Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Nicola Russo » 18.L'ipotesi ontologica IV


Il passaggio dalla dimensione formale a quella materiale dell’ipotesi ontologica

La domanda cruciale: cosa è posto con l’essere?

  • Ogni cosa ha nella sua concretezza tutto quel che le serve: l’essere della cosa è sempre aggiunto ad essa per un logos che la pensa o la dice.
  • Il logos eguaglia la cosa e l’ente, così che, al suo interno, non siamo più capaci di dire la differenza.

Sulla possibilità di dire la cosa

Le condizioni della traducibilità del mondo nel logos

  • Prima condizione è ricordare la differenza, sapendo di non poterla puramente enunciare.
  • Seconda condizione è comprendere pienamente cosa è posto con l’essere: l’identità per il logos tra cose ed enti. L’elemento cruciale è l’identità.
Sasso

Sasso


Con che diritto distinguiamo cose ed enti?

Come sappiamo che il logos raddoppia la concretezza delle cose nell’entità degli enti tramite l’equazione del loro essere?

  • Il senso del tutto preliminare e determinatissimo di essere è enfaticamente “essere ciò e non altro”: id esse.
  • Così l’identità è ipotizzata per ogni concretezza delle cose laddove esse siano enti per un logos. E il raddoppiamento consiste inizialmente e sostanzialmente nella equazione che distingue tra l’esistere della cosa e il suo essere la cosa che è.
Kierkegaard

Kierkegaard


Le parole non sono le cose

Essere ed esistere: l’equazione impossibile

  • Nietzsche: “logos e on non si incontrano mai”.
  • Ove la filosofia tenti la concretezza delle cose, del mondo e della natura, è destinata a scontrarsi contro i propri limiti.
  • Il mondo e la natura “sono”, primariamente e di tutta la concretezza, non raddoppiata, ma vigente nella sua immediata determinazione ed indeterminabile determinabilità, eppure questo dire rimane speculazione, raddoppiamento e traduzione entro il logos del mondo in vista del suo essere, e quindi della sua identità.
Nietzsche (così è se vi pare)

Nietzsche (così è se vi pare)


Prossima lezione

L’ipotesi ontologica V

  • La deduzione delle ontologie regionali dall’ontologia generale
  • L’ipostasi del mondo sensibile
  • L’ipostasi della diade anima-corpo
  • L’esito nichilistico

I materiali di supporto della lezione

M. Heidegger, Dell'essenza del fondamento, in Segnavia, Milano, Adelphi, 1994, pp. 79 ss.

Identità: logica e ontologia

Lezione 18 - Nicola Russo - Filosofia teoretica

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion