Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Medicina Veterinaria
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Gaetano Scala » 1.Presentazione del corso


Introduzione I

L’Anatomia veterinaria studia la morfologia e la struttura degli animali domestici.

Sono detti domestici tutti gli animali che l’uomo ha addomesticato e che tuttora alleva per affezione, per sport, per produzioni e per lavoro.

Gli animali domestici appartengono alle Classi dei Mammiferi, degli Uccelli e dei Pesci

I Mammiferi studiati appartengono all’Ordine dei Carnivori (Canidi e Felidi), dei Perissodattili (Equidi), degli Artiodattili (Suidi, Bovidi e piccoli Ruminanti ) e dei Lagomorfi (coniglio).

Gli Uccelli appartengono agli Ordini dei Gallinacei (pollo e tacchino), degli Anseriformi (anatra e oca) e dei Colombiformi (colombo).

I Pesci appartengono all’Ordine dei Teleostei.

Introduzione II

L’organismo degli animali domestici è costituito da unità elementari: le cellule.

Più cellule aventi la stessa forma e la stessa origine embrionale formano i tessuti.

I tessuti sono quattro e vengono distinti in tessuto epiteliale, tessuto connettivo, tessuto muscolare e tessuto nervoso.

Più tessuti formano gli organi: fegato, rene, cuore, milza…

Più organi che concorrono a svolgere una ben definita funzione, costituiscono un apparato o sistema: respiratorio, digerente, circolatorio…

Introduzione III

L’Anatomia degli animali domestici viene suddivisa nei seguenti apparati o sistemi:

  1. Apparato locomotore, costituito da organi la cui funzione principale è la locomozione (movimento). Comprende:
    • l’Osteologia
    • l’Artrologia
    • la Miologia
  2. Apparato tegumentario comprende la pelle e i suoi annessi: ghiandole, peli, zoccolo, unghioni, corna e mammella.
  3. Apparato uro-genitale, costituito da organi la cui funzione principale è la produzione dell’urina (Apparato urinario) e la riproduzione (Apparati genitali maschile e femminile).
  4. Apparato digerente, costituito da organi la cui funzione principale è la digestione degli alimenti.
  5. Apparato respiratorio, costituito da organi la cui funzione principale è la respirazione.
  6. Apparato circolatorio, costituito dal cuore, dai vasi sanguigni e linfatici e dagli organi linfoidi.
  7. Sistema nervoso, distinto in Sistema Nervoso Centrale (SNC) e Sistema Nervoso Periferico (SNP).
  8. Organi di senso.
  9. Apparato endocrino.

Termini di orientamento I

Il corpo degli animali domestici può essere diviso in due metà equivalenti da un piano longitudinale perpendicolare al suolo detto piano sagittale mediano.

Se si considera il corpo degli animali domestici nella sua posizione naturale, con tutti e quattro gli arti poggianti a terra, lo si può immaginare racchiuso in un parallelepipedo. Si identificano così i piani di orientamento: due laterali, uno superiore o dorsale, uno inferiore o ventrale, uno anteriore o craniale e uno posteriore o caudale.

Si utilizzano i termine di mediale per indicare un organo o una regione più vicina al piano sagittale mediano, mediano per indicare un organo o una regione situata sul piano sagittale mediano.

Tutti i piani verticali al piano sagittale mediano, che tagliano il corpo degli animali domestici nel senso della sua lunghezza sono indicati come longitudinali. Tutti i piani perpendicolari ai piani longitudinali e attraversano il corpo dell’animale in senso trasversale sono detti trasversali. Son detti frontali tutti i piani che attraversano in senso longitudinale il corpo animale e sono perpendicolari ai trasversali.

Termini di orientamento II

Nella testa per indicare le varie strutture in essa contenute vengono presi come punti di riferimento la bocca e la squama dell’occipitale, per cui vengono utilizzati i termini di orale o rostrale se sono più vicine all’apertura boccale e aborale o nucale se sono più vicine all’occipitale.

Negli arti vengono utilizzati i termini di prossimale e distale per indicare regioni che sono più vicine o più lontane al punto di aggancio. Nell’arto toracico la superficie mediale dell’avambraccio e del carpo viene indicata con il termine di radiale, quella laterale con il termine di ulnare.

Nell’arto pelvico la superficie mediale della gamba e del tarso viene indicata con il termine di tibiale, la laterale con il termine di fibulare. Inoltre, negli arti vengono utilizzati i termini di dorsale o anteriore per la superficie anteriore e  palmare o plantare per quella posteriore.

Vista laterale I

Bovino in posizione anatomica

Bovino in posizione anatomica


Vista frontale II

Bovino testa e arti anteriori

Bovino testa e arti anteriori


Vista ventrale III

Topografia  cavità del corpo animale

Topografia cavità del corpo animale


Suddivisione del corpo degli animali domestici

Il corpo degli animali domestici può essere suddiviso in capo, collo, tronco e arti o appendici.

Il capo ha come base scheletrica il cranio e presenta diverse regioni. La regine delle labbra, della barbozza, nasale, frontale, delle guance, masseterina e orbitale.

Il collo ha come base scheletrica le vertebre cervicali.

Il tronco viene suddiviso nella porzione toracica e addominale. La porzione toracica o torace ha come base scheletrica le vertebre toraciche, le coste e lo sterno. La porzione addominale ha come base scheletrica le vertebre lombari e sacrali. Viene suddivisa in varie regioni.

Gli arti vengono distinti in anteriori o toracici e posteriori o pelvici. Negli arti anteriori si distinguono: spalla, braccio, avambraccio, carpo, stinco, nodello, pastoia e corona, piede. Negli arti posteriori si distinguono: coscia, gamba, tarso o garretto. Le altre regioni sono le stesse dell’arto anteriore.

Vista laterale I

Cavallo

Cavallo


Vista laterale II

Bovino

Bovino


Vista laterale III

Cane

Cane


  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion