Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Valeria Viparelli » 2.Le unità di base della morfologia latina


Le parole

Proprietà delle parole

  • La parola è un’unità linguistica primitiva, facilmente accessibile all’intuizione dei parlanti, moderni e antichi.
  • La parola ha proprietà semantiche. E’ attraverso le parole che i parlanti trasmettono il significato del loro pensiero.
  • La parola ha proprietà sintattiche. Sono le parole che, combinandosi tra loro, costruiscono quelle unità più grandi, cioè i sintagmi e le frasi, che sono oggetto di studio della sintassi.

Sintagma, frase, sintassi

Struttura interna delle parole

La parola ha anche una sua struttura interna.

La maggior parte delle parole possono variare la loro forma e il loro significato. La struttura di ogni parola variabile è scomponibile in unità minori dotate di significato ed è combinabile strettamente con altri elementi.

Alcune regole operative combinano gli elementi primitivi in modo da produrre le parole che concretamente appaiono alla superficie della lingua.

La struttura interna delle parole

La morfologia

Lo studio della forma delle parole

La morfologia, (cioè “studio della forma”), si occupa della struttura interna delle parole e dei processi che intervengono nella loro formazione o trasformazione.

La morfologia della flessione

La morfologia flessiva si occupa dell’insieme di regole che assegnano in una determinata lingua le informazioni grammaticali alle unità lessicali attraverso l’uso dei morfemi flessivi. I morfemi flessivi, o morfemi grammaticali, sono gli elementi variabili della parola, comunemente definiti come uscite o desinenze o terminazioni.

La flessione interessa tutte le parti del discorso variabili, ossia quelle soggette alle modificazioni formali (nell’italiano: nome, verbo, aggettivo, pronome, articolo).

La morfologia della derivazione

La morfologia della derivazione si occupa dei processi di formazione delle parole che sono responsabili del rinnovamento lessicale di un sistema linguistico.

Le unità di base della morfologia latina

Quali sono le unità di base della morfologia latina?

Il primo problema per il latino è quello di definire quali siano le unità minime del sistema morfologico.

Le parole?

Le unità minime del sistema morfologico latino non sono le parole semplici che appaiono alla superficie della lingua e sono contenute in un comune vocabolario, come si potrebbe facilmente pensare a partire dall’esame di una lingua a flessione ridotta.

Il latino è una lingua a flessione ricca e avviene molto di rado che i morfemi flessivi si aggiungano semplicemente ad una forma di base che sia essa stessa una parola già esistente.

Le parole?

Le unità minime del sistema morfologico latino non sono nemmeno le due forme flesse che i vocabolari usano come forma di citazione delle parole latine.

Nel vocabolario latino i nomi sono citati nella forma del nominativo e del genitivo singolare, i verbi nella forma della prima e della seconda persona singolare dell’indicativo presente. Le forme citate dai vocabolari latini sono parole flesse, che non possono essere considerate le unità di base per il funzionamento della morfologia. Esse sono troppo ‘concrete’ per essere utili alla ricerca delle unità fondamentali del sistema morfologico latino.

Lessicologia e lessicografia

Le radici?

L’unità di base per il funzionamento della morfologia latina non può essere neanche la radice della parola.

La radice è l’elemento irriducibile che una parola ha in comune con tutte le parole appartenenti alla stessa famiglia. Contiene il significato fondamentale della parola e rappresenta la parte semantica comune a più parole. Ma il comportamento morfologico di una parola, come non è prevedibile a partire da una sua sola forma flessa, non è prevedibile a partire dalla sua sola radice. Una stessa radice, infatti, dà origine, in maniera diversa, a nomi, verbi e aggettivi.

I temi

L’unità di base per il funzionamento della morfologia latina è un’unità intermedia tra la parola che appare alla superficie della lingua e la radice. L’unità di base, una forma definibile solo per mezzo dell’analisi linguistica, verrà chiamata d’ora in poi ‘tema’.

Il tema è la parola priva di flessione; è perciò qualcosa di più astratto rispetto a una parola ma anche qualcosa di più concreto rispetto a una radice perché oltre al significato lessicale contiene anche, come vedremo, una certa informazione grammaticale.

Prossima lezione

Le classi flessive del latino

Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion