Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica
 
I corsi di Lettere e Filosofia
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Antonella Borgo » 17.La letteratura epistolare. Struttura e temi


Un genere nuovo

Con le epistole, di tono colloquiale come i sermones, ma indirizzate ognuna a un amico, Orazio inaugura un genere letterario nuovo, quello dell’epistola in versi.
Le lettere vere e proprie erano infatti di carattere politico-diplomatico o, come quelle di Cicerone, autobiografico.
In ogni caso erano redatte in prosa.


Lo studio di sé: la filosofia

Nelle sue epistole invece Orazio, ormai maturo, riprendendo temi di interesse morale già trattati in precedenza, soprattutto nelle satire, esprime l’intenzione di approfondire la conoscenza di sé grazie anche al sostegno della filosofia.

L’epistola 1, 1: una dichiarazione di intenti

Nella prima epistola del primo libro, indirizzata a Mecenate e di carattere programmatico perché posta in apertura della raccolta, il poeta esprime la sua intenzione di abbandonare i temi leggeri della lirica per dedicarsi alla ricerca e all’acquisizione della virtù (verum atque decens: v. 11).


La libertà interiore

La filosofia servirà tuttavia a offrirgli solo delle indicazioni generali: ai vv. 13-19 Orazio dichiara di non essere disposto ad accettare la disciplina e le rigide regole di una scuola, ma di voler piuttosto dirigersi là dove di volta in volta lo spinge la necessità, come un hospes sbattuto dalla tempesta.

Una virtù praticabile

D’altronde, anche il suo obiettivo è modesto e consapevole dei limiti comuni a lui e alla maggior parte degli uomini: cosciente di non poter aspirare alla conquista completa della virtù, non si lascia scoraggiare dalla possibilità di possederla almeno in parte (vv. 28-32).


La virtù come percorso

Orazio, infatti, non intende la virtù come l’obiettivo finale di un lungo itinerario di studio, ma come un’acquisizione progressiva, implicita già nell’intenzione di abbandonare il vizio: virtus est vitium fugere, et sapientia prima / stultitia caruisse (“virtù è fuggire il vizio, e la prima forma di saggezza è l’essersi liberati dalla pazzia>>: vv. 41 s.).

L’inquietudine interiore

Tuttavia, all’origine di ogni vizio, avidità, ambizione, invidia, corruzione, c’è per lui l’inquietudine interiore che non ci permette neanche di essere preda di un unico difetto ma ci dilania tra vizi e desideri contrastanti (vv. 80-82).

La difficile coerenza

È questo male interiore, suggerisce Orazio, che bisogna sanare; è a questo che deve provvedere l’amico vero piuttosto che badare all’aspetto esteriore e a vane apparenze (vv. 94-105).


L’ironica conclusione

La conclusione dell’epistola è però in linea con l’impostazione ironica e volutamente leggera che Orazio intende dare alla sua poesia: come sostengono gli stoici, la sapienza è l’unico bene, è vera libertà, vera ricchezza, vera salute … purché non ci colga il catarro! (vv. 106-108).


L’epistola di chiusura

Di tutt’altro tono, l’epistola 20, l’ultima del libro, si configura come un ironico congedo giocato su un doppio senso: il liber che, giunto a termine, smania per uscire dallo studio del poeta e lanciarsi sul mercato, è come un puer desideroso di lasciare la casa in cui è cresciuto per conoscere il mondo.


I rischi del mercato

Ma i pericoli, per il nuovo libro come per un giovane inesperto, sono tanti: che il pubblico che prima lo amava si stanchi (vv. 6-8); che la vecchiaia lo sciupi e lo condanni alla solitudine (vv. 11-13); che sia relegato a mansioni di scarsa importanza (vv. 17s.).

I versi finali

Gli ultimi versi, di carattere autobiografico, contengono una presentazione del poeta (vv. 19-28): una vera e propria σΦραγíς secondo l’uso alessandrino, con la quale Orazio, nel congedarsi dal suo pubblico, sancisce i suoi diritti autoriali.


I materiali di supporto della lezione

Oltre ai commenti alle singole epistole, sono di utile lettura le pagine che E. Fraenkel dedica al primo libro dell’opera in Orazio, trad. it., Roma 1993, pp. 421-495.

Per uno sguardo di insieme sul genere epistolare cf. P. Cugusi, L’epistolografia. Modelli e tipologie di comunicazione, in Lo spazio letterario di Roma antica, vol. II, Roma 1989, pp. 379-419.

Approfondimento

Il Podcast della lezione

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion