Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Lettere e Filosofia
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Nicola Russo » 21.Il Fedro di Platone II


La palinodia di Socrate

La divinità di Eros e l’introduzione del tema dell’anima

  • Il pathos erotico viene descritto come una mania inviata dal dio come dono agli uomini [244 a6], per l’educazione della loro anima.
  • In accordo con quanto prima asserito circa la necessità di mettere in luce l’essenza di una cosa prima di poter parlare intorno ad essa, Socrate afferma: “Prima di tutto, dunque, vedendo le sue passioni e le sue azioni, bisogna intendere il vero circa la natura dell’anima divina e umana”.

La dottrina platonica dell’anima nel Fedro

Natura ed essenza dell’anima

  • Il discorso sulla natura dell’anima guarda alle modalità fisiche (nel senso di physis) del suo realizzarsi entro la dimensione vitale, quindi innanzitutto alla kinesis.
  • La modalità della kinesis dell’anima è l’automovimento. Infatti l’anima è immortale poiché “solamente ciò che muove se stesso non cessa mai di muoversi, in quanto non lascia mai se stesso, anzi è fonte e principio di movimento anche per le altre cose che si muovono”.

Gli attributi dell’anima

La declinazione ontologica del discorso circa la natura dell’anima

  • L’anima, non abbandonando se stessa, ossia permanendo nell’identità, è arché kineseos, principio del movimento.
  • In quanto tale, non avendo un principio al di fuori di se stessa, l’anima è ingenerata, immortale, incorruttibile.
Canova: Amore e Psyche

Canova: Amore e Psyche


Il radicamento del divenire nell’ingenerato

L’essenza come fondamento della natura

  • La determinazione dell’essenza a partire dalla natura è precisamente la fuoriuscita dalla natura verso l’essenza, nella forma del radicamento della dimensione del gignesthai in quella dell’ageneton.
  • È infatti necessario che tutto ciò che è generato si generi da un principio; mentre questo non è generato da nessuna cosa.
  • Questo mondo dell’ageneton, il mondo dell’arché, è in ultima analisi la dimensione dell’essere come identità: “è principio del movimento lo stesso che muove se stesso”.

Prossima lezione

Il Fedro di Platone III

  • Il mito della biga alata
  • La pianura della verità
  • Synagoge e Diairesis
  • Anima umana e anima divina

I materiali di supporto della lezione

Platone, Fedro, Milano, Bompiani, 2002, pp. 100 ss.; pp. 104 ss

Lezione 21 - Nicola Russo - Filosofia teoretica

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion