Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Bruno Amato » 13.Arteriopatie periferiche


Malattie vascolari periferiche

Arteriopatie obliteranti

  • Malattia aterosclerotica periferica
  • Tromboangioite obliterante
  • Artrite temporale

Arteriopatie periferiche di natura funzionale

  • Malattia e Fenomeno di Raynaud
  • Acrocianosi
  • Eritromelalgia

Malattia aterosclerotica periferica

Ischemia cronica

  • Sintomi:
    • Claudicazione intermittente
    • Dolore a riposo
  • Sede dell’ostruzione: Aorta iliaca = sintomi a glutei e cosce
  • Sede dell’ostruzione: femore poplitea = sintomi al polpaccio
  • Sede dell’ostruzione: tibiale = sintomi al piede

Malattia aterosclerotica periferica

Ischemia cronica

  • Etiologia:
    • embolica
    • su stenosi aterosclerotica preesistente
  • Sintomi: dolore improvviso, intenso, del piede con pallore e raffreddamento dell’arto.

Diagnostica delle arteriopatie

  • Radiologia : Rx diretta
  • Arteriografia
  • Esami non invasivi:
    • Ultrasonografia doppler (C.W./eco-color Doppler)
    • Misurazione pressione
    • Pletismografia

Trattamento delle arteriopatie abliteranti claudicatio intermittens

Medico:

  • Correzione dei fattori favorenti (tabacco, diabete, ipercoagulabilità, dislipidemia)
  • Esercizio di marcia
  • Cura dei piedi:
    • ricerca lesioni – lavaggio
    • idratazione/essiccamento
    • cura delle unghie e delle callosità
    • indumenti e calzature comode e protettive

Ulcere neuropatiche / diabetiche:

  • drenaggio delle infezioni
  • trattamenti ortopedici

Trattamento delle arteriopatie obliteranti lesioni ischemiche del piede

  • Tecniche chirurgiche ricostruttive:
    • Tromboendoarterectomia(TEA)
  • By-pass:
    • autologo (safena)
    • sintetico (PTFEE, Dacron)
  • Simpaticectomia lombare.

Trattamento delle arteriopatie angioplastica transluminale percutanea (PTA)

Dilatazioni di stenosi o ostruzioni brevi con catetere a palloncino(Gruntig) in corso di angiografia
Indicazioni:

  • claudicatio intermittens (Stadio II Fontaine)
  • dolore a riposo (Stadio III Fontaine)
  • lesioni trofiche (Stadio IV Fontaine)

Controindicazioni :

  • occlusioni lunghe
  • lesioni calcifiche
  • presenza di aneurismi

Amputazioni:

  • Minori (Dita e piede)
  • Maggiori (Gamba e coscia)

Tromboangioite obliterante (Malattia di Buerger)

  • Definizione: malattia obliterante ad eziologia ignota caratterizzata da alterazioni infiammatorie delle arterie e delle vene di piccolo e medio calibro
  • Incidenza: sesso maschile, età 20-40 anni, fumatori
  • Anatomia patologia: interessamento delle arterie di medio e piccolo calibro con estensione flogistica ad arterie e vene (Panarterite)
  • Proliferazione delle cellule endoteliali e infiltrazione dell’intima da parte dei linfociti

Tromboangioite Obliterante (malattia di Buerger)

  • Sintomatologia:
    • inizio distale(digitale) con sviluppo precoce di gangrena
    • preceduta nel 40 % da flebite migrante
      • Pulsatilità compromessa nei distretti distali (tibiali)
  • Radiologia: all’ arteriografia trombosi distale (popliteo tibiale) con vasi prossimali di aspetto normale, mentre i circoli collaterali appaiono tortuosi ( A cavatappi)

Tromboangioite Obliterante (malattia di Buerger)

Profilassi e trattamento:

  • Rimozione fattori favorenti:
    • fumo
    • esposizione al freddo e all’umido
    • infezioni fungine delle dita
  • Vasodilatatori (prostaglandine e prostanoidi)
  • Simpaticectomia lombare (chirurgica o clinica)
  • Amputazioni in caso di gangrena

Arterite temporale (o arterite a cellule giganti o craniale o granulomatosa)

  • Definizione: processo flogistico cronico generalizzato a carico delle dilatazioni dell’arto aortico, particolarmente dei rami temporali ed occipitali
  • Caratteristiche: processo autoimmune con sintomi simili alla polimialgia reumatica e manifestazioni specie senili (50 anni e over); ispessimento del vaso per infiammazione granulomatosa dell’intima, spesso con restringimento ed obliterazione

Arterite temporale (o arterite a cellule giganti o craniale o granulomatosa)

Sintomi:

  • insorgenza acuta o graduale, spesso simulante una malattia infettiva(febbricola astenia, perdita di peso)
  • polimialgia al tronco e al collo;sinovite alle ginocchia
  • cefalea mono o bilaterale con dolore pulsante alla tempia con rossore ed edema
  • complicanze gravi: cecità ed ictus 5-40%

Arterite temporale (o arterite a cellule giganti o craniale o granulomatosa)

  • Diagnosi: VES elevata in fase attiva con leucocitosi e modesta anemia
  • Biopsia dell’arteria temporale dopo studio angiografico che identifichi le zone stenosate sede di malattia
  • Trattamento: corticosteroidi ad alte dosi(60mg/ die) per 2-4 settimane; riduzione a 40mg/die per 4-6 settimane; 5-10mg/die per circa 2 anni, al fine di prevenire le recidive e la cecità del paziente
  • Monitoraggio attraverso la VES

Arteripatie periferiche di natura funzionale

Turbe vascolari ad eziologia funzionale spesso secondarie a turbe del sistema nervoso simpatico che possono produrre alterazioni del circolo periferico in assenza di malattie organiche

Fenomeno e malattia di Raynaud

  • Spasmo delle arteriole delle dita con pallore e cianosi intermittente della cute
  • Eziologia:
    • idiopatica (malattia di Reynaud)
    • secondaria (fenomeno di Reynaud)
    • connettiviti
    • intossicazione da farmaci (metisergide)
    • mixedema
    • ipertensione polmonare
    • traumi

Fenomeno e malattia di Raynaud

Anatomia patologica:

  • crisi di vasospasmo possono durare minuti o ore
  • nei casi avanzati possono crearsi trombosi dei piccoli vasi

Fenomeno e malattia di Raynaud

Sintomi, segni e diagnosi:

  • Vasospasmo provocato da esposizioni a freddo o stress emotivo
  • Modificazioni del colorito delle mani avvengono in tre fasi: pallore, cianosi ed arrossamento

Sintomi: formicolio, torpore e bruciore, raramente dolore.

Malattia si definisce idiopatica e persistente per almeno 2 anni.

Fenomeno di Raynaud

Trattamento:

  • Forma secondaria: identificazione e trattamento della malattia di base.
  • Forma idiopatica:
    • protezione al freddo
    • sedativi blandi
    • soppressione di fumo e caffè
    • reserpina per via generale e locale
    • simpaticectomia clinica o chirurgica

Acrocianosi

Cianosi simmetrica persistete non dolorosa delle mani e dei piedi, caratterizzata da vasospamo arteriolare cutaneo

  • Etiologia ricorrete più frequente nelle donne giovani
  • Cianosi accentuata da freddo, scompare con il caldo
  • Diagnosi basata sulla persistenza dei sintomi, in presenza di normali pulsazioni arteriose
  • Trattamento : generalmente non necessario (Simpaticectomia)

Eritromelalgia

Rara sindrome caratterizzata da vasodilatazione parossistica bilaterale, con dolore urente ed arrossamento delle mani.

  • etiologia misconosciuta nelle forme primarie
  • può essere secondaria ad ipertensione, diabete, malattie mielo-proliferative

Trattamento

  • Crisi ridotte dal riposo, dal sollevamento degli arti ed impacchi freddi
  • Aspirina 600 mg

DOMANDE

  • Quali sono i fattori di rischio per malattia aterosclerotica
  • Quali sono i parametri da valutare durante l’ispezione degli arti inferiori
  • Quali sono i punti di repere durante la palpazione degli arti inferiori
  • Di quali strumenti si avvale la diagnostica strumentale nelle AOCP
  • Che cosa è la claudicatio intermittens
  • Quanti stadi riconosce la classificazione di Fontaine
  • Quale è la terapia medica in caso di arteriopatia obliterante degli arti inferiori
  • Quale è l’eziologia della ischemia acuta degli arti inferiori
  • Quali sono i sintomi della della ischemia acuta degli arti inferiori
  • Quale è il trattamento delle embolie degli arti inferiori
  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion