Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Vincenzo Peretti » 15.Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione


Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione

Nell’ultimo secolo si sono estinte ben 300.000 varietà vegetali, numerose specie/razze animali, mentre molte specie ittiche sono a grave rischio.
Il prediligere razze altamente selezionate perchè molto produttive ha determinato un progressivo abbandono delle razze autoctone.
Le minacce alla biodiversità derivano principalmente dall’attività umana: incremento delle superfici agricole e delle produzioni vegetali e animali per colmare le esigenze alimentari, con il conseguente stravolgimento dell’ambiente naturale, la deforestazione, l’antropizzazione selvaggia, l’inquinamento di aria, acqua e terra.

QUALI SONO LE RAGIONI CHE SPINGONO A TUTELARE LA BIODIVERSITÀ ANIMALE ?

  • ETICHE ED ESTETICHE: rispetto del diritto all’esistenza di tutte le creature ed esaltazione della bellezza del paesaggio;
  • STORICHE E SOCIO-CULTURALI: riscoperta di antiche tradizioni di allevamento e trasformazione quale parte del nostro bagaglio culturale, della nostra memoria;
  • AMBIENTALI: caratteristica comune a tutte le popolazioni animali autoctone è l’essere in armonia con l’ambiente grazie ad una selezione naturale realizzatasi nel corso del tempo.
  • ZOOTECNICHE: le razze autoctone hanno una maggiore rusticità, longevità, resistenza alle avversità climatico-ambientali ed alle patologie, elevata fertilità, produzione a minor costo con risorse alimentari modeste e capacità di adattamento;
  • SCIENTIFICHE: ampliamento delle conoscenze sulla morfologia e fisiologia degli animali, studi sull’evoluzione della specie, sui rapporti esistenti fra le varie popolazioni, sui caratteri genetici unici.

Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

IL RISCHIO DI ESTINZIONE
Gli schemi per valutare il livello di rischio di estinzione di una razza sono basati essenzialmente sul numero di riproduttrici censite e sul rapporto maschio/femmine.

Il censimento dei riproduttori è indispensabile per valutare la reale situazione della razza e la priorità di agire tempestivamente per conservare ciò che rimane è incrementare rapidamente il numero di soggetti quando sono raggiunti livello di rischio importanti.

I livelli di rischio di estinzione in base al numero dei riproduttori.

I livelli di rischio di estinzione in base al numero dei riproduttori.


Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

IN ITALIA SONO 126 LE RAZZE O POPOLAZIONI IN VIA DI ESTINZIONE

  • 22 bovine (25 estinte)
  • 43 ovine (31 estinte)
  • 26 caprine (4 estinte)
  • 7 suine (31 estinte)
  • 20 equine (5 estinte)
  • 8 asinine (6 estinte)

Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

Situazione in Regione Campania. ++ (esistenti con successo), + (esistenti), – (nessuna), RA (Registro Anagrafico), PT (Popolazione Totale).

Situazione in Regione Campania. ++ (esistenti con successo), + (esistenti), - (nessuna), RA (Registro Anagrafico), PT (Popolazione Totale).


Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

Bovino Agerolese e Provolone del Monaco.

Bovino Agerolese e Provolone del Monaco.


Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

Le razze suine italiane autoctone.

Le razze suine italiane autoctone.


Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

Razze ovine autoctone della Regione Campania.

Razze ovine autoctone della Regione Campania.


Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

I tre sottogruppi della capra Cilentana.

I tre sottogruppi della capra Cilentana.


Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

La capra Napoletana.

La capra Napoletana.


Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

Altre razze caprine autoctone della Regione Campania.

Altre razze caprine autoctone della Regione Campania.


Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

Il cavallo Salernitano.

Il cavallo Salernitano.


Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

Il cavallo Napoletano.

Il cavallo Napoletano.


Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

Il cavallo Persano.

Il cavallo Persano.


Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

Caratterizzazione di un prodotto.

Caratterizzazione di un prodotto.


Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

Caratterizzazione di un prodotto.

Caratterizzazione di un prodotto.


Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

Il Reg. CEE 2052/88 ha introdotto un nuovo approccio dello sviluppo di un territorio:

  • Individuare e sfruttare le risorse locali;
  • La responsabilità affidata alle popolazioni locali.

Cosa vuol dire risorsa? i mezzi di cui si dispone e che possono costituire sorgente di guadagno o di ricchezza.

Chi individua quali sono le risorse presenti sul territorio? le popolazioni di un territorio sono i protagonisti del futuro e non più spettatori.

Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

PERCHÉ MARCHI ?

  1. Esigenza di tutelare la tipicità e la qualità dei prodotti alimentari;
  2. In Italia, da oltre trent’anni, i prodotti di pregio, come alcuni formaggi, vini, salumi e altri alimenti tipici, riportano sigle particolari (ad es. DOC);
  3. Anche le altre nazioni europee possiedono da tempo proprie regolamentazioni per i prodotti tipici;
  4. Con l’apertura dei mercati, si è posto il problema di armonizzare le diverse denominazioni e trovare un criterio comune per caratterizzare i prodotti tipici dei diversi Paesi;
  5. La Comunità europea incomincia ad emanare una serie di regolamenti riguardanti la protezione di produzioni tradizionali e la valorizzazione della specificità dei prodotti agroalimentari;
  6. Nel 1991: nascita della regolamentazione sui prodotti biologici;
  7. Nel 1992 vi è l’approvazione dei due provvedimenti che identificano tre qualifiche di tipicità valide in Europa: i marchi D.O.P. I.G.P. e l’attestazione di specificità AS o STG (Reg. CEE 2081 e 2082).

Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

Prodotti tipici e tradizionali in Italia.

Prodotti tipici e tradizionali in Italia.


Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

SISTEMI DI CERTIFICAZIONE DI FILIERA E MARCHI COMUNITARI

Il cambiamento degli stili di vita nelle società avanzate ed i recenti scandali alimentari (BSE, prodotti GM) hanno contribuito a concentrare l’attenzione del consumatore verso la provenienza e la qualità dei prodotti.
Conseguenza di ciò: differenziazione dei prodotti tramite i marchi.
Il marchio è un sistema identificativo che consente al consumatore di riconoscere un prodotto sulla base di alcune caratteristiche specifiche. La qualità e le caratteristiche specifiche di questi prodotti sono garantite da un insieme di regole e di controlli.
Almeno due sono le azioni fondamentali per la politica dei marchi:

  • rintracciabilità e certificazione;
  • promozione (comunicare ai consumatori le caratteristiche dei prodotti contraddistinti da un determinato marchio).

Recupero e salvaguardia genetica di popolazioni a limitata diffusione (segue)

OBIETTIVO DEI MARCHI
Crescita della domanda attraverso la valorizzazione della qualità, delle caratteristiche del prodotto legate a razze/varietà vegetali autoctone ed aree geografiche di origine o all’impiego di particolari metodi di produzione.

Si conseguono attraverso due livelli:

  1. GESTIONE: è necessaria la definizione di un documento (manuale di descrizione) che definisca le caratteristiche del prodotto e/o della produzione non limitandosi a caratteristiche obbligatorie per legge;
  2. CONTROLLO: è necessaria la presenza di un organismo di controllo che garantisca la rispondenza tra i requisiti previsti dal disciplinare e il prodotto che il marchio identifica.
  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion