Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Claudio Buccelli » 3.Il nuovo codice di deontologia medica (16 dicembre 2006)


Codice di Deontologia Medica

Il Codice di Deontologia Medica raccoglie “regole comportamentali (deontologia professionale) … di ispirazione etica e sociale, capaci di realizzare un’ideale definizione professionale corrispondente ad ogni esigenza etica e giuridica … autonomamente elaborate dall’organo della professione … (e) … statuisce gli speciali doveri propri del professionista”.

(Guida all’esercizio professionale per i Medici-Chirurghi e gli Odontoiatri, Morrocchesi, 2006)

Preliminare enunciazione del nuovo codice

“L’etica ha raccolto il nome più espressivo di deontologia”.

J. Bentham

Gruppi di argomenti affrontati dal CDM

  • libertà, dignità e indipendenza della professione;
  • prestazione d’urgenza;
  • segreto, riservatezza e privacy;
  • trattamento terapeutico;
  • pratiche non convenzionali;
  • accanimento terapeutico;
  • eutanasia;
  • aggiornamento e formazione permanente;
  • doveri nei confronti dei soggetti fragili;
  • informazione al cittadino;
  • acquisizione del consenso;
  • direttive anticipate;
  • assistenza al malato a prognosi infausta;
  • donazione di organi, tessuti e cellule;

Gruppi di argomenti affrontati dal CDM (segue)

  • IVG e PMA;
  • interventi sul genoma e test genetici;
  • sperimentazione sull’uomo e sull’animale;
  • interventi medici in condizione di restrizione della libertà personale, di trattamenti disumani e di rifiuto consapevole di nutrirsi;
  • pubblicità ed informazione sanitaria;
  • rapporti tra medici;
  • attività medico-legale;
  • doveri di collaborazione con l’ordine professionale;
  • esercizio abusivo della professione;
  • obblighi deontologici nel SSN e con enti pubblici e privati;
  • medicina dello sport;
  • tutela della salute collettiva.

Aspetti di novità presenti nel CDM

  • Obbligo di prestare il giuramento professionale;
  • promozione di una cultura civile per la salvaguardia dell’ambiente;
  • promozione di una cultura della salute mediante iniziative di prevenzione, tutela della salute nei luoghi di lavoro e promozione della salute individuale e collettiva;
  • azione secondo il principio della efficacia delle cure, salvaguardando da un lato il paziente, dall’altro l’uso appropriato delle risorse;
  • garanzia delle più idonee condizioni di sicurezza del paziente, anche attraverso la rilevazione, segnalazione e valutazione degli errori;
  • migliore definizione della funzione pubblicistica e della vocazione solidaristica del medico;
  • previsione dell’obiezione di coscienza per la PMA;
  • previsione della donazione di cellule oltrechè di organi e tessuti.

Informazione all’atto medico – art. 33

  • Idonea;
  • inerente diagnosi, prognosi, prospettive, eventuali alternative diagnostico-terapeutiche, prevedibili conseguenze;
  • commisurata alle capacità di comprensione del paziente;
  • finalizzata a promuovere la massima partecipazione alle scelte decisionali e l’adesione alle proposte diagnostico-terapeutiche;
  • soddisfacente ulteriori volontà conoscitive del paziente, anche in tema di prevenzione;
  • fornita con prudenza, usando terminologie non traumatizzanti e senza escludere elementi di speranza in caso di prognosi gravi o infauste o tali da poter procurare preoccupazione e sofferenza alla persona;
  • rispettosa della volontà del paziente di non voler essere informato o di delegare altro a tale scopo.

Subordinazione del comportamento medico alla espressione di volontà del paziente

  • Il medico deve improntare la propria attività professionale al rispetto dei diritti fondamentali della persona (art. 20);
  • il medico non deve intraprendere attività diagnostica o terapeutica senza l’acquisizione del consenso (art. 35, I comma);
  • il medico deve desistere da ogni atto diagnostico e/o terapeutico in presenza di documentato rifiuto di persona capace (art. 35, III comma).

Consenso all’atto medico – art. 35

  • Esplicito ed informato;
  • indispensabile per intraprendere attività diagnostiche e/o terapeutiche;
  • espresso in forma scritta nei casi previsti dalla legge e quando si renda opportuna una manifestazione documentata della volontà della persona;
  • integrativo e non sostitutivo del processo informativo;
  • assoluto rispetto del documentato rifiuto di persona capace;
  • considerazione delle precedenti volontà espresse dal paziente incapace, nel rispetto della dignità della persona e della qualità della vita, evitando ogni accanimento terapeutico.

Autonomia del cittadino e direttive anticipate – art. 38

  • Rispettare la volontà liberamente espressa della persona di curarsi, nonché la dignità, la libertà e l’autonomia della stessa;
  • fornire adeguate informazioni al minore e tenere conto della sua volontà;
  • segnalare all’autorità giudiziaria divergenze insanabili con le richieste del legale rappresentante in caso di trattamento su minore e maggiorenne infermo di mente;
  • tenere conto di quanto precedentemente manifestato in modo certo e documentato dal paziente non in grado di esprimere la propria volontà.

Libertà prescrittiva del medico

E’ modulata da:

  • competenza professionale;
  • informazione attenta;
  • acquisizione del consenso.

Prescrizione e trattamento terapeutico – art. 13

  • Legati ad una diagnosi circostanziata o a un fondato sospetto diagnostico;
  • guidati dal principio dell’autonomia del medico, con sua diretta responsabilità professionale ed etica;
  • vincolati al rifiuto libero del paziente, che si assume la responsabilità del rifiuto stesso;
  • ispirati ad aggiornate e sperimentate acquisizioni scientifiche;
  • ispirati alla medicina dell’evidenza;
  • banditi se non provati scientificamente o non supportati da adeguata sperimentazione e documentazione clinico-scientifica;
  • aderenti ai principi di scienza e coscienza del sanitario;
  • vincolati al consenso scritto del paziente debitamente informato per farmaci non ancora autorizzati al commercio o con differente indicazione.

Precisazioni in tema di trapianti, sessualità e riproduzione

  • Donazione d’organi: si considera anche la donazione di cellule oltre che dei tessuti ed organi (art. 40);
  • prelievo d’organi: si insiste nella prudenza per il prelievo da persona vivente, definito come “risorsa aggiuntiva e non sostitutiva del trapianto da cadavere” (art. 41);
  • sessualità: si conferma la legittimità dei trattamenti contraccettivi (art. 42);
  • interruzione di gravidanza: si precisa che l’obiezione di coscienza non “esime dagli obblighi e dai doveri inerenti alla relazione di cura nei confronti della donna” (art. 43);
  • fecondazione assistita: è definita con forza “atto integralmente medico” il che ne lascia intendere la esperibilità non solo per “ovviare alla sterilità” e non contempla il divieto per la F. A. eterologa (art. 44);
  • interventi sul genoma: previsione di manipolazione genetica solo ai fini di prevenzione e correzione di condizioni patologiche (art. 45);
  • test predittivi: vietata l’esecuzione al di fuori di strutture adeguate e accreditate (art. 46).

Fecondazione assistita – art. 44

  • Atto integralmente medico;
  • subordinata alla prospettazione di tutte le opportune soluzioni in base alle più recenti ed accreditate acquisizioni scientifiche;
  • subordinata ad un’informazione esauriente e chiara sulle possibilità di successo nei confronti dell’infertilità e sui rischi eventualmente incidenti sulla salute della donna e del nascituro e sulle adeguate e possibili misure di prevenzione;
  • inconciliabile con forme di maternità surrogata, al di fuori di coppie eterosessuali stabili, in donne in menopausa non precoce, dopo la morte del partner;
  • proscrizione di pratiche ispirate a selezione etnica ed esperite a fini eugenetici;
  • vietata la produzione di embrioni ai fini di ricerca e lo sfruttamento commerciale, pubblicitario, industriale di gameti, embrioni e tessuti embrionali o fetali;
  • espletabile solo presso centri autorizzati;
  • previsione dell’obiezione di coscienza.

Test predittivi – art. 46

  • Finalizzati in modo esclusivo a rilevare o predire malformazioni o malattie su base ereditaria;
  • espressamente richiesti, per iscritto, dalla gestante o dalla persona interessata;
  • attuabili dopo ampia ed adeguata illustrazione sul significato e sul valore predittivo dei test, sui rischi per la gravidanza, sulle conseguenze delle malattie genetiche sulla salute e sulla qualità della vita, nonché sui possibili interventi di prevenzione e di terapia;
  • espletabili solo presso centri con specifici requisiti strutturali e professionali.

Quattro condizioni per i trattamenti non convenzionali

  1. rispetto del decoro e della dignità professionale;
  2. divieto di sottrazione del cittadino a trattamenti specifici scientificamente consolidati;
  3. obbligo di circostanziata informazione e acquisizione del consenso;
  4. divieto di collaborazione nell’esercizio abusivo della professione.
  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion