Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Andrea Di Lieto » 8.Le neoplasie benigne della sfera genitale femminile


Fibromatosi uterina

Definizioni

  • I fibromi uterini rappresentano la più frequente patologia neoplastica benigna della sfera genitale nelle donne in età fertile.
  • La fibromatosi uterina è la più frequente indicazione all’isterectomia in età premenopausale.

Eziopatogenesi

  • I fibromi uterini sono neoplasie monoclonali benigne, che originano da mutazioni somatiche di miociti normali.
  • Gli steroidi ovarici, estrogeni e progesterone, inducono la crescita dei miociti modificati.
  • L’accrescimento dei fibromi, inoltre, è sostenuto da fattori di crescita peptidici prodotti localmente, che agiscono con meccanismo, autocrino, paracrino o endocrino.
  • L’apporto vascolare è fondamentale per l’accrescimento dei fibromi. Esso proviene soprattutto da vasi sanguigni situati alla periferia dei noduli, nella regione sottocapsulare.

Sintomatologia, diagnosi e terapia

  • La fibromatosi uterina è spesso asintomatica.
  • I fibromi più grandi o quelli a localizzazione intramurale e sottomucosa, possono dare luogo ad una sintomatologia varia: algie pelviche, meno-metrorragia, sterilità, disturbi urinari ed intestinali ecc.
  • La diagnosi è clinica ed ecografica.
  • La terapia risolutiva della fibromatosi uterina è, ancora oggi, chirurgica, indicata in presenza di utero o fibromi di dimensioni elevate o in caso di sintomatologia non controllabile con i farmaci.
  • L’intervento chirurgico può essere conservativo (miomectomia) o demolitivo (isterectomia) ed avvenire per via laparotomica o laparoscopica.

Cisti ovariche benigne

  • Dipendono per lo più da anomalie dell’ovulazione o della formazione del corpo luteo.
  • Se non si ha la normale deiscenza del follicolo, questo può continuare a distendersi e si forma la cosiddetta cisti follicolare.
  • Anomalie della formazione del corpo luteo e della luteolisi possono dare luogo alla formazione di cisti luteiniche.
  • Cisti ovariche disfunzionali sono anche le cisti teco-luteiniche, dovute ad un eccesso di stimolazione ormonale endogena durante la gravidanza (gonadotropina corionica) o esogena (farmaci induttori dell’ovulazione).

Sintomatologia, diagnosi e terapia

  • Le cisti ovariche disfunzionali sono spesso asintomatiche. Generalmente, la sintomatologia non è patognomonica: irregolarità mestruali, dolore e sensazione gravativa sono i sintomi più frequenti.
  • Le cisti disfunzionali di grosse dimensioni possono andare incontro a torsione sul peduncolo, dando luogo ad un quadro di addome acuto.
  • La diagnosi è clinica ed ecografica.
  • Spesso queste cisti regrediscono spontaneamente o dopo un trattamento ovariostatico.
  • In caso di cisti di elevate dimensioni oppure in caso di torsione, la terapia consiste nell’asportazione chirurgica.
  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion