Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Marisa Squillante » 9.Il rifiuto della mitologia e il realismo dell'epigramma di Marziale


Il rifiuto della mitologia e il realismo dell’epigramma di Marziale

La vita e l’uomo oggetti della poesia epigrammatica di Marziale.

Rifiuto polemico della mitologia che allontana dalla realtà.

Rifiuto di ogni atteggiamento censorio.

Rifiuto polemico dell’eccessiva enfasi erudita.

Struttura dell’epigramma

Bipartizione: descrizione realistica e battuta finale.

VIII 79Fabulla tutte le tue amiche sono vecchie/eppure più brutte e più racchie delle donne vecchie./Tu le porti con te, le trascini con te,/nei banchetti, sotto i portici, a teatro./Solo così Fabulla sembri una bella ragazzina.”

Descrizione della quotidianità

Degrado della città:

XII 57, 24-27Là negli intimi recessi dei palazzi, è il sonno: nessuna voce turba i silenzi e il giorno non entra se non quando è voluto. A me pure le risate della gente che passa rompono il sonno, e tutta Roma è al mio capezzale.”

Abitudini gastronomiche dei Romani

I 43, 1-8: “Siamo stati invitati in sessanta, Mancino/e ci hai portato da mangiare soltanto un cinghiale./Non ci hanno servito l’uva conservata a lungo nelle vigne,/né le mele cotogne che gareggiano in dolcezza col miele,/né le pere legate che pendono da un lungo ramo di ginestra,/né le melograne di Cartagine dal colore delle rose caduche,/ né i formaggi lattosi mandati da Sarsina contadina,/né le olive all’ascolana dagli orci piceni.”

Disegno del degrado morale della Roma coeva

I 37La merda, Basso, la fai in un vaso d’oro- e non ti vergogni, tu./Il vino lo versi nel vetro. Dunque la tua merda vale di più“.

IV 70Il padre morendo lasciò in eredità al figlio Ammiano/nient’altro che una ruvida corda per impiccarsi./Chi l’avrebbe mai creduto, o Marullino, che Ammiano / avrebbe desiderato che suo padre fosse ancora vivo?

Realismo in materia sessuale

Il poeta si difende dall’accusa di eccessiva lascivia che egli attribuisce, invece, al genere trattato.

I 35, 10-15Questa è la legge stabilita per le poesie giocose:/possono divertire solo se pruriginose./Ragion per cui, deposta la serietà,/perdona- ti prego i giochi e gli scherzi,/non voler castrare le mie composizioni./Non c’è nulla di più schifoso di un arrapato senza coglioni“.

Realismo comico

Divertita ironia nella descrizione degli aspetti più vili e abietti del quotidiano.

Le terme e l’omosessualità:

IV 33: “Se nelle terme sentirai risuonare un gran boato/sappi o Flacco che il cazzo di Marone è appena entrato“.

Disegno dei nuovi ricchi

IX 73: “Tu che eri abituato a stirare con i denti le vecchie pelli/a mordere le suole consumate e sporche di fango,/abiti adesso le terre prenestine del tuo padrone ingannato / -tu che nemmeno una cameretta meritavi di ereditare! / Ubriaco riempi le tazze di caldo Falerno fino a spezzarle / e ti godi il Ganimede del tuo padrone“/I miei sciocchi genitori mi hanno insegnato a leggere: / cosa ci ho guadagnato a studiare la grammatica e la retorica? / Spezza le penne inutili, Talia, e strappa i miei libri, / se una scarpa può dare tutte queste ricchezze a un calzolaio“.

I materiali di supporto della lezione

Tavola cronologica

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion