Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Marisa Squillante » 2.Simmetria e ordine nell'opera d'arte


Simmetria e ordine nell’opera d’arte

Diffusione attraverso il pensiero ciceroniano dei principi estetici aristotelici: il bello si fonda su ordine e simmetria.
Ordine e organizzazione equilibrata dell’opera nella sua totalità e nei singoli componimenti.

Esempio di ricerca di simmetria: le odi di Orazio

Orazio teorizzatore della necessità di una profonda coerenza dell’opera d’arte: contenuto simplex et unum (epist.ad Pis.v. 23) senza incoerenze primo ne medium, medio ne discrepet imum (epist.ad Pis.v.152).

Tutta la raccolta delle odi è racchiusa come in una cornice con il proemio (I 1) e la chiusa (III 30) unici carmi nei primi tre libri in asclepiadei minori.

Ogni libro ha un carme di chiusa: I 38, II 20, III 30.

Strutture simmetriche ben equilibrate nelle singole odi: es. I 10 inno a Mercurio. Il componimento è scandito dalla ripetizione del pronome personale di II persona ad inizio di strofe successive (la II, la III e la IV: v. 5 te, v. 9 te,v. 17 tu).

Nella II 10 abbiamo una Ringkomposition (composizione della struttura del componimento a anello, con ripresa dell’inizio nella sezione finale) con una struttura centrale tripartita: vv. 1-8, 9-17, 17-24.
Asclepiadeo minore.

Esempio di ricerca di simmetria: le Georgiche

Raggruppamento per temi: ll. I-II mondo inanimato, ll. III-IV animato.

Un proemio introduce ogni libro.

In tutti i proemi un’invocazione a Mecenate collocata con ricercatezza nella stessa posizione: I 2, II 41, III 41, IV 2.

Richiami e rispondenze anche tra opere diverse di uno stesso autore: inizialmente Bucoliche e Georgiche si chiudevano su versi dedicati a Gallo ma nella seconda edizione delle Georgiche per opportunità politica la citazione del poeta che era entrato in urto con Augusto fu abolita: cfr. Serv. comm. ad loc.

Unità dell’opera d’arte

Messa in crisi dell’idea dell’unità dell’opera d’arte da parte dei poeti ellenistici e dei loro seguaci latini (es. l’Ecale di Callimaco sviluppata per quadri giustapposti).

Ritorno all’idea di un’unità tematica e rifiuto delle inutili digressioni nella teorizzazione oraziana (ars v. 23 denique sit quidvis, simplex dumtaxat et unum).

L’unità e il poema epico

Denuncia oraziana dei poetastri epici contemporanei che inseriscono inutili digressioni (ars 14-18).

Valutazione da parte di Orazio nell’incipit dell’ars poetica dell’unità dell’opera d’arte come un insieme armonico dove non c’è spazio per gli inutili virtuosismi e vezzi letterari.

Virgilio e l’unità dell’opera d’arte

Unità dell’opera intesa non come semplice unità tematica ma come fusione di temi.
Unità dell’Eneide frutto di unione tra leggenda e storia, fantastico e reale.

Funzione unitaria del racconto centripeto sviluppato intorno alla figura del protagonista.
Assimilazione da parte del Mantovano della lezione alessandrina sulla digressione.

Inserzione di digressioni anche di vasto respiro (l. II o l. IV) che non inficiano l’unità perché sempre ricondotte al racconto principale.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion