Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Giovanni Vesce » 10.Agenti dissociativi, anestesia e derivati


Agenti dissociativi

Cicloesamine e Cicloexilamine

In Anestesia Dissociativa: “gli impulsi non vengono percepiti dalle aree corticali del cervello”

Effetti centrali

  1. Depressione del SNC
  2. I riflessi oculari, laringei , faringei ed altri, persistono
  3. Immobilizzazione (contenimento, cattura)
  4. Analgesia
  5. Aumento del consumo cerebrale di O2
  6. Aumento del flusso ematico cerebrale e della pressione intracranica
  7. Convulsioni occasionali (11% nei cani)
  8. Allucinazioni
  9. Fenomeni eccitativi

N.B.: Tali effetti vengono modificati, ridotti o aboliti dalla associazione con altri farmaci.

Apparato cardio-vascolare

Azione dromotropa e inotropa positiva

  • Aumento del tono del S. N. Simpatico
  • Aumento della frequenza cardiaca
  • Aumento della pressione arteriosa
  • Aumento della gittata cardiaca
  • Aumento della contrattilità miocardica

Effetti centrali

  • Aumento del tono muscolare
    • Rigidità muscolare (catatonia)
    • Flessibilità cerea
    • Rigidità estensoria
    • Spasticità tonica
  • Analgesia somatica (ma non viscerale)
  • Ritmo respiratorio “apneustico”
  • Aumento della salivazione

Controindicazioni

  • Ipertensione arteriosa
  • Rischio di convulsioni
  • Trauma cranico
  • Disturbi neurologici centrali
  • Insufficienza renale acuta
  • Insufficienza renale grave
  • Insufficienza epatica

Iperalgesia – WINDUP”

  • La stimolazione dei nocicettori periferici induce una stimolazione protratta dei (neuroni) nocicettori spinali.
  • Stimoli ripetuti ne amplificano gradualmente (> 20 volte) la risposta = “windup”.
  • I recettori NMDA (N-Methyl-D-Aspartato) e AMPA (Alphaamino-3-hydroxy-5-methyl-4-isoxazole Propionic Acid) attivano il Glutamato, amplificando il dolore (Iperalgesia centrale)

Ketamina

  • Gli antagonisti del recettore NMDA come la Ketamina non sono propriamente degli analgesici, tuttavia essi esercitano un notevole effetto anti-iperalgesico, che potenzia l’effetto di altri analgesici.
  • L’impiego della Ketamina a dosaggi sub-anestetici viene raccomandato nel dolore acuto grave (chirurgia) ed in quello cronico.

Fenciclidina: Sernylan

Parke Davis = esclusivo uso veterinario

  • Impiegato nella cattura dei grossi felini, dei primati e degli ursidi (anni 60).
  • Capostipite della famiglia, sostanza molto potente
  • Abbandonata per i suoi effetti collaterali e ritirato dal commercio per il potenziale d’abuso.

Tiletamina

Indicazioni e dosi

Pura, in cristalli, per la cattura dei grossi felini, dei primati e degli ursidi: “oggi in disuso”

  • Zoletil® (Virbac) = “Zoletil 100″® e “Zoletil 20″® (associazioni al 50% di Tiletamina e Zolazepam)
    • Zoletil 100 = (50 mg/ml T + 50 mg/ml Z)
    • Zoletil 20 = (10 mg/ml T + 10 mg/ml Z ) maggiori concentrazioni sono possibili
  • Indicazioni: contenimento, cattura ed anestesia di moltissime specie domestiche e selvatiche
  • Dosi: 2 – 10 mg/kg, secondo la specie, la via scelta e l’effetto desiderato

Ketamina

  • “Aescoket” (Agrolabo) 10%
  • “Ketavet 50″ (5%) e “100″ (10%) (Gellini).
  • “Imalgene 500″ (5%) e “1000″ (10%) (Pierzoo-Rhone Mérieux)
  • “Inoketam 500″ (5%) e “1000″ (10%) (Virbac).
  • Ketalar ” 5% (Parke Davis) Per uso umano.

Ketamina

  • Sostanza tra le più usate in anestesia veterinaria (sintetizzata nel 1963).
  • Elevato indice terapeutico. Emivita breve.
  • Compatibile con moltissime sostanze anestetiche.
  • Chimica: Idro-solubile con elevata lipo-solubilità (5-10 volte quella del Tiopentale).
  • Dolorosa per via i.m., può essere somministrata e.v. – E’ assorbita bene anche per via orale.

Ketamina

  • Sistema Cardio-vascolare = Aumento del tono del S.N.S.
  • Determina aumento della
  • Frequenza cardiaca
  • Pressione arteriosa sistemica e pressione del circolo polmonare
  • Resistenze nel circolo periferico
  • Gittata cardiaca
  • Contrattilità cardiaca
  • Consumo di ossigeno del miocardio.

Ketamina

  • Sistema Respiratorio: effetti variabili ma non significativamente negativi – Ritmo apneustico.
  • Metabolismo: Risveglio imputabile ad una lenta ridistribuzione dal S.N.C. agli altri tessuti.
  • Metabolismo epatico, variabile per specie e qualità di metaboliti (anche attivi).
  • Alcune specie eliminano una certa quantità di sostanza immodificata.
  • Escrezione: Renale!

Anestesia steroidea

Saffan (Glaxo): Uso veterinario

Althesin: Uso umano

Saffan

Uso veterinario

Miscela di due ormoni steroidei insolubili in acqua, in “Cremofor” (solvente derivato dall’olio di castoro)

Alfaxalone (9 mg/ml) + Alfadolone acetato (3 mg/ml)

Dose espressa come 12 mg/ml (= Conc.Totale delle due sostanze anestetiche)

Alfaxalone = più potente, ma insolubile

Alfadolone = migliora la solubilità

Saffan

Aspetti clinici

Assorbimento muscolare: critico! (10-12 minuti!)

Endovena: 9” = induzione – 25” = anestesia chirurgica

  • Indice Terapeutico = elevato! (30,6)
  • Legame proteico = scarso
  • Buona analgesia
  • Buona miorisoluzione

Saffan

Aspetti clinici

  • Sostanza non cumulativa (infusioni ripetute = buon risveglio)
  • Rapido Metabolismo epatico
  • Indicato nei piccoli felini.: via: I.M o E.V. (9-18 mg/Kg i.m 3-9 mg/kg e.v)
  • Reazioni anafilattiche!!! (anche nei gatti)

Saffan

Uso veterinario

  • Anestesia degli animali da laboratorio e suini
  • Non associare ai Barbiturici od altri potenti ipnotici o anestetici parenterali
  • Risveglio: eccitabile e spesso eccitato
  • Popolarità: scarsa
  • Fortuna alterna!

Derivati dell’imizadolo

Etomidato – Metomidato

Etomidato – Metomidato

  • Nessun vataggio superiore ad altri anestetici
  • Azione rapida – Effetto rapido
  • Buona funzionalità degli apparati Cardiovascolare e Respiratorio
  • Scatti e spasmi muscolari
  • Risveglio eccitato e violento

Etomidato – Metomidato

  • Nessun effetto analgesico intrinseco – associare ad altri anestetici
  • Inibizione della corteccia surrenale
  • Il Metomidato viene impiegato nei suini in associazione con l’Azaperone.
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion