Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Medicina e Chirurgia
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Gaetano Lombardi » 10.Ovaio policistico


Definizione

  • Irregolarità mestruali (amenorrea, oligomenorrea con anovulazione o oligo-ovulazione).
  • Eccesso di androgeni con o senza manifestazioni cutanee.
  • Assenza di altre cause di iperandrogenismo.
  • Dimostrazione ecografica di PCO: non essenziale.

Prevalenza

  • Se definita come “presenza di oligomenorrea e segni di iperandrogenismo (irsutismo)”: intorno al 5-10% della popolazione femminile in età fertile.
  • Sulla base di un reperto ecografico di ovaie policistiche: intorno al 20% della popolazione femminile in età fertile.

Patogenesi: ipotesi 1

  • Presenza di iperandrogenismo ovarico per alterati meccanismi di controllo della steroidogenesi ovarica (17-idrossilasi e 17-20 liasi) per cui vi è un aumento di sintesi di androgeni da parte delle cellule della teca (iperrisposta all’LH e al GnRH nel 70% dei casi; ruolo dell’iperinsulinemia).
  • Presenza di iperandrogenismo surrenalico funzionale (aumentata risposta all’ACTH) in circa il 50% dei casi per disregolazione degli stessi enzimi.

Patogenesi: ipotesi 2

  • L’iperandrogenismo determinato dalle cellule della teca fa sì che i follicoli ovarici raramente raggiungono dimensioni superiori a 6-7 mm, le cellule della granulosa vanno incontro ad atresia e non trasformano gli androgeni (prodotti dalle cellule della teca sotto l’effetto dell’LH) in estrogeni.
  • La mancata selezione del follicolo dominante impedisce l’aumento di metà ciclo dell’FSH e dell’LH e non si ha l’ovulazione.

Patogenesi: ipotesi 3

Gli androgeni non aromatizzati vanno in circolo e subiscono una aromatizzazione continua, aciclica, a livello periferico (tessuto adiposo) per cui i livelli di estrogeni in circolo sono aumentati, specie l’estrone: ciò induce un aumento tonico della secrezione di LH e una inibizione della secrezione di FSH. L’aumento dell’LH stimola in modo continuo la produzione di androgeni da parte della teca, per cui si instaura un circolo vizioso.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion