Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Nicola Russo » 21.Il Fedro di Platone II


La palinodia di Socrate

La divinità di Eros e l’introduzione del tema dell’anima

  • Il pathos erotico viene descritto come una mania inviata dal dio come dono agli uomini [244 a6], per l’educazione della loro anima.
  • In accordo con quanto prima asserito circa la necessità di mettere in luce l’essenza di una cosa prima di poter parlare intorno ad essa, Socrate afferma: “Prima di tutto, dunque, vedendo le sue passioni e le sue azioni, bisogna intendere il vero circa la natura dell’anima divina e umana”.

La dottrina platonica dell’anima nel Fedro

Natura ed essenza dell’anima

  • Il discorso sulla natura dell’anima guarda alle modalità fisiche (nel senso di physis) del suo realizzarsi entro la dimensione vitale, quindi innanzitutto alla kinesis.
  • La modalità della kinesis dell’anima è l’automovimento. Infatti l’anima è immortale poiché “solamente ciò che muove se stesso non cessa mai di muoversi, in quanto non lascia mai se stesso, anzi è fonte e principio di movimento anche per le altre cose che si muovono”.

Gli attributi dell’anima

La declinazione ontologica del discorso circa la natura dell’anima

  • L’anima, non abbandonando se stessa, ossia permanendo nell’identità, è arché kineseos, principio del movimento.
  • In quanto tale, non avendo un principio al di fuori di se stessa, l’anima è ingenerata, immortale, incorruttibile.
Canova: Amore e Psyche

Canova: Amore e Psyche


Il radicamento del divenire nell’ingenerato

L’essenza come fondamento della natura

  • La determinazione dell’essenza a partire dalla natura è precisamente la fuoriuscita dalla natura verso l’essenza, nella forma del radicamento della dimensione del gignesthai in quella dell’ageneton.
  • È infatti necessario che tutto ciò che è generato si generi da un principio; mentre questo non è generato da nessuna cosa.
  • Questo mondo dell’ageneton, il mondo dell’arché, è in ultima analisi la dimensione dell’essere come identità: “è principio del movimento lo stesso che muove se stesso”.

Prossima lezione

Il Fedro di Platone III

  • Il mito della biga alata
  • La pianura della verità
  • Synagoge e Diairesis
  • Anima umana e anima divina

I materiali di supporto della lezione

Platone, Fedro, Milano, Bompiani, 2002, pp. 100 ss.; pp. 104 ss

Lezione 21 - Nicola Russo - Filosofia teoretica

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion