Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Lorella Severino » 2.Tossicità acuta e cronica


Principi di Tossicologia

  • Tossicità acuta
  • Tossicità subacuta
  • Tossicità subcronica
  • Tossicità cronica

Tossicità acuta

  • Tossicità acuta: indica gli effetti di una singola dose o di poche dosi ravvicinate nel tempo (comunque entro le 24 ore) ed è definita dalla dose letale 50 (DL 50).
  • La DL50 è la quantità di sostanza (espressa in mg/kg di peso corporeo) che, somministrata per una determinata via, in una singola dose, in una data specie animale provoca la morte del 50% degli animali (specie da laboratorio) sottoposti alla sperimentazione.

Commenti sulla DL50

  • Dipende dalla specie, dalla via di somministrazione e dalle condizioni sperimentali
  • Non è una costante biologica assoluta
  • Non è connessa alla severità dei segni clinici
  • Non fornisce alcuna informazione sulla tossicità cronica
  • E’ una risposta detta del “tutto o nulla” che ci dà informazione soltanto circa l’ effetto letale.

Applicazioni della DL50

Indice terapeutico
(area di maneggevolezza di un farmaco)
IT = DL50/DE50

Relazione dose-risposta

  • Gli effetti di una certa esposizione possono essere caratterizzati attraverso la relazione che intercorre tra la dose della sostanza cui l’organismo è esposto e la risposta che essa induce.
  • La relazione dose-risposta può essere ottenuta sperimentalmente valutando la risposta a diverse dosi della sostanza in esame.
  • Si ottengono così vari punti in base ai quali è possibile estrapolare una curva (c.d. curva dose-risposta) che viene costruita esprimendo le dosi in scala logaritmica.
  • La curva ha un andamento sigmoide e da essa è possibile ricavare l’effetto di una qualsiasi dose entro un certo intervallo.

Diagramma dose/risposta


Raffigurazione della frequenza di risposta (mortalità) in funzione dell’incremento della dose


Tossicità cronica

  • Si verifica quando l’organismo è esposto a piccole dosi di xenobiotico, ripetute nel tempo, dosi che singolarmente non sarebbero in grado di causare effetti tossici.
  • La dose tossica, in questo caso, viene raggiunta perché la sostanza si accumula nell’organismo e ciò è strettamente legato alle caratteristiche lipofile della sostanza.

Gli effetti si manifesteranno: quando lo xenobiotico si accumula nell’organismo, (l’assorbimento eccede l’eliminazione, quando cioè la frequenza delle esposizioni è tale da non consentire all’organismo di intervenire efficacemente con reazioni di detossificazione); oppure quando la sostanza produce effetti tossici irreversibili.

    Sintomi e lesioni aspecifici

    • Decadimento dello stato di nutrizione
    • Diminuzione delle produzioni zooeconomiche
    • Diminuzione della fertilità
    • Immunodepressione
    • Alterazioni degli indici biochimici
    • Alterazioni della crasi ematica e dei valori dell’urea, della creatinina, della bilirubina, del colesterolo della glicemia, ecc..
    • Modificazioni della struttura degli organi e dei tessuti

    Tossicità cronica

    • Teratogenesi
    • Mutagenesi
    • Cancerogenesi

    Tossicità acuta e Tossicità cronica


    Relazione tra accumulo e lipofilia


    Sostanze che danno luogo ad accumulo

    • Piombo
    • Mercurio
    • Cadmio
    • Stagno
    • Fluoro
    • Composti bifenilipoliclorurati (PCBs)
    • Diossine (PCDD/F)
    • Insetticidi organoclorurati
    • Contenuti protetti da Creative Commons
    • Feed RSS
    • Condividi su FriendFeed
    • Condividi su Facebook
    • Segnala su Twitter
    • Condividi su LinkedIn
    Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion