Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Medicina e Chirurgia
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Andrea Di Lieto » 2.La gravidanza: fecondazione, impianto e sviluppo del feto


Fecondazione

Affinché avvenga la fecondazione è necessario che il gamete maschile percorra le vie genitali femminili e raggiunga l’ovocito. Ciò avviene grazie a due meccanismi: migrazione e trasporto.

Dopo aver attraversato la zona pellucida lo spermatozoo giunge nel citoplasma dell’ovocito determinando la fusione dei due gameti da cui deriva la formazione dei due pronuclei (maschile e femminile). Il materiale nucleare spermatico si disperde e la membrana nucleare si dissolve formando il pronucleo maschile. L’ovocito completa la II divisione meiotica e costituisce il pronucleo femminile.

Impianto

L’impianto richiede modifiche della mucosa endometriale (trasformazione deciduale) che iniziano con l’adesione.

Tali modifiche consistono in accumulo di glicogeno e granuli lipidici nel citoplasma delle cellule stromali, che serviranno da nutrimento per il prodotto del concepimento. Le fasi dell’impianto sono:

  • Apposizione: la blastocisti aderisce all’endometrio.
  • Adesione: il trofoblasto emette dei microvilli che aderiscono alla decidua.
  • Penetrazione: la blastocisti penetra nell’endometrio erodendone la superficie.

Differenziazione iniziale dell’uovo

Al 3° giorno, allo stadio di 16 cellule il prodotto del concepimento viene detto morula.

Col procedere delle divisioni cellulari procede anche il percorso della morula verso l’utero. All’8° giorno il trofoblasto della blastocisti è differenziato in citotrofoblasto all’interno e sinciziotrofoblasto all’esterno.

Sviluppo dell’embrione

Inizia con lo stadio presomitico, fino al 20° giorno, in cui si formano disco embrionale, cavità amniotica e la placca neurale. Dal 20° al 30° giorno lo sviluppo dell’embrione è caratterizzato dalla formazione dei somiti (stadio somitico), che crescono progressivamente fino ad arrivare a 44. Da essi si formeranno lo scheletro e la muscolatura striata. Durante la 3° settimana l’embrione assume una forma più definita e dalla 4° è evidente l’abbozzo del cuore, dell’occhio, del proencefalo e del fegato; alla fine di questa settimana copare l’abbozzo del rene, le vescicole cerebrali e l’orecchio esterno.

Sviluppo dell’embrione e del feto

Alla fine della 5°settimana di sviluppo sono evidenti gli abbozzi degli arti superiori ed inferiori e il cordone è perfettamente formato. Tra la 6°-7° il cuore presenta pulsazioni ritmiche. Dopo la 7°-8° il corpo embrionale mostra gli abbozzi delle ossa, dei muscoli, dei nervi e dei grossi vasi. L’estremità cefalica si separa dal torace. Da questo momento si parla di feto. Alla fine della 12° settimana gestazionale dal corion frondoso si è definita l’area placentare, è avvenuta la differenziazione dei genitali interni e il feto assume sembianze umane. Alla fine della 16° settimana l’intestino contiene il meconio e si verifica la differenziazione dei genitali esterni.

Sviluppo dell’embrione e del feto

Alla fine della 20° settimana i mivimenti attivi fetali sono vivaci, la cute presenta lanugine e inzia a formarsi la vernice caseosa. Le 20 settimane sono concepite come l’inizio dell’epoca di vitalità del feto. Nel corso della 25°-28° settimana la cute è grinzosa, le palebre separate, l’impianto del cordone ancora basso, le unghie raggiungono le estremità delle falangi distali. A 28° settimane le probabilità di sopravvivenza raggiungono il 70%. Esse salgono tra 70 e 90% verso la 34° settimana e dopo la 36° sono le stesse dei nati a termine.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion