Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Luigi Avallone » 11.Cenni di elettrocardiografia


Generalità

ECG

L’elettrocardiogramma (ECG) è il tracciato ottenuto mediante l’elettrocardiografo, apparecchiatura inventata nel 1887 dal tedesco Augustus Waller e perfezionata successivamente dal fisiologo William Einthoven.

L’ECG registra l’attività elettrica del muscolo cardiaco tramite elettrodi applicati in diversi punti del corpo.

Il grafico elettrocardiografico normale è composto da tre onde positive e da due negative, che corrispondono alle singole attività di sistole e diastole di atri e ventricoli.

Tracciato elettrocardiografico tipico.

Tracciato elettrocardiografico tipico.


Esecuzione del tracciato elettrocardiografico

Posizionamento del soggetto

Decubito laterale destro, collo e testa appoggiati sul tavolo, tratto cervicale in linea retta rispetto al tronco.

Gli arti devono essere posizionati paralleli fra loro e perpendicolari rispetto alla colonna vertebrale.

Esecuzione del tracciato elettrocardiografico (segue)

Elettrodi

Gli elettrodi consigliati sono di metallo a tipo alligatore.

Bagnare la cute del soggetto nel punto di adesione dell’elettrodo con alcool o gel.

Posizionamento degli elettrodi

L’esecuzione di un tracciato elettrocardiografico viene effettuata applicando quattro elettrodi ai quattro arti (derivate unipolari e bipolari degli arti) e sei elettrodi a livello toracico (derivate precordiali).

Elettrodi.

Elettrodi.


Deflessioni

Derivazioni unipolari e bipolari degli arti

  • Gli elettrodi unipolari e bipolari degli arti servono per la registrazione delle derivate DI, DII, DIII, aVR, aVL, aVF.

Onda P

  • Depolarizzazione atri. Tempo richiesto per il passaggio dello stimolo dal nodo S-A al nodo A-V.

Intervallo PR o PQ

  • Tempo richiesto affinchè uno stimolo passi dal nodo S-A al ventricolo. Varia con il modificarsi della frequenza cardiaca.

Complesso QSR

  • Depolarizzazione ventricolare.
Deflessioni elettrocardiografiche.

Deflessioni elettrocardiografiche.


Deflessioni (segue)

Segmento ST

  • Tempo che intercorre tra la fine del QRS e l’onda T.

Onda T

  • Ripolarizzazione ventricolare.
ECG: deflessioni e carta millimetrata.

ECG: deflessioni e carta millimetrata.


Deflessioni (segue)


Deflessioni (segue)


Deflessioni (segue)


Deflessioni (segue)


Deflessioni (segue)


Deflessioni (segue)


Deflessioni (segue)


Deflessioni (segue)


I materiali di supporto della lezione

Manuale di fisiologia veterinaria.Cunningham James G. Delfino Antonio Editore

Fisiologia degli Animali Domestici con elementi di Etologia. G. Aguggini, V.Beghelli, L.F. Giulio. UTET

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion