Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Andrea Di Lieto » 6.Malattie per la gravidanza: Preeclampsia-eclampsia


Classificazione di ipertensione in gravidanza

Si riconoscono 4 tipologie di ipertensione in gravidanza:

  • ipertensione gestazionale;
  • preeclampsia;
  • ipertensione cronica (essenziale o secondaria);
  • preeclampsia associata ad ipertensione cronica.

Ipertensione gestazionale

Innalzamento della pressione arteriosa in assenza di proteinuria significativa e senza altro danno d’organo, che si instaura dopo la 20a settimana di gravidanza e che si risolve entro tre mesi dal parto, in una donna precedentemente normotesa

Incidenza

Nelle popolazioni occidentali, l’ipertensione gestazionale complica circa il 4% di tutte le gravidanze e il 15% delle gravidanze gemellari.

Preeclampsia

Ipertensione comparsa dopo la 20a settimana, insieme ad uno o più dei seguenti segni o sintomi: proteinuria, insufficienza renale, insufficienzaepatica, segni neurologici, alterazioni ematiche, iposviluppo fetale.

Incidenza

In Italia la frequenza di gravidanze complicate da Ipertensione Arteriosa varia dal 5 al 7% con una incidenza di preeclampsia dell’ 1-2% sul totale delle gravide e del 20-25% sul totale delle gravide ipertese.

Ipertensione cronica

  • Ipertensione persistente, di qualsiasi origine, prima della 20a settimana di gestazione
  • Ipertensione persistente per oltre 6 settimane dopo il parto

Incidenza

L’ipertensione cronica interessa fino al 5% delle gravidanze, è più frequente nella razza nera e la sua prevalenza aumenta all’aumentare dell’ età materna.

Preeclampsia associata ad ipertensione cronica

Sviluppo di preeclampsia dopo la 20a settimana in una donna già affetta da ipertensione cronica

Fattori di rischio

  • Nulliparità (le gravide nullipare presentano un rischio maggiore di preeclampsia (70%) rispetto alle pluripare (30%).
  • Anamnesi positiva per preeclampsia in precedenti gravidanze.
  • Anamnesi familiare positiva per preeclampsia.
  • L’età materna (il rischio aumenta in modo proporzionale all’età materna).
  • L’ ipertensione cronica o l’insufficienza renale cronica.

Complicanze materno-fetali e neonatali

  • Preeclampsia-eclampsia
  • Distacco intempestivo di placenta normalmente inserita
  • Coagulazione Intravasale Disseminata (CID)
  • Accidenti cerebrovascolari o edema cerebrale materni
  • Insufficienza renale acuta
  • Edema polmonare acuto
  • Danno epatico
  • Sindrome HELLP (Hemolysis Elevated Liver Enzimes Low Platelets)
  • IUGR (Intrauterine Growth Restriction)
  • Morte endouterina del feto

Monitoraggio

  • Controllo quotidiano della P.A.
  • Esami ematochimici di routine
  • Esame completo delle urine
  • ECG
  • Valutazione del peso corporeo e della diuresi
  • Valutazione della proteinuria nelle 24 h
  • CTG
  • Ecografia fetale
  • Profilo biofisico fetale
  • Flussimetria doppler
  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion