Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Gaetano Scala » 10.Muscoli della cintura e dell'arto toracico


Muscoli della cintura e dell’arto toracico

Vengono suddivisi in:

- muscoli della spalla
- muscoli del braccio
- muscoli dell’avambraccio e delle dita

Muscoli della spalla
Vengono suddivisi in esterni ed interni

Mm esterni della spalla
- m. deltoide (M. deltoideus), piatto, di forma triangolare, origina con un’aponeurosi comune al muscolo sottospinato dalla cartilagina soprascapolare e termina sulla tuberosità deltoidea dell’omero. E’ adduttore del braccio
- m. sopraspinato (M. supraspinatus), occupa la fossa sopraspinata o antispinata e termina sul trochitere dell’omero. E’ estensore del braccio;
- m. infraspinato (M. infraspinatus), occupa la fossa infraspinata o retrospinata, origina dall’aponeurosi comune al muscolo deltoide e termina sulla cresta del trochitere dell’omero. E’ un adduttore del braccio;
- m. piccolo rotondo (M. teres minor), piccolo, origina dal margine caudale della scapola e termina sotto al trochitere. E’ un accessorio del m infraspinato.

Muscoli della cintura e dell’arto toracico del cavallo


Muscoli interni della spalla

- m. sottoscapolare (M. subscapularis), disposto nella fossa sottoscapolare, orgina dalle aree dentate della scapola e termina sulla cresta del trochine dell’omero. E’ un adduttore del braccio.
- m. grande rotondo (M. teres major), nasce dal terzo superiore del margine caudale della scapola e termina sul tubercolo del grande rotondo. E’ un adduttore del braccio.
- m. coracobrachiale (M. coracobrachialis), nasce dal tubercolo coracoideo della scapola e termina in prossimità della tuberosità del grande rotondo. E’ un adduttore e rotatore del braccio.

Esiste negli equini, nei suini e nel gatto il m. capsulare della spalla, che avvolge parzialmente l’articolazione scapoloomerale.

Muscoli della spalla del cavallo


Muscoli del braccio

Vengono distinti in anteriori e posteriori. Gli anteriori (bicipite brachiale, brachiale) sono flessori dell’avambraccio, i posteriori (tricipite brachiale, anconeo e tensore della fascia dell’avambraccio) sono estensori dell’avambraccio.

Mm anteriori del braccio
- m. bicipite brachiale (M. biceps brachii), ha negli animali domestici una denominazione impropria in quanto è monocipite, origina dal tubercolo sopraglenoideo della scapola, scorre lungo la doccia bicipitale dell’omero, percorre l’omero, supera l’articolazione del gomito e termina sulla tuberosità bicipitale del radio. Prima dell’articolazione del gomito emette un lacerto fibroso che entra nella costituzione del m radiale del carpo;
- m. brachiale (M. brachialis), disposto nella doccia brachiale dell’omero, nasce posteriormente dall’epifisi prossimale dell’omero e termina medialmente all’epifisi prossimale del radio.

Mm posteriori del braccio
- m. tricipite brachiale (M. triceps brachii), origina con tre capi: lungo, laterale e mediale. Il capo lungo origina dal margine caudale della scapola, il capo laterale dalla cresta anconea dell’omero e il capo mediale dall’omero in corrispondenza del tubercolo del grande rotondo. Tutti e tre i capi terminano sull’olecrano.
- m. anconeo (M. anconeus), disposto profondamente al capo laterale de tricipite, origina dai margini della fossa olecranica e termina sull’olecrano.
- m. tensore della fascia dell’avambraccio (M. tensor fasciae antebrachii), è un muscolo aponeurotico che copre la faccia mediale del tricipite.

Muscoli della spalla del cavallo


Azione dei muscoli del braccio nel cavallo


Muscoli dell’avambraccio

Vengono distinti in due gruppi: anteriori e posteriori.
Mm anteriori o dorsali dell’avambraccio
- m. estensore radiale del carpo (M. estensor carpi radialis), origina dall’epicondilo e dalla cresta epicondiloidea dell’omero, si porta sulla faccia dorsale del radio, attraversa l’articolazione del carpo e termina sulla tuberosità anteriore del metacarpeo principale. Nel terzo prossimale riceve il lacerto fibroso del bicipite brachiale. E’ un estensore del carpo-metacarpo;
- m. estensore obliquo del carpo (M. estensor carpi obliquus o M. extensor digiti I longus), origina dal margine laterale del radio, incrocia l’estensore radiale del carpo e termina sul capitello del metacarpeo accessorio. E’ un estensore del metacarpo;
- m. estensore comune delle dita (M. extensor digitorum communis), lungo, origina dal condilo e dalla cresta epicondiloidea laterale dell’omero e prosegue con un lunghissimo tendine fino all’ultima falange di ciascun dito ad eccezione del pollice. Negli equini oltre al capo principale si riscontrano altri due accessori, il m di Philips e di Thiernesse. E’ un estensore delle falangi.
- m. estensore laterale delle dita (M. extensor digitorum lateralis), nasce lateralmente dall’epifisi prossimale del radio e termina sulla faccia dorsale del III dito. Nelle altre specie invia tendini al IV, III, II e V.
- m. supinatore (M. supinator), presenti nei carnivori permette movimenti di rotazione.

Muscoli dell’avambraccio del cavallo


Muscoli posteriori o volari dell’avambraccio

- m. ulnare mediale (M. flexor carpi ulnaris), nasce con due capi: omerale e ulnare. Il capo omerale va dall’epicondilo laterale dell’omero e metacarpeo accessorio laterale. Il capo ulnare va dalla faccia dell’olecrano al metacarpeo accessorio. E’ un flessore del carpo metacarpo.
- m. ulnare laterale (M. ulnaris lateralis), nasce dall’epicondilo mediale dell’omero e termina sul pisiforme o accessorio. E’ flessore del carpo.
- m. grande palmare (M. flexor carpi radialis), origina epitroclea dell’omero e termina sul capitello del metacarpeo accessorio mediale. E’ flessdore del carpo-metacarpo.
- m. pronatore rotondo (M. pronator teres), sviluppato nei carnivori, origina dalla base dell’epitroclea e termina sul margine mediale de radio. E’ un pronatore.
- m. flessore superficale delle dita (M. flexor digitorum superficialis), nasce dall’epitroclea dell’omero, si porta distalmente e si divide in più branche in relazione al numero delle dita. In corrispondenza del nodello, negli equini, forma un anello completo al m flessore profondo delle falangi. Termina sulla II falange.
- m. flessore profondo delle falangi (M. flexor digitorum profundus), origina con tre capi: omerale, radiale e ulnare. Il capo omerale nasce vicino al m flessore superficiale delle falangi. Il capo radiale origina a livello del terzo medio della faccia volare del radio. Il capo ulnare nasce dal margina posteriore dell’olecrano. Il tendine unico insieme a quello del m flessore superficiale si divide o si mantiene unico a seconda delle specie e termina sulla faccia volare della III falange.

Muscoli


Azione dei muscoli nelle leve (F) dell’arto anteriore


Azione dei muscoli nei movimenti di lateralità


Azione dei muscoli nell’arto anteriore di cavallo

a

a


Azione dei muscoli nell’arto anteriore di cavallo

b

b


  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion