Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Lorella Severino » 16.Tossicità delle micotossine I


Micotossine

Le micotossine sono metaboliti secondari prodotti da miceti. Esse esplicano sull’organismo animale, a
dosi piccolissime, molteplici azioni tossiche (neurotossica, nefrotossica, epatotossica, enterotossica,
osteotossica, immunosoppressiva)

Fonti

  • Per gli animali -> cereali, arachidi, panelli e farine di estrazione;
  • per l’uomo -> cereali e prodotti derivati, spezie, oleaginose, latte e derivati, uova, prodotticarnei; ambiente di lavoro (mangimifici).

Gli alimenti vegetali possono essere contaminati già sul campo oppure durante la raccolta, trasformazione e trasporto nonché durante lo stoccaggio quando temperatura e umidità incongrue consentono lo sviluppo dei miceti produttori.

Es. Aspergillus flavus:

  • 36 – 38 °C sviluppo micelio;
  • 24 – 27 °C produzione di aflatossina B1;
  • 29 – 30 °C produzione di aflatossina G1.

Attualmente sono state isolate e caratterizzate chimicamente circa 400 diverse micotossine.

Afltatossine

Sostanze con struttura chimica di tipo bisfurano-cumarinico, prodotte dal metabolismo di miceti appartenenti ai generi Aspergillus e Penicillium, largamente diffusi in tutto il mondo, con esclusione delle regioni artiche.

  • Fungo produttore:
    • Aspergillus flavus;
    • Aspergillus fumigatus;
    • Aspergillus parasiticus;
    • Aspergillus niger;
    • Aspergillus ruber;
    • Penicillium citrinum.

Condizioni di sviluppo del micelio:

  • 36 – 38 °C;
  • umidità substrato 30%;
  • umidità ambiente 85%.

Produzione della B1: 24 – 27 °C
Produzione della G1: 29 – 30 °C

Aflatossine


Aflatossine: meccanismo d’azione

  • Inibizione della sintesi del DNA bloccando la trascrizione da parte della RNA polimerasi-DNA dipendente.
  • Sensibilità di specie.
  • Più sensibili: anatroccolo, trota.
  • Meno sensibili i ruminanti (GSH).

Aflatossine: tossicità

Tossicità: acuta e cronica (attività mutagena, teratogena e cancerogena).

L’ aflatossina B1 è il più potente cancerogeno a tropismo epatico => attivazione biologica ad opera del sistema ossidativo microsomiale => 8, 9 epossido.


Aflatossine: metabolismo

Metaboliti di fase 1:

  • AFB1 8-9 epossido
  • Aflatossicolo
  • AFQ1
  • AFM1
  • AFP1
  • AFB2a
  • AFG2a

Metaboliti di fase 2:

  • AFB1-8,9 diidrodiolo;
  • prodotti di glucurono e solfo-coniugazione.
Metabolismo dell’ aflatossina B1

Metabolismo dell' aflatossina B1


Aflatossicosi: sintomi e lesioni anatomo-patologiche

  • Avv. Acuto (oggi raro) :depressione del sensorio, anoressia, anemia, melena, ematuria, sangue nel latte, gastroenterite emorragica, petecchie sulle mucose apparenti; emorragie a carico del fegato, dell’app. gastroenterico, dei muscoli scheletrici e del sottocute.
  • Avv. Cronico:anoressia, anemia, turbe della digestione, caduta delle produzioni zootecniche, steatosi e cirrosi epatica, proliferazione ed occlusione dei dotti biliari, fenomeni fibrotici, neoplasie.

Aflatossicosi: diagnosi e terapia

Diagnosi:

  • Diagnosi clinica: sospetto => cambiare alimento.
  • Analisi tossicologiche:
    • ricerca delle micotossine nei mangimi;
    • TLC;
    • HPLC.

Terapia: non esiste terapia specifica.

Prevenzione – controlli dei mangimi – decontaminazione.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion