Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Nicola Russo » 16.L'ipotesi ontologica II


La prima definizione

L’ipotesi ontologica è prima della verità

  • La verità come adaequatio e l’esser-così della cosa, che il logos può affermare (essendo così nel vero) o negare (cadendo così nel falso)
  • La verità come manifestazione ha a che fare con il fatto che per il logos si diano cose in quanto enti, ove il loro essere prese in considerazione “in quanto enti” – e quindi come qualcosa intorno a cui si può dire il vero o il falso – è prestazione del logos, mentre la loro manifestatività concreta in quanto cose non è prodotta dal logos.
Karl otto Apel

Karl otto Apel


La seconda definizione

L’ipotesi ontologica dice la modalità del nesso logos-on: chiarificazioni preliminari sul concetto di logos

  • Il termine Logos ci indirizza al momento germinale dello spirito occidentale.
  • Logos dice l’unità di pensare, dire, discorrere, motivare.
Remo Bodei

Remo Bodei


La terza definizione

Il nesso logos-on è nella forma dell’ipotesi

  • Il nucleo dell’ipotesi ontologica: il logos “ipotizza” l’essere, ossia non può dire se non l’ente. Con ciò cancella la differenza della cosa.
  • L’ipotesi rimane celata, poiché non si manifesta affatto nelle cose, ma solo nel logos che le pensa e le dice enti, solo nel logos propriamente filosofico. E quindi solo quando il logos guarda alla propria stessa manifestatività, è in grado di porre in luce l’ipotesi dell’essere.

Ancora sulla terza definizione

Intorno a Parmenide e al Teeteto di Platone

  • L’identità parmenidea tra logos e on e il suo nesso con la verità.
  • Il confronto platonico con Eraclito e Protagora: la critica del sensismo come rifiuto che nel phainesthai si dia l’essere delle cose.
  • L’essere, in quanto ciò che è comune ad ogni hekaston, non è nella cosa che si manifesta, ma nel logos e solo per questo il logos può anche attribuirlo all’oggetto dei sensi, dicendone quindi l’esser-così determinato e in tal modo conoscendolo in verità.
Parmenide

Parmenide

Protagora

Protagora


Prossima lezione

L’ipotesi ontologica III

  • La quarta definizione
  • La quinta definizione
  • Sesta, settima e ottava definizione
  • Le ultime due definizioni

I materiali di supporto della lezione

M. Heidegger, La dottrina platonica della verità, in Segnavia, Milano, Adelphi, 1994, pp. 159 ss.

Lezione 16 - Nicola Russo - Filosofia teoretica

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion