Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Rocco Pititto » 16.Il “villaggio globale” e l'etica della comunicazione


Da Rosetta a Skype: il progresso della comunicazione

  • A partire dall’invenzione del telegrafo (1832) e del telefono (1871), il mondo delle comunicazioni ha conosciuto un progresso frenetico e inarrestabile. L’avvento planetario della televisione prima, del personal computer, di internet e della telefonia mobile hanno modificato profondamente l’epoca moderna e il modo stesso di comunicare.
  • Sulla base delle più importanti rivoluzioni avvenute nell’ambito della comunicazione, possiamo scandire almeno 4 tipi diversi di culture: la cultura orale, la cultura manoscritta o chirografica, la cultura tipografica e la cultura dei media elettronici.
  • Questo progresso è molto diseguale: se tra l’invenzione della scrittura e quella della stampa sono passati 5000 anni, tra questa e i nuovi media sono trascorsi appena 4 secoli.

R. Bodei: Una storia della comunicazione

Nuove forme di comunicazione: Umberto Eco e il telefonino

Dal telegrafo a Internet

Il “villaggio globale”

  • Le ultime rivoluzioni dei mass media hanno modificato profondamente l’uomo stesso, dando vita ad una nuova cultura – la nostra – in cui lo spazio e il tempo tradizionali sono come svaniti: viviamo – come aveva profetizzato il sociologo M. McLuhan sin dai primi anni 60 – nel “villaggio globale”.
  • I nuovi media creano inedite forme d’interazione sociale non più legate alle relazioni fisiche, personali, ma affidate alla grande Rete di Internet e alle infinite forme di comunicazione che essa ci offre, e che possono essere tanto un rischio quanto un’opportunità.
  • Il villaggio globale è un luogo assolutamente virtuale, che diventa il centro di un mondo policentrico, dove tutto scorre in tempo reale.

Reale vs Virtuale – 1 – F. Berardi

Reale vs Virtuale – 2 – J. Beaudrillard

Umberto Eco ci guida nel villaggio globale

McLuhan: un umanista nel villaggio globale

Il declino della comunicazione

  • Proprio nell’epoca del villaggio globale e dell’informazione infinita, assistiamo tuttavia ad un arretramento e ad un vero e proprio declino etico-politico della comunicazione.
  • Gli uomini di oggi sperimentano quotidianamente un senso di frustrazione, d’isolamento e, per quanto paradossale possa sembrare, d’incomunicabilità che testimoniano il parziale fallimento dell’utopia del villaggio globale.
  • Il rumore e la pubblicità invadono e violentano la nostra intimità, omologando le nostre idee e disfacendo il tessuto sociale. Gli esiti appaiono oggi devastanti.

T. De Mauro: I rischi della nuova alfabetizzazione

K. Popper contro la televisione

K. Popper contro la televisione – 2

La sfida della nuova oralità

  • Tuttavia, una reazione dell’uomo a questo stato di cose è non solo possibile, ma necessaria, perché si arrivi ad un nuovo uso della parola, custode di rapporti umani più giusti.
  • L’uomo di questo tempo vive un’epoca di “nuova oralità”: riemerge dal passato una forme di cultura orale che s’intreccia con le nuove tecniche di scrittura telematica.
  • Si rende necessaria allora l’elaborazione di una nuova etica della comunicazione, in grado di ripensare su nuove basi il concetto stesso di linguaggio e di condivisione.

Marshall McLuhan e la Galassia Gutenberg

I bambini e la televisione

Processi linguistici e processi cognitivi

Le condizioni mentali per l’apprendimento del linguaggio

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion