gli oggetti tecnologici hanno, da un lato, ampliato il dominio di intervento dell’uomo, dall’altro hanno contribuito a trasformare le sue stesse competenze, richiedendogli via via nuove prestazioni e nuove abilità.

In definitiva, quindi, la tecnologia e la tecnica non completano l’uomo. Estendono il suo campo di azione, manipolazione e deformazione.

Nuove vie di coniugazione

Meglio ancora: tecnica e tecnologia non soccorrono una forma originaria carente per protenderla in direzione di una compiutezza e, quindi, in direzione della perfezione; rendono “solo” accessibili nuove vie di coniugazione con l’interno e l’esterno senza un preciso finalismo che non sia quello per-esistentivo. Cioè senza alcuna finalità, senza che, in ultima istanza, tali vie si collochino all’interno di alcun sentiero onto-teo-logico che, dunque, ne renda plausibile e possibile una rilettura finalistica. Se non, appunto, il sopravvivere (ad ogni costo) e che fa a meno, nella sua rudezza performativa, d’ogni fregio teleologico.

Evento ibridativo

Se ci s’impegna ad assumere che l’uomo non è per nulla carente da un punto di vista biologico e che, inoltre, “non è vero che l’uomo si rende completo attraverso la cultura, bensì è molto più plausibile ritenere che l’uomo si percepisca incompleto a seguito della cultura”, è possibile intendere il cosiddetto processo culturale come “‘evento ibridativo’, ossia nei termini di una ‘esternalizzazione’ realizzata attraverso [...] l’uso di uno strumento, la partnership con un’altra specie, il conferimento di un significato, la proposizione di una teoria – in breve tutto ciò che attiva una coniugazione con la realtà esterna”.

Riferimenti:
R. Marchesini, Post-human. Verso nuovi modelli di esistenza, Torino, Bollati Boringhieri, 2002, p. 24 e p. 25.

Roberto Marchesini

Roberto Marchesini


Evento ibridativo (segue)

È questo “evento ibridativo”, assunto quale processualità che storicamente si determina, a farne e dirne dell’umano e della sua specificità. È nell’esplicitarsi della ibridazione che “è” la cultura, ragion per cui non vi è più dicotomia con la natura. Ovvero la cultura non è più da assumere quale mero completamento della natura in conseguenza della incompletezza originaria bensì, per certi versi, come “motore della natura” in ragione della sua capacità di retroazione sul sistema-uomo stesso.

E qui, come si capisce, lo statuto delle macchine (precipitato fisico della cultura come concrescenza sapienziale) è completamente rovesciato.

Statuto rovesciato

Dire che lo statuto delle macchine è completamente rovesciato, vuol dire che la macchina (le macchine) non svolge semplicemente funzioni che accrescono le chance del conatus essendi di persistere.

Vuol dire che la macchina (le macchine) è:

  1. vitalmente connessa con l’uomo;
  2. ne segna un ampliamento di orizzonte non meramente conoscitivo, bensì di possibilità/capacità ibridativa, cioè coniugativa che non necessariamente deve perseguire un fine;
  3. che la macchina non è senza l’uomo ma, superata una certa soglia, l’uomo non è più senza macchine.

Da utensile a radice

Ciò vuol dire che la macchina/le macchine non sono più meri utensili ma, in maniera più profonda, costituiscono radici espansive dell’uomo stesso.

E questo vuol dire, in ultima istanza, che la categoria di homo materia che si è introdotta nelle lezioni precedenti necessita di rivisitazione integrale rispetto anche alla posizione inquietante ed inquietata con la quale Anders l’aveva introdotta.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion