Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Medicina Veterinaria
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Giuseppe Borzacchiello » 5.Tumori del testicolo


Introduzione e comportamento biologico

10-15% di tutte le neoplasie – nel gatto evento rarissimo per la pratica di castrazione precoce. Il Pastore tedesco svilupperebbe soprattutto seminomi

Eziologia

  • Il criptorchidismo è considerato fattore di rischio. Infatti , soggetti criptorchidi hanno un rischio d’insorgenza superiore di ca. 15 volte per lo sviluppo di t. testicolare.
  • Erbicidi e pesticidi.

Classificazione e comportamento biologico

Sertolioma:

Origina dalle cellule di Sertoli.
Crescita lenta e raramente si osservano metastasi.
Clinica: il profilo del testicolo è spesso deformato; alla palpazione si riscontra una massa addominale, inguinale scrotale. Il s. in molti casi produce estrogeni, pertanto il paziente può essere portato a visita per sintomatologia legata alla sindrome da femminilizzazione.

Sintomi s. da femminilizzazione:

  • alopecia;
  • ginecomastia;
  • melanosi cutanea;
  • assottigliamento cutaneo.

Classificazione e comportamento biologico (segue)

Interstizioma:

Origina dalle cellule interstiziali del testicolo (c. di Leydig).

Frequentemente bilaterale – non metastatizza.

Talvolta, si può osservare sintomatologia legata ad ipersecrezione di testosterone (iperplasia e metaplasia prostatica; adenomi ghiandole perianali).

Eziologia e comportamento biologico

Seminoma

In genere è monolaterale e colpisce testicoli normalmente discesi (più frequentemente il testicolo dx.).

Spesso si associa ad interstizioma.

Le sedi di disseminazione metastatica più frequenti sono i linfonodi regionali e gli organi addominali.

Presentazione e segni clinici

Clinica

  • aumento di volume dello scroto;
  • tumefazione in sede inguinale;
  • sindrome da femminilizzazione;
  • torsione del testicolo con conseguente insorgenza di una sintomatologia acuta (evento raro).

Diagnosi: aspetti citopatologici

Ai fini diagnostici è fondamentale eseguire l’esame citologico della massa testicolare e dei linfonodi aumentati di volume.

Citologicamente, il seminoma si presenta con cellule neoplastiche piuttosto grandi, tondeggianti, con nucleo tondo.

Frequente il riscontro di piccoli linfociti tra le cellule neoplastiche.

Diagnosi: aspetti citopatologici

Le cellule del sertolioma tendono ad essere più pleomorfe e soprattutto ad essere coese con nuclei tondeggiantie cromatina finemente granulare.

Il citoplasma contiene tipicamentte dei vacuoli.

Le cellule possono disporsi a formare strutture pseudoacinari o a palizzata.

Citologicamente l’interstizioma si caratterizza per la presenza di cellule con citoplasma ripieno di vacuoli, e nucleo eccentrico. Abbastanza caratteristico è il riscontro di cellule a palizzata che delimitano vasi (interstizioma angiomatoide).

Diagnosi e Stadiazione

Stadiazione

Rx torace ed eco addome per valutare l’eventuale presenza di metastasi.

Si valutano ecograficamente in maniera accurat entrambi i testicoli.

Esplorazione digito-rettale per la valutazione di interessamento della prostata.

Profilo ematochimico.

Esame istologico.

Terapia e prognosi

La castrazione è spesso curativa:orchiectomia radicale. Se i linfonodi sono ingrossati si può pensare di asportarli per accurato esame istologico.

Se la sindrome da femminilizzazione non regredisce si può prevedere l’irradiazione delle neoplasie secondarie.

La chemioterapia (cisplatino) è riportata con risultati variabili ed in associazione con la chirurgia.

I materiali di supporto della lezione

Marconato- Del Piero: Oncologia medica dei piccoli animali - Poletto editore.

Romanelli: Oncologia del cane e del gatto- Elsevier Masson.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion