Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica
 
I corsi di Lettere e Filosofia
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Rocco Pititto » 1.Filosofia della mente: contenuti, problemi, metodi


Perché una filosofia della mente?

Sono convinto che «la filosofia della mente sia l’argomento più importante della filosofia contemporanea e che le posizioni correnti – dualismo, materialismo, comportamentismo, funzionalismo, computazionalismo, eliminativismo, epifenomenismo – siano false» (J. R. Searle, La mente, p. 9).

Per una serie di ragioni storiche e culturali, è divenuta l’argomento centrale della filosofia contemporanea.

La svolta linguistica, che ha caratterizzato gran parte della filosofia del Novecento, si è trasformata negli ultimi decenni in svolta mentalistica.

Molte sono le discipline che concorrono alla determinazione di una filosofia della mente: filosofia, linguistica, neuroscienze, scienze cognitive delimitano il campo della Filosofia della mente.

La materia che mente

La filosofia della mente è lo studio filosofico della mente, degli atti, delle funzioni mentali e della coscienza, e delle loro relazioni con il cervello, il corpo e il mondo.

La filosofia della mente si addentra nelle questioni di fondo e nei problemi metodologici che stanno dietro la ricerca scientifica sulla mente, usando sia il metodo speculativo (con esperimenti mentali), sia tenendo conto dei risultati ottenuti nella ricerca empirica e strumentale.

Molte sono le le domande, cui è necessario dare una risposta, nell’ambito di una filosofia della mente:
Che cos’è la mente? Può la materia pensare? Dov’è l’anima? Che relazione c’è tra cervello, pensiero e linguaggio? La coscienza umana è un software?

Al di là del cervello

La mente è l’oggetto principale che distingue l’essere umano dagli altri esseri viventi dotati di cervello.

Le questioni aperte sulla natura e sulle caratteristiche della mente diventano per il filosofo un’interrogazione etica, perché includono problemi come il comportamento dell’uomo, il libero arbitrio o la responsabilità personale.

La filosofia della mente tiene conto della ricerca scientifica, ma mette questa in relazione con la riflessione filosofica, in modo da offrire sempre nuove indicazioni per la sperimentazione in altre discipline connesse, come le scienze cognitive.

Corpo e pensiero

Nonostante l’enorme quantità di informazioni fornite dalle moderne neuroscienze, sul problema mente-cervello, persistono, tuttavia, opinioni filosofiche differenti, spesso contrastanti.

Cartesio è stato il primo filosofo a formulare chiaramente la relazione tra mente e cervello, distinguendo la materia fisica (res extensa) dall’esperienza di coscienza personale (res cogitans).

Compito di una filosofia della mente è risolvere questo problema fondamentale ed arrivare ad una efficace ed esauriente scienza della coscienza.

Corpo o Pensiero?

La distinzione cartesiana determina i due termini estremi di tutto il dibattito successivo intorno al rapporto tra mente e cervello:

  • da un lato, la posizione dualista individua nella mente una capacità esterna alla natura ed alla materialità del cervello, considerandola un’entità metafisca che sfugge alla possibilità di un’analisi scientifica;
  • dall’altro lato, la posizione monista sostiene l’esistenza di una sola realtà materiale (la res exstensa) per cui mente e cervello coinciderebbero.

Quale la soluzione più attendibile, che salvaguardi il funzionamento del cervello e l’attività della mente? Nell’uomo è la funzionalità del cervello che assicura l’attività della mente. Lesioni del cervello determinano patologie, che incidono sull’attività della mente.

Coscienza, Intenzionalità e Riproducibilità

Nell’ambito delle ricerche filosofiche sulla mente, tre sono i problemi più controversi, intorno a cui sembra nascere il maggior numero di controversie tra posizioni e discipline scientifiche differenti:

  1. la questione della coscienza (ovvero della consapevolezza di sé, delle proprie azioni e del mondo esterno);
  2. la questione dell’intenzionalità (ovvero della capacità di dirigere la coscienza verso qualcosa);
  3. la questione dell’intelligenza artificiale (ovvero della possibilità di riprodurre la coscienza e l’intenzionalità umane).

Perciò, come intendere la coscienza? Quale valore dare all’intenzionalità? È possibile, e auspicabile, una intelligenza artificiale?

Sono questioni, ciascuna delle quali si presenta con posizioni diverse, riconducibili agli orientamenti degli autori di riferimento.

Linee principali di ricerca

Studiare la mente, oggi, significa avere la consapevolezza che l’inizio dell’umanità abbia a che fare con l’affermazione di un’attività mentale, un’attività che si trova assente, o assolutamente limitata, nel mondo animale non umano.

Due sono gli orientamenti principali che hanno contrassegnato gli studi a riguardo: alla concezione di origine cartesiana che privilegia la dimensione soggettiva, esperienziale e privata del fatto mentale, si contrappone una seconda concezione che considera il mentale come lo spazio oggettivamente determinato da fattori biologici e culturali.

Se da una una parte avere una mente significa essere il soggetto delle attività mentali, dall’altra significa avere la consapevolezza della propria soggettività e la capacità di tradurla in parole.

Linee principali di ricerca (segue)

Honda Asimo. Uno dei più avanzati robot bipedi. Fonte: Wikipedia

Honda Asimo. Uno dei più avanzati robot bipedi. Fonte: Wikipedia

Una scena del film Matrix A. e L. Wachowski 1999. Fonte: Wikipedia

Una scena del film Matrix A. e L. Wachowski 1999. Fonte: Wikipedia


Nella prossima lezione

Lezione 2: Perché l’uomo è un essere “speciale”

  • L’unicità dell’essere umano
  • L’uomo: essere “speciale” o animale “evoluto”
  • L’uomo essere “speciale: una domanda senza risposta?
  • Un animale “singolare”
  • Il linguaggio: “specialità” dell’essere dell’uomo
  • Etica e responsabilità
  • Che cosa fa dell’uomo un uomo
  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion