Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Lettere e Filosofia
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Nicola Russo » 16.L'ipotesi ontologica II


La prima definizione

L’ipotesi ontologica è prima della verità

  • La verità come adaequatio e l’esser-così della cosa, che il logos può affermare (essendo così nel vero) o negare (cadendo così nel falso)
  • La verità come manifestazione ha a che fare con il fatto che per il logos si diano cose in quanto enti, ove il loro essere prese in considerazione “in quanto enti” – e quindi come qualcosa intorno a cui si può dire il vero o il falso – è prestazione del logos, mentre la loro manifestatività concreta in quanto cose non è prodotta dal logos.
Karl otto Apel

Karl otto Apel


La seconda definizione

L’ipotesi ontologica dice la modalità del nesso logos-on: chiarificazioni preliminari sul concetto di logos

  • Il termine Logos ci indirizza al momento germinale dello spirito occidentale.
  • Logos dice l’unità di pensare, dire, discorrere, motivare.
Remo Bodei

Remo Bodei


La terza definizione

Il nesso logos-on è nella forma dell’ipotesi

  • Il nucleo dell’ipotesi ontologica: il logos “ipotizza” l’essere, ossia non può dire se non l’ente. Con ciò cancella la differenza della cosa.
  • L’ipotesi rimane celata, poiché non si manifesta affatto nelle cose, ma solo nel logos che le pensa e le dice enti, solo nel logos propriamente filosofico. E quindi solo quando il logos guarda alla propria stessa manifestatività, è in grado di porre in luce l’ipotesi dell’essere.

Ancora sulla terza definizione

Intorno a Parmenide e al Teeteto di Platone

  • L’identità parmenidea tra logos e on e il suo nesso con la verità.
  • Il confronto platonico con Eraclito e Protagora: la critica del sensismo come rifiuto che nel phainesthai si dia l’essere delle cose.
  • L’essere, in quanto ciò che è comune ad ogni hekaston, non è nella cosa che si manifesta, ma nel logos e solo per questo il logos può anche attribuirlo all’oggetto dei sensi, dicendone quindi l’esser-così determinato e in tal modo conoscendolo in verità.
Parmenide

Parmenide

Protagora

Protagora


Prossima lezione

L’ipotesi ontologica III

  • La quarta definizione
  • La quinta definizione
  • Sesta, settima e ottava definizione
  • Le ultime due definizioni

I materiali di supporto della lezione

M. Heidegger, La dottrina platonica della verità, in Segnavia, Milano, Adelphi, 1994, pp. 159 ss.

Lezione 16 - Nicola Russo - Filosofia teoretica

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion