Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Paola Salvatore » 14.La trasduzione del segnale nel sistema immunitario


I recettori del sistema immunitario

Oltre ai recettori per l’antigene, le cellule del sistema immunitario possono esprimere recettori con funzioni diverse. Esempi di tali recettori sono riportati in figura. Immagine modificata da “Immunity” di De Franco et al., Casa Editrice Oxford University Press.

Oltre ai recettori per l'antigene, le cellule del sistema immunitario possono esprimere recettori con funzioni diverse. Esempi di tali recettori sono riportati in figura. Immagine modificata da “Immunity” di De Franco et al., Casa Editrice Oxford University Press.


I recettori del sistema immunitario

L’attivazione dei recettori per l’antigene dei linfociti B richiede l’aggregazione di molteplici  recettori singoli. Immagine modificata da “Immunobiology” di Janeway et al., Casa Editrice Garland.

L'attivazione dei recettori per l'antigene dei linfociti B richiede l'aggregazione di molteplici recettori singoli. Immagine modificata da “Immunobiology” di Janeway et al., Casa Editrice Garland.


Il recettore per l’antigene dei linfociti B

Struttura del recettore per l’antigene dei linfociti B (BCR, B-Cell Receptor). Immagine modificata da “Immunobiology” di Janeway et al., Casa Editrice Garland.

Struttura del recettore per l'antigene dei linfociti B (BCR, B-Cell Receptor). Immagine modificata da “Immunobiology” di Janeway et al., Casa Editrice Garland.


Il recettore per l’antigene dei linfociti B

Le catene Iga/b associate al BCR contengono i domini ITAM, indispensabili per iniziare la trasduzione del segnale.

Le catene Iga/b associate al BCR contengono i domini ITAM, indispensabili per iniziare la trasduzione del segnale.


Il recettore per l’antigene dei linfociti B

L’aggregazione di molteplici BCR inizia la trasduzione del segnale. Le proteine chinasi della famiglia SRC si attivano e fosforilano le tirosine delle sequenze ITAM. Immagine modificata da “Immunity” di De Franco et al., Casa Editrice Oxford University Press.

L'aggregazione di molteplici BCR inizia la trasduzione del segnale. Le proteine chinasi della famiglia SRC si attivano e fosforilano le tirosine delle sequenze ITAM. Immagine modificata da “Immunity” di De Franco et al., Casa Editrice Oxford University Press.


Le chinasi della famiglia SRC

Struttura delle chinasi della famiglia SRC.

Struttura delle chinasi della famiglia SRC.


Regolazione della chinasi SRC

La chinasi SRC e’ finemente regolata. La sua attivazione richiede la fosforilazione del residuo di tirosina dell’ansa di attivazione e la defosforilazione del residuo di tirosina della coda C-terminale. Immagine modificata da “Immunobiology” di Janeway et al., Casa Editrice Garland.

La chinasi SRC e' finemente regolata. La sua attivazione richiede la fosforilazione del residuo di tirosina dell'ansa di attivazione e la defosforilazione del residuo di tirosina della coda C-terminale. Immagine modificata da “Immunobiology” di Janeway et al., Casa Editrice Garland.


La trasduzione del segnale del BCR

SRC fosforila le sequenze ITAM ed attiva la chinasi SYK, che e’ capace di legare le ITAM poiche’ possiede due domini SH2. Immagine modificata da “Immunity” di De Franco et al., Casa Editrice Oxford University Press.

SRC fosforila le sequenze ITAM ed attiva la chinasi SYK, che e' capace di legare le ITAM poiche' possiede due domini SH2. Immagine modificata da “Immunity” di De Franco et al., Casa Editrice Oxford University Press.


Le chinasi della famiglia SYK/ZAP70

Le chinasi SYK e ZAP70 costituiscono gli unici membri di questa famiglia. La figura mostra l’organizzazione strutturale di queste chinasi. Immagine modificata da “Immunologia” di Coico et al., Casa Editrice Edises.

Le chinasi SYK e ZAP70 costituiscono gli unici membri di questa famiglia. La figura mostra l'organizzazione strutturale di queste chinasi. Immagine modificata da “Immunologia” di Coico et al., Casa Editrice Edises.


La trasduzione del segnale del BCR

La figura illustra le principali vie di trasduzione del segnale attivate a valle del BCR. Immagine modificata da “Immunity” di De Franco et al., Casa Editrice Oxford University Press.

La figura illustra le principali vie di trasduzione del segnale attivate a valle del BCR. Immagine modificata da “Immunity” di De Franco et al., Casa Editrice Oxford University Press.


Il corecettore del BCR

Anche il corecettore del BCR, costituito dall’eterotrimero (CD19, CD21, CD81) contribuisce all’attivazione del linfocita T. Immagine modificata da “Immunity” di De Franco et al., Casa Editrice Oxford University Press.

Anche il corecettore del BCR, costituito dall'eterotrimero (CD19, CD21, CD81) contribuisce all'attivazione del linfocita T. Immagine modificata da “Immunity” di De Franco et al., Casa Editrice Oxford University Press.


La trasduzione del segnale del BCR

I principali fattori di trascrizione attivati dalle vie di trasduzione del segnale del BCR.Immagine modificata da “Immunobiology” di Janeway et al., Casa Editrice Garland.

I principali fattori di trascrizione attivati dalle vie di trasduzione del segnale del BCR.Immagine modificata da “Immunobiology” di Janeway et al., Casa Editrice Garland.


Il recettore per l’antigene dei linfociti T

Struttura del recettore per l’antigene dei linfociti T (TCR, T-Cell Receptor). Immagine modificata da “Immunobiology” di Janeway et al., Casa Editrice Garland.

Struttura del recettore per l'antigene dei linfociti T (TCR, T-Cell Receptor). Immagine modificata da “Immunobiology” di Janeway et al., Casa Editrice Garland.


La trasduzione del segnale del TCR

SRC fosforila le sequenze ITAM ed attiva la chinasi ZAP70, che e’ capace di legare le ITAM poiche’ possiede due domini SH2. Immagine modificata da “Immunologia” di Coico et al., Casa Editrice Edises.

SRC fosforila le sequenze ITAM ed attiva la chinasi ZAP70, che e' capace di legare le ITAM poiche' possiede due domini SH2. Immagine modificata da “Immunologia” di Coico et al., Casa Editrice Edises.


I linfociti T ricevono segnali co-stimolatori dalle cellule APC

Segnali co-stimolatori iniziati dalle cellule APC contribuiscono all’attivazione del linfocita T. Immagine modificata da “Immunity” di De Franco et al., Casa Editrice Oxford University Press.

Segnali co-stimolatori iniziati dalle cellule APC contribuiscono all'attivazione del linfocita T. Immagine modificata da “Immunity” di De Franco et al., Casa Editrice Oxford University Press.


La trasduzione del segnale del TCR

I principali fattori di trascrizione attivati dalle vie di trasduzione del segnale del TCR. Immagine modificata da “Immunity” di De Franco et al., Casa Editrice Oxford University Press.

I principali fattori di trascrizione attivati dalle vie di trasduzione del segnale del TCR. Immagine modificata da “Immunity” di De Franco et al., Casa Editrice Oxford University Press.


Altri recettori del sistema immunitario

Struttura di differenti recettori del sistema immunitario. Immagine modificata da “Immunobiology” di Janeway et al., Casa Editrice Garland.

Struttura di differenti recettori del sistema immunitario. Immagine modificata da “Immunobiology” di Janeway et al., Casa Editrice Garland.


Recettori inibitori

I recettori inibitori del sistema immunitario contengono sequenze ITIM. Immagine modificata da “Immunobiology” di Janeway et al., Casa Editrice Garland.

I recettori inibitori del sistema immunitario contengono sequenze ITIM. Immagine modificata da “Immunobiology” di Janeway et al., Casa Editrice Garland.


  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion