Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Nicola Russo » 23.Il Fedro di Platone IV


L’ora e l’eterno

La struttura temporale della differenza tra cose ed enti

  • Le cose sono ciò che noi ora (nyn) chiamiamo enti, solo per analogia con gli enti veri, che sono ciò che è sempre (aei).
  • I veri enti, però, non si manifestano a noi direttamente: ergo non sono le cose, ma ciò di cui le cose sono solo imitazioni. La separazione tra cose ed enti è così perfettamente compiuta.
Gabriele Giannantoni

Gabriele Giannantoni


La risoluzione dell’ipotesi ontologica in una tesi ontologica

Differenza e sdoppiamento

  • Lo sdoppiamento, che si articola in questa serie di polarità: alto-basso, sempre-ora, invisibile-sensibile, si mostra all’inizio dell’ontologia come un capovolgimento, che si radica nella risoluzione dell’ipotesi ontologica in una tesi ontologica.
  • Se di fronte alla differenza cosa-ente, spostiamo l’accento sull’entità, e quindi radichiamo la cosa nel suo essere ente per un logos, allora dobbiamo porre l’ente essenzialmente essente prima della cosa, che così nella sua manifestatività è solo apparenza di ciò che non si manifesta.

La differenza come unità

La cosa e il suo spazio di invisibilità

  • La differenza cosa-ente va dunque pensata come unità, e in nessun modo come separazione o addirittura capovolgimento, unità del manifesto e del nascosto.
  • Il fainesthai non può più essere separato dall’on, ridotto rispetto all’on o addirittura contrapposto all’on: il fainesthai è solo il modo in cui ogni cosa è per un’altra, compreso il logos.

L’idea di Bellezza

La bellezza come il più manifesto

  • Il tralucere, entro il sensibile, del sovrasensibile, cui ci volgiamo confusamente in un desiderio di riunione.
  • La bellezza come il più manifesto (ekfanestaton) e quindi il più amabile (erasmiotaton).
  • Dunque Eros, colui che ispira la filosofia e fa “mettere le ali” all’anima, è l’amore per il puramente manifesto, per la verità in senso greco.

Prossima lezione

Il Timeo di Platone I

  • Introduzione al dialogo
  • Il proton diaireteon
  • I modi della conoscenza
  • Il nesso tra il sensibile e l’arché

I materiali di supporto della lezione

Platone, Fedro, Milano, Bompiani, 2002, pp. 74 ss; pp. 100 ss; pp. 150 ss; pp. 151 ss

Lezione 23 - Nicola Russo - Filosofia teoretica

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion