Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Medicina Veterinaria
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Giovanni Vesce » 28.Anestesia degli animali da laboratorio


Ambiente di lavoro

  • Lavorare in un ambiente silenzioso.
  • Abolire ultrasuoni ed altre fonti di rumore.
  • Abituare i soggetti al laboratorio.
  • Evitare la visione e l’udito di soggetti simili sottoposti a procedure “non routinarie”.
  • Utilizzare spazi diversi per l’attesa, per la procedura e per il post trattamento.

Contenimento fisico

  • Identificare in maniera indelebile i soggetti.
  • Manipolare gli animali con la massima attenzione e “gentilezza”.
  • Indossare guanti protettivi adeguati alla taglia del paziente.
  • Controllare la testa del soggetto.
  • Impiegare arnesi da contenimento specifici.

Selezione dei soggetti

  • Esaminare accuratamente il soggetto.
  • Verificare le grandi funzioni organiche.
  • Valutare lo stato di nutrizione.
  • Valutare lo stato di idratazione.
  • Auscultare il cuore ed il polmone.
  • Misurare la temperatura rettale.
  • Misurare il peso corporeo esatto (in grammi!).
  • Annotare tutto su apposita cartella.
  • Scartare soggetti non in perfetta forma (obesi, emaciati, ammalati, disidratati, con lesioni cutanee, …)

Obesità = iperdosaggio


Scelta dei farmaci

Considerare:

  • La specie animale;
  • Il tipo di procedura;
  • La durata della procedura;
  • L’eventuale dolore intra- e post- procedura;
  • Gli eventuali trattamenti farmacologici;
  • Verificare che lo stomaco sia vuoto!!!

Premedicazione

Anticolinergici ?

Tranquillanti e analgesici:

Spostare lentamente i soggetti durante l’effetto!!!

  • Fenotiazine (Promazina, Ace -., Clor-.,)
  • Benzodiazepine (Diazepam, Midazolam)
  • Alfa agonisti (Xilazina, Medetomidina)
  • Oppiacei (Fentanyl, Morfina, Butorfanolo)
  • Associazioni (Innovar, Promaz.+Morfina)

Fans ???

Induzione

  • Barbiturici (Tiopentale, Pentobarbitale)
  • Cicloesamine (Ketamina, Tiletamina)
  • Neulolepto-analgesia (Innovar Vet; associazioni)
  • Alogenati (Alotano, Isoflurano, Metossiflurano)
  • Associazioni (Altesin, Ketamina, Zoletil, xilazina+ketamina, xilazina+ medetomidina)

Mantenimento

  • Alogenati
    • Potenza = MAC
    • Rapidità = Solubilità
    • Maggiore la solubilità, più lente l’induzione ed il risveglio: Impiegare anestetici relativamente insolubili
    • (N2O, Isoflurano, Alotano)! Metossiflurano = Insolubile!
  • Barbiturici
  • Propofolo
  • Ketamina
  • Saffan
  • Oppioidi
  • Associazioni…

Pentobarbitale Na

  • Azione breve – ossibarbiturico
  • Non irritante, pH neutro – Assorbimento I.M.
  • Azione lenta – Lento ad attraversare la barriera ematoencefalica.
  • Risveglio = metabolismo
  • Marcata depressione respiratoria
  • Depressione CV = Tiopentale

Ketamina

  • Sostanza tra le più usate in anestesia veterinaria (sintetizzata nel 1963).
  • Elevato indice terapeutico. Emivita breve.
  • Compatibile con moltissime sostanze anestetiche.
  • Chimica: Idro-solubile con elevata lipo-solubilità (5-10 volte quella del Tiopentale).
  • Dolorosa per via i.m., può essere somministrata e.v. – E’ assorbita bene anche per via orale.

Analgesia “centrale” (Iperalgesia – WINDUP”)

  • La stimolazione dei nocicettori periferici induce una stimolazione protratta dei (neuroni) nocicettori spinali.
  • Stimoli ripetuti ne amplificano gradualmente (> 20 volte) la risposta = “windup”.
  • I recettori NMDA (N-Methyl-D-Aspartato) e AMPA (Alphaamino-3-hydroxy-5-methyl-4-isoxazole Propionic Acid) attivano il Glutamato, amplificando il dolore (Iperalgesia centrale)

Saffan (Altesin)

Assorbimento muscolare: critico! (10-12 minuti!)

EV o IP: 9” = induzione; 25” = anestesia chirurgica

  • Indice Terapeutico = elevato! (30,6)
  • Legame proteico = scarso
  • Buona analgesia
  • Buona miorisoluzione

Topo (Mus Mus)


Cavia porcella


Dolore post-operatorio

  • Qualità del risveglio!
    • Evitare: Eccitazione, paura, stress, dolore, freddo, umido
  • Valutazione del dolore! (Morton e Griffith)

Terapia del dolore post-operatorio

Morton e Griffith n° 1 e 2:

  • Fans (Ac.Acetilsalicilico, Paracetamolo, Flunissina, Fenilbutazone, Carprofen, Tolfedina)

Terapia del dolore post-operatorio

Morton e Griffith n° 3 e 4:

Oppiacei

  • Agonisti:
    • Ossimorfone (> 4 ore)
    • Meperidina (> 4 ore)
    • Morfina (> 4 ore)
  • Misti:
    • Pentazocina (3-4 ore)
    • Buprenorfina (4-6 ore)
    • Butrorfanolo (6-8 ore)

Anestesia bilanciata degli animali da laboratorio


Obiezioni all’impiego degli analgesici

  • Nell’uomo:
    • Interferenza con la chirurgia e con gli altri farmaci post-operatori.
  • Negli Animali:
    • Ignoranza di dosi e regimi
    • Interferenza con la chirurgia e con gli altri farmaci post-operatori.
    • Gli animali non manifestano il dolore

Futuro della chirurgia sperimentale

Abolire il dolore negli animali da esperimento!

Ruolo del veterinario:

  • non solo “contenimento intraoperatorio”;
  • gestione dello stabulario;
  • conoscenza del comportamento di specie;
  • conoscenza del singolo soggetto;
  • corretto impiego dei farmaci analgesici.
  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion