Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Serena Calabrò » 2.Principi basilari dell'analisi chimica degli alimenti zootecnici


Introduzione

In questa prima lezione saranno spiegati i concetti di accuratezza e precisione.

Prelievo, preparazione e conservazione del campione di alimento da analizzare

Per qualsiasi analisi chimica di un campione di alimento effettuata in laboratorio è molto importante che l’operatore venga adeguatamente istruito su:

  • La bilancia e le pesate dei campioni
  • Gli apparecchi e gli strumenti impiegati per le analisi
  • La manipolazione e la presentazione dei dati ottenuti
  • La pulizia e l’ordine in laboratorio
  • La conservazione dei dati ottenuti

Applicabilità delle varie tecniche problematiche relative a:

  • standardizzazione;
  • adeguatezza e costo;
  • salute e sicurezza.

Concetti di accuratezza e precisione

Scopo dell’analisi chimica è fornire dati accurati, riproducibili e significativi in un tempo minimo e al più basso costo.

Poche metodiche hanno questi requisiti nuovi metodi vengono sviluppati di continuo.

La metodica scelta è spesso un compromesso!

Definizioni

Accuratezza = la vicinanza di una misurazione o di un risultato al valore vero
Precisione = la variabilità di una misurazione

Esistono limiti di tolleranza sia per l’accuratezza che per la precisione, che cambiano a seconda delle analisi (es. determinazione dell’azoto totale: max 5%).

A-accurato e preciso; B-poco accurato ma molto preciso; C-risultato molto accurato ma poco preciso; D-risultato poco accurato e poco  preciso

A-accurato e preciso; B-poco accurato ma molto preciso; C-risultato molto accurato ma poco preciso; D-risultato poco accurato e poco preciso


Concetti di accuratezza e precisione II

La maggior parte dei laboratori analitici perde parte di questi principi elementari.

Tipi di errori

  • determinati (es. dovuti agli strumenti, alle metodologie), sono costanti e possono essere indipendenti dalla grandezza della misurazione o essere proporzionali ad essa (es. bilancia non calibrata);
  • indeterminati (es. dovuti all’operatore, all’eterogeneità dei campioni);
  • la ripetibilità e la validità di una prova dipende da entrambi i tipi di errori.

È auspicabile identificare la fonte di errori (se quantificati, si può correggere) per poter minimizzare quelli sconosciuti.

Non ci sono regole valide per tutte le procedure. È importante capire il principio chiave del metodo, così può essere applicato a nuove situazioni che emergono.

Campionamento

Prelievo o campionamento

  • Rappresentatività
  • Strumenti
  • Trasporto
  • Alterazioni e contaminazioni
  • Registrazione

Il campionamento è di fondamentale importanza non solo ai fini della significatività delle analisi, ma anche per il suo ruolo di supporto alle eventuali azioni legali di carattere tipicamente sanzionatorio.

Valutazione della qualità

  • Nutrizionale
  • Igienico-sanitaria
  • Legislativa

Rappresentatività

Principale ostacolo: eterogeneità della massa da campionare → prelevare piccole quantità di prodotto in punti diversi della massa (a random), riunirli in un campione medio, miscelare adeguatamente e ridurre di massa fino ad ottenere il campione finale.

Disposizioni ufficiali

  • Norme quantitative [Regolamento CEE del 1.3.76 (76/371/CEE) e DM n. 165 del 1978 (G.U. 15.6.78)]
  • Norme qualitative (ASPA, ISO, CEE)

Presentazione degli alimenti

  • alla rinfusa;
  • in confezione;
  • liquidi o semi-liquidi;
  • mattonelle di sali minerali.
Linee di prelievo per foraggi non imballati o appezzamenti a prato e pascolo

Linee di prelievo per foraggi non imballati o appezzamenti a prato e pascolo


Definizioni

  • Partita da campionare: quantità di prodotto che costituisce una unità e deve avere caratteristiche uniformi.
  • Campione elementare: quantità prelevata da un punto della partita.
  • Campione globale: insieme dei campioni elementari prelevati da una stessa partita.
  • Campione ridotto: parte rappresentativa del campione globale ottenuta mediante riduzione di quest’ultimo.
  • Campione finale: parte del campione ridotto o del campione globale omogeneizzato.

Classificazione di mangimi secchi da campionare in funzione delle dimensioni delle particelle


Strumenti

Per il campionamento manuale

  • Pala a fondo piatto e a bordi laterali verticali
  • Campionatore conico
  • Trivella
  • Sonda di Nobbe: le dimensioni della sonda devono essere adeguate alla profondità del recipiente alle particelle costituenti l’alimento.

Per il campionamento meccanico

  • Sonda di Nobbe
  • Trivella per insilati
Sonda di Nobbe

Sonda di Nobbe

Trivella per insilati

Trivella per insilati


Trasporto, Alterazioni o contaminazioni, Registrazione

Trasporto

  • Contenitori adeguati (sacchetti di plastica, barattoli di vetro) e puliti.
  • Campionare in breve tempo.
  • Condizioni climatiche (frigo portatile).
  • Evitare esposizione all’aria.

Alterazioni o contaminazioni

  • Evitarle durante il prelievo, il trasporto, la preparazione e la conservazione.
  • Muffe, terreno, impurità.

Registrazione

  • Verbale di campionamento: data di arrivo in laboratorio, indicazioni sul richiedente, assegnazione numero/codice, azienda di provenienza, area geografica, animali a cui è destinato l’alimento, informazioni utili alla comprensione dei risultati (es. condizioni climatiche, osservazione di zone alterate, ecc.).
  • Destinazione dei campioni: indicazioni delle analisi necessarie.

Prelievo del campione

In alimentazione animale esiste un ampio range di matrici (es. alimenti, diete miste, materiale digerito, feci).

Selezionare un campione rappresentativo è fondamentale per eseguire una valutazione attendibile dell’alimento.

Esistono metodi standardizzati (es. ISO, CEE) per il prelievo dei vari tipi di alimento (es. per i foraggi: punto, modalità, grandezza, appropriato numero di aliquote) che tengono conto:

  • della consistenza della partita da esaminare;
  • del tipo di prodotto da sottoporre ad analisi;
  • del tipo di controllo da eseguire.

È importante considerare le informazioni specifiche relative alle procedure analitiche da eseguire (procedure ufficiali e buon senso) e minimizzare le perdite o la distruzione dei composti di interesse.

Preparazione del campione

Modificare il campione in modo da renderlo adatto per le analisi

  • lavaggio (SI/NO);
  • essiccazione in stufa (importante per gli insilati correggere per le sostanze volatili);
  • liofilizzazione;
  • macinazione: differente griglia, azione del calore (dannosa per i composti termolabili);
  • filtrazione;
  • estrazione in solventi o acqua;
  • idrolisi;
  • digestione.

Es. per le analisi chimiche standard il campione umido viene essiccato in stufa a 65°C per 48 h; tutti i campioni vengono macinati con griglia 1,1 mm, prima di essere sottoposto ad analisi.

Conservazione del campione

Bisogna considerare i cambiamenti della struttura chimica o cambiamenti strutturali (es. vitamine, enzimi) che possono avvenire durante la conservazione.

Molti fattori accelerano i processi di degradazione:

  • calore
  • luce UV
  • pH

Può ritenersi necessaria una conservazione particolare [Es. → conservazione in freezer (da -10°C a -20°C)]

Campionamento: consigli pratici

Foraggi freschi e miscela unifeed

Prelievo “alla bocca dell’animale”, in più punti della foraggiata, mescolare e prenderne un totale di 2 kg; la s.s. va determinata subito; miscela o alimenti separati.

Foraggi insilati

“Stabilizzati”, evitare il cappello (20 cm), rapidità delle operazioni, costipazione e compressione in contenitori a chiusura ermetica, se non si possono fare subito le analisi conservare a 0°C (per non più di 4 gg per la s.s.) per le altre analisi (pH, acidi organici, azoto ammoniacale) conservare in freezer.

Foraggi secchi

Poco variabili, sfuso o in balle, prelevare da più punti (totale 5-10 kg), trinciare e mescolare (attenzione a non perdere le parti polverulente), portare in laboratorio circa 1 kg e determinare subito la s.s.

Mangimi concentrati

Prelevamento, in confezioni o sfuso, deve essere fatto in più punti della partita, in modo da ottenere 1.5-2.0 kg di campione.


Analisi chimica

Importanza della pesata: fonte maggiore di errori analitici → mantenere la bilancia sempre calibrata, minimizzare l’influenza dell’umidità (se i campioni sono conservati in frigo, aspettare che tornino a temperatura ambiente, usare gli essiccatori), impartire corrette istruzioni all’operatore.

Strumenti

  • pH-metro
  • Bomba calorimetrica
  • Spettrofotometro
  • Fluorimetro
  • Spettrofotometro ad assorbimento atomico
  • GC
  • HPLC
  • NIRS

Analisi chimica II

Principi: alcuni strumenti si basano sulla luce, UV-IR, assorbita o emessa da alcuni composti (es. minerali) altri sulla separazione di composti presenti in miscele complesse con l’interazione di una fase stazionaria (es. acidi organici in HPLC).

Operatore: training, responsabilità, buona conoscenza dei composti che si stanno ricercando, dal prelievo al calcolo.

Calibrare prima correttamente gli strumenti (bilance, pipette, pH-metro, HPLC) impiegando uno standard interno ed esterno (meglio se preparati da due operatori); valutare la frequenza di calibrazione.

Programmare test inter-laboratori, identici campioni in differenti laboratori con analisi statistica dei risultati ottenuti.

  • Manipolazione e presentazione dei dati: prendere i dati generati da una prova e presentarli in una forma chiara che risulti di facile interpretazione per chi li ha richiesti (es. cliente). Importanza dell’unità di misura: ppm, %, g/kg, sulla sostanza secca (meglio perché l’umidità può cambiare) o sul tal quale.
  • Garantire sempre la pulizia in laboratorio per evitare contaminazioni; soprattutto se si determinano composti presenti in piccole quantità (es. per amminoacidi e zuccheri impiegare i guanti per evitare di determinare anche quelli presenti sulla pelle). Importante anche impiegare detergenti appropriati che non contaminino la vetreria (es. a base di fosfati).
  • La corretta registrazione e conservazione dei dati ottenuti può aiutare a spiegare il significato di risultati inattesi. È un prerequisito per l’accreditamento.

Accuratezza e costo delle tecniche

Sebbene la caratterizzazione dei foraggi è più accurata quando condotta con studi in vivo, le preoccupazioni del pubblico e gli elevati costi associati a tali procedure hanno reso necessario lo sviluppo di tecniche in vitro.

I metodi in vitro vengono costantemente modificati, adattati e, in definitiva, sostituiti da metodi più veloci, economici ed accurati da imprese commerciali, che utilizzano servizi di consulenza ufficiali e di analisi chimiche.

In futuro, la scelta del tipo di analisi sarà influenzato dall’uso che deve essere fatto sulle informazioni generate.

Precisione, velocità e costo di analisi avranno importanza diversa, a seconda se il cliente è un ricercatore, un operatore commerciale o un agricoltore.

Il Paese sarà anche determinante in tale scelta:

  • Nei paesi in via di sviluppo, viene incoraggiato l’impiego di metodiche semplici di valutazioni di valore nutritivo (es. rapporto foglia-radice, colore, odore).
  • Nei paesi sviluppati, la tecnica NIRS combina molti vantaggi e sarà utilizzata sempre di più.

Necessità di standardizzare

In aggiunta alle standardizzazioni intra-laboratorio, è imperativo che si sviluppino standardizzazioni inter-laboratori delle procedure di laboratorio per facilitare il confronto dei risultati provenienti da diversi centri di ricerca.

La necessità di coinvolgere un maggior numero di laboratori e l’anello per assicurare che i test (ring-test) siano accurati, procedure standardizzate vengono impiegate anche nelle industrie produttrici di mangimi.

La standardizzazione si può raggiungere mediante l’introduzione di un sistema di accreditamento (Sinal e ISO 9002), per cui i risultati del laboratorio saranno considerati accettabili solo se il laboratorio è accreditato per la prova in questione.

Se un tale sistema non è introdotto, i laboratori utilizzano tecniche meno precise e generano risultati fuorvianti

La validità del confronto tra i risultati analitici di laboratori che impiegano diverse tecniche rimangono discutibili.

Sicurezza in laboratorio

L’esame formale degli aspetti legati alla salute e alla sicurezza delle tecniche di laboratorio è relativamente nuovo.

I datori di lavoro ai sensi di legge (D.L. 626/94) hanno l’obbligo di garantire, per quanto ragionevolmente possibile, la salute, la sicurezza e il benessere dei propri dipendenti sul posto di lavoro.

I regolamenti richiedono una valutazione del rischio che deve essere realizzato su ciascuna sostanza utilizzata per una determinata tecnica.

La valutazione include il limite di esposizione professionale della sostanza, se è corrosivo, irritante, cancerogeno, mutageno, teratogeno, neurotossico, allergenico e se colpisce il sistema nervoso centrale.

Inoltre, la valutazione identifica:

  • le precauzioni necessarie per la manipolazione delle sostanze;
  • le misure di controllo per il suo utilizzo (norme speciali o ‘buone pratiche di laboratorio);
  • le procedure di primo soccorso;
  • le azione in caso di incendio.
  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion