Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Giovanni Vesce » 24.Arresto cardio-respiratorio e rianimazione cardiopolmonare


Arresto cardio-respiratorio

L’arresto cardiorespiratorio (ACR) o arresto cardiopolmonare (ACP) è un’interruzione del funzionamento cardiaco e dell’attività respiratoria spontanei ed efficaci.

Cause di arresto cardio-respiratorio

  • Ipossia
  • Ipercapnia
  • Acidemia
  • Ipo / Ipertermia
  • Ipo / Iperkalemia
  • Ipocalcemia
  • Anomalie cardiovascolari
  • Anemia
  • Stimoli vagali
  • Iperdosaggio di Farmaci

Diagnosi

Deve essere precoce!

Segni clinici di arresto:

  • Assenza di battito cardiaco udibile o di polso palpabile
  • Assenza del respiro
  • Midriasi Pupillare
  • Mucose ischemiche/cianotiche
  • Prolungamento del tempo riempimento capillare

Diagnosi in anestesia

L’ACR può essere prevenuto!

Segni:

  • Riduzione/arresto dell’attività respiratoria
  • Aritmie cardiache, (bradicardia, CVP, …)
  • Aumento del TRC
  • Ipotensione arteriosa
  • Alterazioni ECG
  • Alterazioni capnometria e pulsossimetria

Considerazioni preliminari

Motivi per non eseguire una RCR:

  • Malato terminale, incurabile, …
  • Inadeguata perfusione cerebrale (> 15 min.)
  • Volontà del proprietario

Trattamento dell’ACR

Primi interventi

Immediati simultanei continui

  • A) Vie aeree (Airway)
  • B) Respirazione (Breathing)
  • C) Circolazione (Circulation)

Interventi secondari

  • D) Farmaci (Drugs)
  • E) Elettrocardiogramma (ECG)
  • F) Fluidi (Fluids)

A: Vie aeree (airway)

  • Verifica pervietà vie aeree
  • Inserire un tracheotubo
  • Se l’intubazione non è possibile

=> Tracheostomia

Valutare compliance toracica con una ventilazione a pressione positiva intermittente (IPPV)


B: Respirazione (breathing)

Sospendere/antagonizzare eventuali anestetici !!!

  • Ventilazione a pressione positiva intermittente (IPPV)
  • Frequenza: 10/20 atti respiratori/min.
  • 100 % O2 (se non disponibile: aria atmosferica e ambu)
  • Pressione inspiratoria: 20 cm H2O
  • Volume tidalico 15 ml/kg

C: Circolazione (circulation)

  • Compressione toracica esterna (CTE)
  • Compressione cardiaca interna (CCI)

1) Compressione toracica esterna (CTE)

  • Decubito laterale dx o dorsale
  • Testa in posizione declive
  • Compressioni effettuate sull’area cardiaca (4°/5° spazio intercostale sinistro)
  • 60/80 compressioni/min fino a 100/120
  • Rapporto compressione/rilassamento 1:1
  • Forza compressoria utile a deformare il torace del 30 %
  • Posizione delle mani: varia in base alla taglia del paziente

Sincronica tra insufflazione e compressione

  • L’insufflazione del polmone deve avvenire tra una compressione e la successiva
  • Se l’operatore è solo: alternare 1 ventilazione a 10 compressioni
  • Tecnica alternativa: compressione e ventilazione simultanee (CVS)

2) Compressione cardiaca interna (CCI)

Si effettua in caso di:

  • Intervento a torace aperto
  • Significativo trauma toracico
  • Versamento pleurico
  • Pneumotorace
  • Tamponamento cardiaco
  • Ernia diaframmatica
  • CTE inefficace

CCI: Tecnica

  • Incisione della cute al 5° spazio intercostale Sx. Dissezione smussa dei mm intercostali
  • Divaricare lo spazio intercostale
  • Incidere il pericardio longitudinalmente, inferiormente al nervo frenico
  • Massaggiare il cuore comprimendo i ventricoli dalla punta verso la base, utilizzando le superfici palmari delle dita e/o delle mani
  • Per migliorare il flusso cerebrale si può effettuare la compressione o il clampaggio dell’aorta addominale

CCI: Vantaggi

  • La CCI fornisce il 50-60% della normale gittata cardiaca rispetto al 25-50% della CTE
  • Visualizzazione diretta del cuore per valutarne direttamente l’attività
  • Rilevamento e correzione immediata di patologie intratoraciche
  • Rilevamento e correzione immediata di fibrillazione ventricolare
  • Permette il clampaggio dell’aorta
  • Permette di praticare un’iniezione intra-cardiaca

D: Farmaci (drugs) – F: Fluidi (fluids)

Fluidoterapia -> aumenta il ritorno venoso: Ringer Lattato 10/20 ml/Kg o Destrosio 5 %

In corso di grave emorragia: sangue intero o soluzione fisiologica ipertonica (NaCl 7,5%) 3-10 ml/Kg in associazione con colloidi (Destrano 70) a 5-20 ml/kg

In presenza di grave acidosi metabolica: Bicarbonato di sodio 0,5-1 mEq/kg

Adrenalina

  • bassa dose (0,01-0,02 mg/kg);
  • alta dose (0,1-0,2 mg/kg);
  • intratracheale (dosaggi 2-5 volte maggiori);
  • intracardiaca.

Elettrocardiogramma (ECG)

3 tipi di Arresto Cardiaco

  • Asistolia: Assenza di attività cardiaca elettrica e meccanica : ECG caratterizzato da una linea piatta
  • Dissociazione ElettroMeccanica (DEM): Presenza di attività cardiaca elettrica in assenza di attività meccanica. ECG normale
  • Fibrillazione ventricolare: Perdita dell’efficacia della contrazione muscolare per depolarizzazione asincrona (erratica) delle fibre del miocardio. ECG: oscillazioni (ampie o fini) incoordinate della linea isoelettrica

Terapia per asistolia e DEM

  • Adrenalina: 0,01-0,02 mg/kg e.v.
  • Atropina: 0,05-0,1 mg/kg ev
  • Calcio:
    • Ca Cloruro al 10% 5-20 mg/kg
    • Ca Gluconato: al 10% 10-40 mg/kg
  • Desametazone E.S.: 4-8 mg/kg e.v.

Defibrillazione ventricolare

Defibrillazione elettrica

  • Pazienti sotto i 7 kg: 2 Joules/kg
  • Pazienti tra 8 e 40 kg: 5 Joules/kg
  • Pazienti sopra i 40 kg: 5-10 Joules/kg

Defibrillazione farmacologica

  • Lidocaina ev: 2-6 mg/kg, lentamente
  • KCl e.v.: 1 mg/kg

Conclusioni

  • L’ACR è una situazione di emergenza che deve essere trattata senza indugi.
  • IL paziente deve essere sottoposto immediatamente a ventilazione artificiale e a sostegno circolatorio per proteggere gli organi vitali.
  • Il trattamento farmacologico adeguato si basa sull’esame dell’ECG e su parametri vitali.

Domande

1. Quale farmaco è più indicato per il trattamento di contrazioni ventricolari premature?

  • a) gluconato di calcio
  • b) adrenalina
  • c) lidocaina

2. In quale delle seguenti aritmie la terapia farmacologica prevede la somministrazione di adrenalina per via endovenosa?

  • a) contrazioni ventricolari premature
  • b) bradicardia sinusale
  • c) asistolia ventricolare

3. In caso di arresto cardiaco in quale ordine vanno effettuate le seguenti manovre: A) massaggio cardiaco, B) ventilazione artificiale, C) terapia farmacologica:

  • a) A-B-C
  • b) C-B-A
  • c) B-A-C
  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion