Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Paolo Macry » 25.L'Italia liberale fino alla crisi di fine secolo


Il nuovo stato e la costruzione della nazione

La classe politica

  • La classe politica del neonato Regno d’Italia divisa tra i due principali schieramenti liberali della
    • Destra storica, al governo dal 1870 al 1876, formata da liberali moderati di matrice cavouriana, in buona parte aristocratici, proprietari terrieri (piemontesi, toscani, lombardi, emiliani) intrisi di paternalismo e di alta moralità pubblica
    • Sinistra storica, al governo a partire dal 1876, formata da liberali progressisti, ex democratici mazziniani e garibaldini convertiti alla monarchia, esponenti generalmente di una borghesia cittadina, favorevoli ad un ampliamento della base sociale del nuovo stato e quindi ad un allargamento del suffragio
  • Mancanza di una effettiva differenza profonda tra i due schieramenti, politicamente opposti, rappresentanti di una élite di notabili legati, per lo più, ad interessi locali e a rapporti clientelari
  • Conseguente assenza di una moderna dialettica politica tra partiti differenti

Letture:

T.Detti, G.Gozzini, Storia contemporanea. I. L’Ottocento, cap. 13

Il nuovo stato e la costruzione della nazione

Aspetti e strategie nella costruzione del nuovo stato

  • Eterogeneità della società italiana come fattore condizionante le forme dello stato nazionale
  • Affossamento delle iniziali intenzioni di decentramento a favore di un deciso centralismo politico e amministrativo ⇒ il prefetto
  • Istituzione della scuola elementare pubblica gratuita (legge Casati 1859) – Permanenza di un elevato tasso di analfabetismo in molte zone d’Italia – Limiti della legge Casati e sua successiva modifica attraverso la legge Coppino (1877)
  • Assenza di un autonomo potere giudiziario

Letture:

T.Detti, G.Gozzini, Storia contemporanea. I. L’Ottocento, par. 13.1, 13.2

Il nuovo stato e la costruzione della nazione

Aspetti e strategie nella costruzione del nuovo stato

  • Adozione dello Statuto Albertino come costituzione del Regno d’Italia – Ampi poteri della monarchia sabauda – Importante ruolo dell’esercito
  • Formazione del parlamento italiano su base bicamerale:
    • senato, di nomina regia
    • camera dei deputati, a suffragio maschile estremamente limitato ⇒ base elettorale pari al 2% della popolazione (7% dei maschi adulti) – Successivo limitato allargamento con la riforma elettorale di Depretis del 1882 (7% della popolazione)
  • Introduzione del servizio militare obbligatorio

Letture:

T.Detti, G.Gozzini, Storia contemporanea. I. L’Ottocento, par. 13.1, 13.2

Il nuovo stato e la costruzione della nazione

Scelte di politica economica e fiscale

  • Costituzione di un mercato unico nazionale e politica economica del libero scambio della Destra ⇒ crollo dei pochi centri produttivi del Meridione sviluppatisi attraverso il protezionismo e la committenza dello stato borbonico
    • Delinearsi della questione meridionale
  • Pesante fiscalismo, attraverso l’aumento delle imposte dirette e specialmente indirette, finalizzato al pareggio del bilancio ⇒ tassa sul “macinato”
  • Potenziamento della rete di comunicazione, in particolare delle ferrovie, attraverso un forte intreccio tra affari e politica a favore di gruppi finanziari privati
  • Progressivo divergere tra paese “legale” e paese “reale”

Letture:

T.Detti, G.Gozzini, Storia contemporanea. I. L’Ottocento, par. 13.2

Brigantaggio tra protesta sociale e “guerra civile”

  • Disagio delle masse rurali del Meridione di fronte alla politica del nuovo stato
  • Dilagare del brigantaggio nel Mezzogiorno continentale con il sostegno di forze legittimiste borboniche e clericali (1860-66)
  • Guerra contro il brigantaggio attraverso l’impiego dell’esercito e la proclamazione dello stato d’assedio – Altissimi costi umani nella repressione del brigantaggio
  • Moti nell’Italia centrosettentrionale contro la tassa sul macinato (1869)

Letture:

T.Detti, G.Gozzini, Storia contemporanea. I. L’Ottocento, par. 13.2

Completamento dell’unificazione nazionale e “questione romana”

  • Annessione del Veneto attraverso la “terza guerra d’indipendenza (guerra austro-prussiana, 1866)
  • “Questione romana” (cfr. Lez. 14.9)
    • Dalla Convenzione di settembre (spostamento della capitale da Torino a Firenze, 1864) alla conquista di Roma (settembre 1870)
  • Rifiuto del papa di riconoscere lo stato italiano e di accettare la legge delle “guarentigie” (1871)
    • Proclamazione di Pio IX del non expedit ⇒ divieto per i cattolici italiani di partecipare alle elezioni politiche e amministrative

Letture:

T.Detti, G.Gozzini, Storia contemporanea. I. L’Ottocento, par. 13.2

La Sinistra storica al potere

  • Raggiungimento del pareggio del bilancio e perdita della maggioranza da parte della Destra storica (marzo 1876)
  • Inizio dei governi della Sinistra storica con Depretis
    • Il programma di Stradella: obbligatorietà dell’istruzione elementare, allargamento del suffragio, decentramento amministrativo ed elettività dei sindaci, diminuzione e redistribuzione del carico fiscale con abolizione della tassa sul macinato
    • Attuazione solo parziale e contraddittoria di tale programma

Letture:

T.Detti, G.Gozzini, Storia contemporanea. I. L’Ottocento, par. 13.3

Il trasformismo come prassi politica della Sinistra storica

  • Ricerca di maggioranze governative “allargate” con l’appoggio di elettori e parlamentari dello schieramento politico opposto
  • Cooptazione di differenti gruppi d’interesse e dissoluzione delle differenze ideologiche e programmatiche tra Destra e Sinistra
  • Perdurante ristrettezza delle basi sociali dello Stato e aggregarsi del ceto dirigente intorno al partito “ministeriale”
  • Alleanza della maggior parte delle forze moderate, emarginazione delle forze conservatrici reazionarie e della nuova sinistra, i democratici-radicali dell’Estrema di Felice Cavallotti e il nascente movimento socialista

Letture:

T.Detti, G.Gozzini, Storia contemporanea. I. L’Ottocento, par. 13.3

Politica economica della Sinistra

  • Abbandono del liberismo e svolta protezionistica
  • Introduzione e adozione sistematica di tariffe doganali (1887-1921) a protezione e a vantaggio dell’industria tessile e siderurgica (in particolare contro la potente concorrenza inglese e tedesca) e della produzione granaria di tipo estensivo, particolarmente radicata nei latifondi meridionali (contro la concorrenza delle ingenti importazioni di cereali americani a basso costo)

Letture:

T.Detti, G.Gozzini, Storia contemporanea. I. L’Ottocento, par. 13.3

Politica economica della Sinistra

Luci e ombre della politica d’intervento statale nell’economia:

  • rafforzamento strutturale dell’economia e nascita della prima moderna industria siderurgica italiana
  • ingente afflusso finanziario straniero (in particolare tedesco)
  • successivo riordino del sistema bancario italiano attraverso la centralizzazione delle banche di emissione e la diffusione delle banche miste
  • inizio delle tensioni commerciali con altri paesi, in particolare con la Francia
  • forte danno all’economia agricola italiana più avanzata (basata sull’agricoltura intensiva) dei produttori/esportatori (in particolare meridionali) di vino, olio e agrumi
  • accentuazione del dualismo nello sviluppo dell’Italia ⇒ cristallizzarsi della „questione meridionale”
  • progressivo aumento del fenomeno dell’emigrazione oltreoceano

Letture:

T.Detti, G.Gozzini, Storia contemporanea. I. L’Ottocento, par. 13.3

Questione sociale

  • Inchieste parlamentari sulla realtà economico-sociale dell’Italia e prime analisi della questione meridionale da parte di intellettuali come Villari, Fortunato, Franchetti, Sonnino
    • Inchiesta agraria Jacini (1877-1886)
    • Emergere dell’arretratezza del tessuto sociale italiano, caratterizzato da sottoalimentazione, miseria, malattie endemiche (malaria, pellagra, tubercolosi) e alta mortalità infantile
  • Inadeguatezza delle risposte offerte dalla classe politica e crescenti tensioni sociali

Letture:

T.Detti, G.Gozzini, Storia contemporanea. I. L’Ottocento, par. 13.4

Questione sociale e sviluppo del movimento operaio e del socialismo

  • Prime organizzazioni del mondo del lavoro tra mutualismo e Internazionale dei lavoratori
  • Matrici anarchiche bakuniniane del primo movimento socialista italiano
  • Rivendicazioni economiche, sindacali e normative dei primi partiti operai italiani: aumento salariale, riduzione della giornata lavorativa a otto ore, tutela del lavoro femminile e minorile
  • Diffusione negli ultimi decenni del’Ottocento di leghe bracciantili, in particolare nella Pianura Padana, e di movimenti sindacali urbani
  • Nascita del Partito dei lavoratori italiani (1892), ad opera di Labriola e di Turati, successivamente Partito Socialista Italiano

Letture:

T.Detti, G.Gozzini, Storia contemporanea. I. L’Ottocento, par. 13.4

Questione sociale e sviluppo del movimento cattolico

  • Dall’intransigentismo cattolico dell’Opera dei Congressi al mutualismo e cooperativismo solidaristico e interclassista di matrice cattolica
  • L’enciclica Rerum Novarum (1891) di Leone XIII e la dottrina sociale della Chiesa
  • Sviluppo del cattolicesimo sociale e del sindacalismo “bianco” accanto al cattolicesimo liberale di matrice risorgimentale

Letture:

T.Detti, G.Gozzini, Storia contemporanea. I. L’Ottocento, par. 13.4

Il “democraticismo autoritario” dell’età crispina

I governi di Francesco Crispi (1887-91 e 1893-96) tra riformismo modernizzatore e centralismo autoritario:

  • riforma dell’ordinamento comunale e provinciale in senso decentrato e contemporaneo rafforzamento del potere esecutivo
  • riforma igienico-sanitaria
  • riforma della pubblica sicurezza: limitata garanzia della libertà di riunione e misure preventive e coercitive contro le “classi pericolose alla società”
  • riforma del codice penale ad opera di Zanardelli: abolizione della pena di morte e abolizione del divieto di sciopero
  • riforma delle istituzioni pubbliche di beneficienza ⇒ ulteriore limitazione del potere ecclesiastico e completamento della laicizzazione degli istituti di assistenza controllati dal clero ⇒ tensioni tra Stato e Chiesa

Letture:

T.Detti, G.Gozzini, Storia contemporanea. I. L’Ottocento, par. 13.5

Crispi tra velleità coloniali e repressioni interne

  • Rafforzamento della politica triplicista (⇒ Triplice Alleanza con Germania e Austria-Ungheria, 1882) per l’avvio di una politica di potenza e colonialista antifrancese
  • Ripresa dell’espansionismo coloniale nel Corno d’Africa, già iniziato da Depretis (Assab, 1882, e Massaua,1885, sul Mar Rosso), attraverso il trattato di Uccialli (1889) con il negus Menelik per la formalizzazione del possesso coloniale dell’Eritrea e il tentativo di penetrazione in Etiopia
  • Forte aumento delle spese militari e rovinosa sconfitta di Adua (1896) ad opera delle forze etiopiche di Menelik
  • Esplosioni delle agitazioni sociali in Sicilia, Fasci siciliani, sotto il primo governo Giolitti (1892-93) e atteggiamento moderato e di non intervento da parte giolittiana
  • Ritorno di Crispi al governo e durissima repressione dei Fasci siciliani e dei moti di Lunigiana, scoppiati in Toscana nel gennaio del 1894 – Leggi eccezionali antiliberali in funzione soprattutto antisocialista
  • Sostanziale affossamento del programma di riforme sociali di Crispi

Letture:

T.Detti, G.Gozzini, Storia contemporanea. I. L’Ottocento, par. 13.5

Crisi di fine secolo e tentativo di svolta reazionaria e autoritaria

  • Rafforzamento delle forze di opposizione in parlamento dopo la caduta di Crispi e risposta repressiva e di rafforzamento dell’esecutivo da parte del governo Di Rudinì in linea con l’atteggiamento del re Umberto I
  • Proposta di Sonnino, nell’articolo Torniamo allo Statuto, di abbandono della prassi parlamentare e di ripristino dei poteri della Corona
  • Risposta in senso conservatore o autoritario delle classi dirigenti liberali di fronte all’ascesa di vaste forze sociali e politiche a base popolare

Letture:

T.Detti, G.Gozzini, Storia contemporanea. I. L’Ottocento, par. 13.6

Crisi di fine secolo e tentativo di svolta reazionaria e autoritaria

  • Acuirsi della crisi economica nel 1898 e aumento del prezzo del pane ⇒ ondata di proteste e agitazioni in tutta Italia
  • Violenta repressione contro la folla in protesta a Milano (maggio) da parte del generale Bava Beccaris ⇒ Strage con 80 morti e centinaia di feriti
  • Proclamazione dello stato d’assedio in molte province e arresto di migliaia di esponenti delle forze di opposizione
  • Scioglimento del parlamento e nomina a capo di governo del generale Pelloux – Prosecuzione della linea repressiva e riproposizione delle leggi di restrizione delle libertà statutarie
  • Ostruzionismo ad oltranza da parte dei deputati dell’Estrema e forte resistenza contro le proposte liberticide – Nuovo scioglimento del parlamento e rafforzamento della sinistra e dei socialisti nelle nuove elezioni
  • Governo Saracco e uccisione di Umberto I a Monza da parte dell’anarchico Gaetano Bresci (29 luglio 1900)
  • Il nuovo re Vittorio Emanuele III affida il governo a Zanardelli (1901-03), eponente di spicco, insieme a Giolitti (ministro degli Interni), della Sinistra costituzionale e progressista
  • Fallimento dell’involuzione reazionaria e autoritaria dello stato liberale

Letture:

T.Detti, G.Gozzini, Storia contemporanea. I. L’Ottocento, par. 13.6

Prossima lezione

Italia giolittiana

  • Caratteri generali dei governi Giolitti
  • Sviluppo industriale e politica economica nell’età giolittiana
  • Sviluppo economico e crescita del divario Nord – Sud
  • Riformismo sociale di Giolitti
  • Limiti e ambiguità del riformismo giolittiano
  • Sistema giolittiano delle alleanze “trasversali”
  • Giolitti tra socialisti e cattolici
  • Politica estera giolittiana e conquista della Libia
  • Crisi del sistema giolittiano

Le lezioni del Corso

I materiali di supporto della lezione

T.Detti, G.Gozzini, Storia contemporanea. I. L'Ottocento, Milano, Bruno Mondadori, 2000

R. Romanelli, L'Italia liberale (1861-1900), Bologna, il Mulino, 1979 (approfondimento facoltativo)

Id., Il comando impossibile: Stato e società nell'Italia liberale, Bologna, il Mulino, 1988 (approfondimento facoltativo)

G. Carocci (a cura di), Il trasformismo dall'Unità ad oggi, Milano, Unicopli, 1992 (approfondimento facoltativo)

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion