Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Lettere e Filosofia
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Nicola Russo » 22.Il Fedro di Platone III


Il mito della biga alata

L’esposizione dell’idea di anima nella forma dello eikos logos

  • Il discorso umano non può dire la forma pura dell’idea, poiché essa è visibile solo al dio: deve perciò accontentarsi della verosimiglianza.
  • L’anima è come una biga alata, il cui auriga è l’intelletto: prima di cadere nel corpo generato, ha volato insieme alle schiere divine nella “pianura della verità”, contemplando puramente le idee.
Psyche

Psyche


La pianura della verità

La descrizione mitica del mondo delle idee

  • L’anima, nella pianura della verità, vede (nel senso della theoria) la ousia ontos ousa: l’essenza essenzialmente essente.
  • Solo di ciò si dà alethes episteme, che “non è quella prossima alla generazione, né quella che è altra tra gli altri ai quali noi ora diamo il nome di enti, ma la scienza che è in ciò che è essenzialmente essente”.
  • Dunque non la scienza che concernendo ciò che è altro, ossia ciò che vige nella differenza, è essa stessa altra, ossia non identica a se stessa e vigente nella separatezza e distinzione, ma la scienza che è uno con l’essere.

Synagoge e Diairesis

La conoscenza alla luce delle idee

  • L’anima è tanto più umana, quanto più ha goduto della visione delle idee. Le anime superiori sono quelle del philosophos, del philokallos, del mousikos e dell’erotikos.
  • A partire dalla anamnesis delle idee, l’uomo è in grado di riunire il molteplice sensibile secondo lo eidos (synagoge), così come di dividere quanto è così riunito nelle sue articolazioni naturali (diairesis).

Anima umana e anima divina

Il rapporto tra eidos e idea

  • L’essenza ideale è priva di figura, ma l’uomo può dirla solo secondo l’aspetto (eidos): egli, a differenza del dio, non contempla attualmente le idee, ma nutre solo la memoria di tale theoria.
  • Per questo il discorso umano rimane eikos logos: poiché l’uomo non può parlare nell’unità di logos e on, ma solo nella tensione del logos all’on.
  • Il logos umano non è quindi immediatamente theoria, ma rimane tensione, passione, e quindi amore verso la theoria: philosophia.

Prossima lezione

Il Fedro di Platone IV

  • L’ora e l’eterno
  • La risoluzione dell’ipotesi ontologica in una tesi ontologica
  • La differenza come unità
  • L’idea di Bellezza

I materiali di supporto della lezione

Platone, Fedro, Milano, Bompiani, 2002, pp. 106 ss.; pp. 112 ss.

La nascita della dialettica in Platone

Lezione 22 - Nicola Russo - Filosofia teoretica

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion