Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Lettere e Filosofia
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Marisa Squillante » 9.Il rifiuto della mitologia e il realismo dell'epigramma di Marziale


Il rifiuto della mitologia e il realismo dell’epigramma di Marziale

La vita e l’uomo oggetti della poesia epigrammatica di Marziale.

Rifiuto polemico della mitologia che allontana dalla realtà.

Rifiuto di ogni atteggiamento censorio.

Rifiuto polemico dell’eccessiva enfasi erudita.

Struttura dell’epigramma

Bipartizione: descrizione realistica e battuta finale.

VIII 79Fabulla tutte le tue amiche sono vecchie/eppure più brutte e più racchie delle donne vecchie./Tu le porti con te, le trascini con te,/nei banchetti, sotto i portici, a teatro./Solo così Fabulla sembri una bella ragazzina.”

Descrizione della quotidianità

Degrado della città:

XII 57, 24-27Là negli intimi recessi dei palazzi, è il sonno: nessuna voce turba i silenzi e il giorno non entra se non quando è voluto. A me pure le risate della gente che passa rompono il sonno, e tutta Roma è al mio capezzale.”

Abitudini gastronomiche dei Romani

I 43, 1-8: “Siamo stati invitati in sessanta, Mancino/e ci hai portato da mangiare soltanto un cinghiale./Non ci hanno servito l’uva conservata a lungo nelle vigne,/né le mele cotogne che gareggiano in dolcezza col miele,/né le pere legate che pendono da un lungo ramo di ginestra,/né le melograne di Cartagine dal colore delle rose caduche,/ né i formaggi lattosi mandati da Sarsina contadina,/né le olive all’ascolana dagli orci piceni.”

Disegno del degrado morale della Roma coeva

I 37La merda, Basso, la fai in un vaso d’oro- e non ti vergogni, tu./Il vino lo versi nel vetro. Dunque la tua merda vale di più“.

IV 70Il padre morendo lasciò in eredità al figlio Ammiano/nient’altro che una ruvida corda per impiccarsi./Chi l’avrebbe mai creduto, o Marullino, che Ammiano / avrebbe desiderato che suo padre fosse ancora vivo?

Realismo in materia sessuale

Il poeta si difende dall’accusa di eccessiva lascivia che egli attribuisce, invece, al genere trattato.

I 35, 10-15Questa è la legge stabilita per le poesie giocose:/possono divertire solo se pruriginose./Ragion per cui, deposta la serietà,/perdona- ti prego i giochi e gli scherzi,/non voler castrare le mie composizioni./Non c’è nulla di più schifoso di un arrapato senza coglioni“.

Realismo comico

Divertita ironia nella descrizione degli aspetti più vili e abietti del quotidiano.

Le terme e l’omosessualità:

IV 33: “Se nelle terme sentirai risuonare un gran boato/sappi o Flacco che il cazzo di Marone è appena entrato“.

Disegno dei nuovi ricchi

IX 73: “Tu che eri abituato a stirare con i denti le vecchie pelli/a mordere le suole consumate e sporche di fango,/abiti adesso le terre prenestine del tuo padrone ingannato / -tu che nemmeno una cameretta meritavi di ereditare! / Ubriaco riempi le tazze di caldo Falerno fino a spezzarle / e ti godi il Ganimede del tuo padrone“/I miei sciocchi genitori mi hanno insegnato a leggere: / cosa ci ho guadagnato a studiare la grammatica e la retorica? / Spezza le penne inutili, Talia, e strappa i miei libri, / se una scarpa può dare tutte queste ricchezze a un calzolaio“.

I materiali di supporto della lezione

Tavola cronologica

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion