Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Tiziana Pepe » 7.Ricerca di patogeni mediante tecniche biomolecolari Escherichia coli


Tecniche di biologia molecolare applicate alla produzione e all’igiene degli alimenti

Riconoscimento di specie patogene quali:

  • Virus
  • Batteri
  • Protozoi
  • Miceti

Per il controllo delle frodi alimentari

  • Sostituzione di specie
  • Omissione di dichiarazione (specie, OGM)

Escherichia coli

Famiglia: Enterobacteriaceae
Genere: Escherichiae
Specie: coli, blattali, fergusoni, hermani, vulneris, adecarboxylate

Escherichia coli comprende ceppi saprofiti e ceppi patogeni che provocano:

  • negli animali
    • mastiti bovine
    • setticemie emorragiche nei suini
  • nell’uomo
    • sindromi uremico
    • emolitiche
    • meningiti
    • setticemie
    • malattie immunologiche
    • artrite reumatoide
    • forme enteriche

Classificazione degli E. coli patogeni

Gli Escherichia si classificano (secondo Padhye e Doyle, 1992) in base a:

  1. virulenza
  2. modalità d’azione sulla mucosa intestinale
  3. epidemiologia e sintomatologia clinica indotta

I ceppi di E. coli patogeni si differenziano in:

  • ETEC – E. coli enterotossigeni (causa della diarrea del viaggiatore);
  • EPEC – E. coli enteropatogeni (diarrea infantile);
  • EIEC – E. coli enteroinvasivi (diarrea acquosa);
  • EHEC – E. coli enteroemorragici (diarrea emorragica).

EHEC

Tra gli E.coli enteroemorragici si distingue il Sottogruppo VTEC. Vengono definiti così in quanto produttori di verocitossine (VT1 e VT2). Le VT provocano effetto citopatico sulle cellule Vero ed HeLa.

All’interno del sottogruppo VTEC si distinguono:

  • E. coli produttori di tossine
    • in traccia
    • a bassi livelli
    • ad alti livelli

Il capostipite dei VTEC è E. coli O157:H7

E. Coli O157:H7

Caratteri generali comuni a tutti gli E. coli

Corto batterio bastoncellare Gram -, mobile o immobile. Il sierotipo O157: H7 possiede caratteri biochimici comuni alla specie E. coli.
› ossidasi -
Voges-Proskauer -
› catalasi +
› indolo +
› rosso metile +
› lattosio fermentante
› aerobio-anaerobio facoltativo

Caratteri distintivi

  • Incapacità a fermentare il sorbitolo (80.3% dei ceppi di E. coli sono sorbitolo fermentanti).
  • Assenza dell’enzima b-glucoronidasi (96.0 % dei ceppi di E. coli sono b- glucoronidasi +)
  • Resistenza termica: da -20°C a +40°C. Possiedono Heat Shock Proteins -HSPs- (pool di proteine)
  • pH di crescita: da 3.5 a 9.0

N.B. esistono alcuni stipiti di O157:H7 sorbitolo fermentanti e b-glucoronidasi +

E. Coli O157:H7 (segue)

Fattori di virulenza
Geni produttori di verocitossine indicate come VT1 e VT2.
Le verocitossine possiedono 1 subunità A attiva e 5 subunità B che legano i recettori di membrana (costituiti dal ceramide GB3).

→ Locus LEE (Locus di produzione della proteina Adesina che lega e riduce ad un tappeto cellulare gli enterociti);
Plasmide 60 MDa (che codifica per fimbrie ed enteroemolisine);
Gene flic (che codifica per l’antigene flagellare);
pili di adesione.

Trasmissione dell’infezione all’uomo
Il serbatoio principale è il BOVINO ADULTO sano, accanto a Suini, Avicoli e Ovini. Le vie di trasmissione sono gli alimenti contaminati, ma esiste anche possibilità di trasmissione da persona a persona. Le maggiori fonti di contagio per l’uomo sono:

  • carne bovina macinata (hamburger);
  • latte non pastorizzato o ricontaminato;
  • verdure;
  • maionese (pH 3,6- 3,9);
  • formaggi;
  • sidro di mele (pH 3,7- 3,9);
  • arrosto di tacchino.

Proliferazione ed escrezione

I fattori che influenzano la proliferazione intestinale di E. coli O157 H7 e la loro escrezione sono:

  • Lo svezzamento;
  • Il cambiamento nella composizione della dieta;
  • Il digiuno;
  • Il trasporto;
  • Le malattie.

Patogenesi e sintomatologia nell’uomo

L’infezione si contrae per os.Il periodo di incubazione è di 4- 8 gg. La sede di colonizzazione del patogeno è il colon. Le modalità di infezione sono dette attaching-effacing. Il meccanismo patogeno avviene mediante la produzione di tossine.La sede d’elezione dell’infezione sono le cellule endoteliali del microcircolo di rene e colon.

Sintomatologia dell’infezione
Le forme più comuni di infezione da E. coli O157H7 sono:

Forma asintomatica → Nessun sintomo;
Colite emorragica → Crampi addominali, diarrea acquosa, diarrea emorragica nausea, vomito, febbre assente o poca elevata;
Sindrome emolitica uremica (HUS)*(triade sintomatologica) → Insufficienza renale acuta, piastrinopenia, anemi emolitica microangiopatica, complicanze al SNC e al miocardio.
Porpora trombociticatrombocitopenica (PTT) → Sintomi simili a HUS con coinvolgimento del SNC, anemia emolitica microangiopatica, grave trombocitopenia, manifestazioni neurologiche variabili, febbre e bassa azotemia ALTA MORTALITA’.

*evoluzione del 5-10% dei casi di colite emorragica, sono colpiti i pazienti immunodepressi, anziani e bambini.

Ricerca di E. coli O157:H7 – Metodi di isolamento e identificazione microbiologica

La ricerca viene effettuata su terreno liquido arricchito con sostanze ad attività antibiotica.

I terreni più utilizzati sono:

  • modified Tryptone Soya Broth -mTSB- con addizione di novobiocina o di acriflavina
  • Bacto@ modified Ec Medium

Un’altra tecnica è l’Immunoseparazione magnetica in cui si utilizzano anticorpi specifici per l’antigene O157 adesi a supporti magnetici.

Oppure si effettua una semina del batterio su terreno solido selettivo differenziale. Si usa:

  • Sorbitol MacConkey agar (SMCA) (sostituzione del lattosio del MCA con D-sorbitolo 0.1%)

Interpretazione dei risultati:

  • colonie sorbitolo – sospette O157:H7
    • (falsi positivi: ceppi di E. coli e altri generi non fermentanti);
  • colonie sorbitolo + con colorazione rosso porpora
    • (falsi negativi: ceppi di O157:H7 sorbitolo fermentanti di cui non è ancora nota la prevalenza).

Ricerca di E. coli O157:H7 – Metodi di isolamento e identificazione microbiologica (segue)

Si possono effettuare anche:

Test fluorogeno basato sull’impiego del MUG (4-metilumbelliferil beta-D-glucuronide).
Il substrato fluorogeno (MUG) forma macchie fluorescenti (sotto luce UV) attorno all’E.Coli (batteri produttori di beta-glucoronidasi).

Test cromogeno basato sull’impiego del BCIG (5-Br-4-Cl-3-indolil-_-D-glucuronide).
Il metodo permette di contare il numero delle colonie di E. coli cresciute su una membrana posta su terreno agarizzato addizionato con sostanze cromogene.

Altri test biochimici
→ Sistemi Api 20E (bioMèrieux)
→ Enterotubo (Roche)
→ Microbact 12A (MedVet)

Per l’identificazione dei microrganismi sospetti in base a caratteristiche immunologiche si usano:

  • Kit di agglutinazione al lattice del sierogruppo O157 (latex test);
  • Specifici antisieri per l’antigene flagellare H7 di E. Coli.

Ricerca di E. coli O157:H7 – Metodi innovativi

Tra i metodi innovativi di ricerca dell’ E.Coli O157H7 vi è:

Identificazione e differenziazione nell’ambito dei VTEC del ceppo O157:H7 attraverso l’uso di sonde oligonucleotidiche (PCR).

Tale metodica presenta:

  • Alta sensibilità
    • possibilità di ritrovamento del patogeno anche a basse concentrazioni;
  • Alta specificità
    • il numero di eventuali falsi positivi è molto limitato;
  • Ampia versatilità
    • possibilità di identificare altri sierotipi VTEC;
  • Rapidità di esecuzione
    • La tradizionale tecnica PCR consente di identificare singoli tratti del genoma;
    • La PCR, applicata dopo coltura di prearricchimento, permette di identificare negli alimenti i ceppi batterici patogeni in 2-4 h.

PCR multiplex

La PCR multiplex è in grado di evidenziare in un’unica reazione di amplificazione numerosi loci genici.

L’uso della PCR multiplex risulta molto utile per caratterizzare il sierotipo O157:H7 di E. coli, in quanto permette di identificare le espressioni geniche correlate ai suoi fattori di virulenza.

I tratti genomici amplificati per la caratterizzazione di E. coli O157H7 frammenti di geni che codificano per i fattori di virulenza del batterio:

  • Regione upstream del gene eaeA (primers SZ) (Meng et al., 1996);
  • Gene eaeA (attaching and effacing) (primers C) (Sandhu et al., 1996);
  • Geni di verocitossine (SLT-I e SLT-II);
  • DNA Plasmidico (50-70 MDa) (Fratamico et al., 1993);
  • Antigene H7 (flagellare) (Gannon et al., 1997).

Ricerca mediante PCR

L’estrazione del DNA avviene a partire da colture pure e viene effettuata mediante lisi cellulare per shock termico.

I Primers scelti per la PCR sono:

  • SLT-1 (210 bp) per VT1 (Meng et al., 1995);
  • SLT-2 (484 bp) per VT2 (Meng et al., 1995);
  • MFS-I (166 bp) per DNA plasmidico (Fratamico et al., 1995);
  • FLICH7 (650 bp) per l’antigene H7 (Gannon et al., 1997).

Elettroforesi

La fase finale prevede l’analisi dei prodotti dell’amplificazione attraverso corsa elettroforetica su gel di agarosio.

Nell’immagine:

Pozzetti 1, 6: Ladder 100 bp
Pozzetto 2: Ceppo E.coli E32511
Pozzetto 3: Ceppo E.coli E-D 228
Pozzetto 4 : Ceppo E.coli H30
Pozzetto 5: Ceppo E.coli EDL 933

Elettroforesi delle colture pure di E.Coli O157H7. A multiplex polymerase chain reaction assay for rapid detection and identification of Escherichia coli O157:H7 in foods and bovine feces. Fratamico PM, Bagi LK, Pepe T. J Food Prot. 2000 Aug;63(8):1032-7

Elettroforesi delle colture pure di E.Coli O157H7. A multiplex polymerase chain reaction assay for rapid detection and identification of Escherichia coli O157:H7 in foods and bovine feces. Fratamico PM, Bagi LK, Pepe T. J Food Prot. 2000 Aug;63(8):1032-7


Riferimenti normativi – Reg. Ce 2073/2005

Nelle premesse si legge che:

Il CSMVSP ha emesso il 21 e 22 gennaio 2003 un parere sulla presenza di
E. coli produttori di verocitossine (VTEC) negli alimenti, nel quale reputa
poco probabile che l’applicazione a VTEC O157 di una norma microbiologica per prodotti finali produca una riduzione significativa dei rischi connessi per i consumatori. Tuttavia, la definizione di linee guida microbiologiche intese a ridurre la contaminazione fecale lungo la catena alimentare può contribuire a ridurre i rischi per la salute pubblica,compresi quelli associati ai VTEC. Il CSMVSP ha individuato le seguenti categorie alimentari per le quali i VTEC rappresentano un pericolo per la salute pubblica:

la carne di manzo cruda o poco cotta ed eventualmente la carne di altri ruminanti, la carne macinata, la carne di manzo fermentata e i prodotti derivati, il latte crudo e i prodotti a base di latte crudo, i prodotti freschi, in particolare i semi germogliati e i succhi di frutta e di ortaggi non pastorizzati.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion