Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Natascia Cocchia » 6.Patologie Ovariche


Patologie Ovariche nella specie Bovina

Le patologie ovariche che si possono osservare nella specie bovina sono di seguito elencate:

  • Ovaie inattive
  • Cisti ovariche
  • Corpo luteo persistente
  • Repeat breeding

Ovaia inattive

Si manifestano con un prolungato anestro, una mancata ovulazione dopo i 45gg post partum.
Tale situazione è in genere associata a condizioni concomitanti come dismetabolie, patologie (mastiti, podoflemmatiti, metriti) e/o Stress.
Con tale patologia si possono rinvenire follicoli con diametro <8 mm associati ad assenza virtuale pulses LH, follicoli <17 mm correlati ad una bassa frequenza dei pulses di LH > sensibilità feedback negativo estrogeni sul rilascio gonadotropine.
Ma se abbiamo follicoli con diametro >17 mm associati aumentata frequenza pulses LH associato a mancato feedback positivo estrogeni avremo, molto probabilmente la comparsa di cisti follicolari.

Corpo Luteo Persistente

Un corpo luteo, che non va incontro a luteolisi che normalmente dovrebbe avvenire nella bovina dal 19° al 45° gg post partum, lo potremmo trattare inducendo noi farmacologicamente l’ovulazione con uno dei seguenti farmaci:

  • Dinoprost 25 m
  • Cloprostenolo 0.5 mg
  • D-cloprostenolo 150 μg
  • Alfaprostol 8 mg
  • Luprostiol 15 mg
  • Fenprostalene 1 mg

Cisti Ovarica

Definizione Cisti Ovarica:

Formazione similfollicolare di diametro > 20 – 25 mm persistente per almeno 7 d (McNutt, JAVMA, 1927; Nanda et al, Vet Bull, 1989; Cook et al, J Reprod Fertil, 1991);

O anche

follicolo del diametro > 17 mm persistente per almeno 6 d (Silvia et al, Domest Anim Endocr, 2002).

In assenza di corpo luteo (Bierschwal et al, J Anim Sci, 1975; Seguin et al, Am J Res, 1976; Roberts, Veterinary Obstetrics and Genital Disease, 1986; Garverick, J Dairy Sci, 1997; Calder et al, J Anim Sci, 1997).

Cisti Ovarica (segue)

Le cisti ovariche possono essere Follicolari o Luteiniche.

Per Cisti Follicolare intendiamo un follicolo ovarico che va incontro a maturazione ma che non subisce la deiescenza follicolare.

Per Cisti Luteinica intendiamo un follicolo ovarico che va incontro a maturazione prima ed a luteinizzazione dopo senza aver prima subito la deiescenza follicolare.

Le cisti ovariche, follicolari o luteiniche, sono una patologia tipica della bovina da latte ed occasionale della manza e della bovina da carne. (Hartigan, Animal breeding and infertility, 1995).
La loro incidenza è del 5 – 30% nella bovina da latte e colpisce l 10-14% delle bovine almeno una volta ma solo nel 35 – 45 % dei soggetti colpiti tende a recidivare.

Diversi sono i fattori di rischio:

  • Variazioni periparto;
  • Stagione del parto;
  • Patologie puerperali;
  • Stress produttivo con ipersurrenalismo e β-endorfine;
  • Età e numero dei parti;
  • Genetica;
  • Alimentazione.

Cisti Ovarica (segue)

Tale patologia ha un grande impatto economico spiegato dai seguenti effetti:

aumento parto-concepimento
(Nanda et al, Vet Bull, 1989; Ribadu et al, Anim Reprod Sci, 2000; Lopez-Gatius et al, Theriogenology, 2002);
fino a 64 giorni
(Lee et al,J Dairy Sci, 1988; Borsberry et al, Vet Rec, 1989; Silvia et al, Domest Anim Endocr 2002)
aumento soggetti riformati
(Douthwaite et al, Vet Rec, 2000)
aumento spese sanitarie

Tale patologie molto spesso viene associata a compresenza di:
CL    31%
aderenze ovarobursali   8%
raccolte–alterazioni utero    7%
piometra   4%
mancata involuzione utero   3%
(Al-Dahash et al, Vet Rec, 1977)

Cisti Ovarica (segue)

Evoluzione:

Comparsa entro i primi 60 gg di lattazione
(Erb et al, Cornell Vet, 1981; Lopez-Gatius et al, Theriogenology, 2002);
O anche tra i 14 ed i 40gg di lattazione
(Morrow et al, Cornell Vet, 1969);
Durata di almeno 13gg
(Carroll et al, Theriogenology, 1990; Hammilton et al, Biol Repr, 1995; Yoshioka et al, Res Vet Sci, 1996; Silvia et al, Domest Anim Endocr, 2002);
50-20% risoluzione spontanea
(Peter, Current Therapy in Large Animal Theriogenology, 1997; Lopez-Gatius et al, Theriogenology, 2002).

Eziopatogenesi

Esistono una serie di fattori concomitanti:

Fase Post-partum

  • Fase metabolica complessa.
  • Bilancio energetico negativo.
  • Ritenzione placenta, Metriti, iperproduzione lattea…
  • Fase di stress

Il tutto porterà alla produzione di corticosteroidi e di B-endorfine.

Eziopatogenesi (segue)

I fenomeni appena elencati si possono tradurre in una o più delle seguenti cause di Cisti Ovarica:

  • Ridotta liberazione di GnRH da parte dell’ipotalamo per alterata sensibilità dello stesso agli estrogeni;
  • Mancato rilascio dell’LH preovulatorio da parte dell’ipofisi con alterata pulsatilità LH tonica:
    • aumentata in alcuni casi (Silvia et al, Domest Anim Endocr, 2002)
    • ridotta in altri (Prandi et al, SISVet, 1988; Calder et al, J Anim Sci, 1999; Ribadu et al, Anim Reprod Sci, 2000);
  • Mancata espressione dei recettori per l’LH sulla superfice ovarica o asincronia nella loro comparsa;
  • Iperprolattinemia che inibisce il rilascio di GnRH;
  • Mancanza di PgF2α per, ad esempio, carenze alimentari (Ac Linoleico);
  • Alterazioni anatomiche-fisiche quali periovariti fibrinose ed aderenze ovaro bursali;
  • Carenza collagenasi.

Ognuno di questi fenomeni o la concomitanza di più di uno può comportare la comparsa di cisti follicolari.

Diagnosi

All’anamnesi solitamente verrà riferito che la vacca ha un anaestro prolungato (>85% McLeod et al, Vet Rec, 1991; Jeffcoate et al, Vet Rec, 1995) più raramente estri ravvicinati o estri protratti o estri regolari.

All’esame O.G. Il sintomo clinico tipico varia dal VIRILISMO alla NINFOMANIA.

All’esame O.P. osserveremo:

  • palpazione trans-rettale
    • reperto ovarico confermato dopo 8-10 d;
  • esame ecografico
    • reperto ovarico confermato;
    • sonda 7.5 MHz
    • lineare transrettale
    • convex transvaginale;
  • Dosaggi del progesterone.

Classificazione


Terapia

Guarigione spontanea:

  • 50% entro 50 d PP
  • 20% dopo 50 d PP

Attendere guarigione spontanea può:

  • allungare parto-1° FA;
  • allungare parto-concepimento;
  • aumentare n° FA/gravidanza.

Momento ideale per terapia → 45 d PP (vs 30 o 60 d).

Terapia – Metodi meccanici

  • scopo
    • interrompere l’azione degli ormoni della cisti;
  • tecniche
    • rottura manuale
      • (emorragie/aderenze)
    • aspirazione
      • alla cieca
      • ecoguidata;
  • esito
    • 37-50% risoluzione
    • 25-67% fertilità
    • 9.3-33.5% recupero.

Terapia – Metodi Farmacologici

Progesterone

  • scopo
    • indurre fase luteinica artificiale;
  • dosi
    • 100 mg/48h x 3 volte PRID x 9-12 d;
  • esito
    • 61-72% estro (1-15 d)
    • 50% fertilità
    • 30.5-36% recupero.

Terapia – Metodi Farmacologici (segue)

LH e LH-simili

  • scopo
    • luteinizzazione in 4-11 d;
  • dosi
    • 1.000-30.000 UI hCG
    • 25 mg (PLH).
  • esito
    • 60-90% estro (20-30 d)
    • 30-58% fertilità
    • 18-52.2% recupero;

Terapia – Metodi Farmacologici (segue)

GnRH e agonisti

  • scopo
    • luteinizzazione o interferenza sullo sviluppo follicolare
  • dosi
    • 100 μg (cystorelin)
    • 20 μg (buserelin)
    • 50 μg (lecirelina)
  • esito
    • 40-100% estro (3-30 d) 4
    • 0-75% fertilità
    • 24-65% recupero.

Terapia – Metodi Farmacologici (segue)

  • dosi
    • 180 μg pompe osmotiche s.c. (buserelin)
    • 2.5 μg/h/72h
  • esito
    • 76.7% estro (13- 30d)
    • 47.8% fertilità
    • 36.7% recupero
  • dosi 50 μg epidurale (lecirelina)
  • esito
    • 81.2% estro (entro 20 d)
    • 76.9% fertilità
    • 62.5% recupero

Terapia – Metodi Farmacologici (segue)

GnRH + PGF2α

scopo: luteolisi dopo luteinizzione 9-14 d;
dosi: 25 mg dinoprost;
esito: fertilità simile al solo GnRH.

  • esito
    • 34.9% estro (7 d)
    • 51.7% fertilità
    • 18% recupero

In figura:
scopo: sincronizzazione estri
esito: 23.6% fertilità


Terapia – Metodi Farmacologici (segue)

Naloxone

  • scopo
    • rimozione oppioidi endogeni dall’ipotalamo, ipofisi ed ovaio;
  • dosi
    • 0.01 mg/kg in 20 mL calcio gluconato 20% (epidurale) da ripetersi dopo 3 d + 50 μg lecirelina i.m.
  • esito
    • 96.3% estro (3-20 d)
    • 73.1% fertilità
    • 70.4% recupero

Terapia – Metodi Farmacologici (segue)

PGF2α

  • scopo
    • luteolisi
  • dosi
    • 0.5 mg cloprostenolo
    • 25 mg dinoprost
  • esito
    • 65% estro (2-7 d)

Terapia – Nessun trattamento

Juo et al., 1999

  • GnRH vs salina;
  • no differenze significative:
    intervallo trattamento – comparsa 1° CL;
  • guarigione cisti.

Profilassi

Selezione

  • bassa ereditabilità carattere;
  • selezione tori padri di bovine esenti.

Farmacologica

GnRH

  • 200 μg cystorelin 12-14 d PP
  • 20 μg buserelin 14 e 24 d PP
  • 20 μg buserelin 14 d PP
  • (differenze non significative)

blocco ipofisario

  • 3.75 mg triptorelina (28 d) dal 4° d PP.

Repeat breeding

Incidenza 10-24%:

  • Mancato concepimento.
  • Mancata o ritardata ovulazione.
  • Qualità scadente seme.
  • Errata temporizzazione della F.A.
  • Impedimenti fisici alla migrazione gameti.
  • Reazioni immunologiche.
  • Processi flogistici uterini.
  • Elevate temperature ambientali.
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion