Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica
 
I corsi di Scienze Politiche
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Marco Musella » 2.Il paradigma di base per analizzare le scelte dell'agente economico


Corso di Economia Politica

Il paradigma di base per analizzare le scelte dell’agente economico

prof. Marco Musella

Oggetto della microeconomia

  • La microeconomia studia il comportamento del singolo agente.
  • Quindi essa studia:
    1. Consumatori
    2. Produttori
    3. Lavoratori
  • Da una rigorosa descrizione del comportamento degli individui giunge poi a ricostruire il funzionamento del mercato, prendendo come punto di riferimento la concorrenza perfetta.
  • Da questo ulteriore passo procede verso una descrizione del funzionamento del sistema attraverso un modello di equilibrio economico generale.

… continua

  • L’analisi microeconomica approfondisce le forme di mercato diverse dalla concorrenza perfetta.
  • La concorrenza perfetta rappresenta un caso di scuola, utile solo ad introdurre lo studio delle forme di mercato diverse (monopolio, oligopolio, concorrenza imperfetta, concorrenza monopolistica) che sono più realistiche come schemi interpretativi del mondo reale.
  • Ci fermeremo soprattutto sulla descrizione del comportamento degli agenti economici e sulla concorrenza perfetta facendo solo un rapido cenno al monopolio e all’oligopolio.

Il paradigma di base della analisi microeconomica

  • La microeconomia studia il comportamento degli agenti economici a partire dai seguenti presupposti:
    1. Gli agenti sono razionali
    2. … individualisti
    3. … egoisti
  • Le loro decisioni, conseguentemente, obbediscono al principio del “minimo mezzo” o del “massimo risultato”
  • Il paradigma di base della microeconomia è dunque quello della ottimizzazione vincolata.
  • Per ogni agente, o meglio per ogni situazione di scelta economica, è possibile definire una funzione obiettivo e uno o più vincoli.

La funzione obiettivo

  • La funzione obiettivo, riflettendo l’ipotesi di individui egoisti che scelgono, rappresenta la grandezza che il soggetto intende rendere massima o minima.
  • Es.
    1. Il consumatore vorrà massimizzare il proprio benessere.
    2. Il produttore sceglierà la tecnica di produzione che gli consente di minimizzare i costi.
    3. L’imprenditore compierà le proprie scelte con l’obiettivo di massimizzare il profitto.

Il vincolo I

  • Per ciascuna scelta studiata dalla microeconomia, poi, individuare il vincolo per procedere a individuare l’opzione preferita tra le possibili.
  • Riferiamoci ai tre esempi prima proposti.
    1. Il Consumatore acquista i beni sul mercato. I beni hanno un prezzo positivo e il reddito del consumatore è limitato. E’, dunque, evidente che vi è un limite all’acquisto di ciascun bene e vi è una scelta che va compiuta in ordine a quanto acquistare di ciascun bene.

Il vincolo II

  • 2. Il produttore deve minimizzare i costi di produzione che sopporta per raggiungere un certo livello di produzione. Questo certo livello di produzione (il quanto produrre) è dunque da vedersi come il vincolo che egli deve rispettare.
  • 3. Nel terzo caso (l’imprenditore che effettua scelte sul quanto produrre il vincolo è un po’ più difficile da descrivere in parole semplici perché è in realtà un insieme di diversi vincoli che riguardano sia il lato dei ricavi dell’impresa che quello dei costi.

… Conclusione

  • I problemi che studia la microeconomia sono dunque analizzati con il paradigma della ottimizzazione vincolata:
    • Max (o Min) una funzione obiettivo
    • Sotto condizione che sia(no) rispettato(i) uno o più vincoli.
  • Questa impostazione riflette chiaramente il principio di razionalità strumentale che è insito anche nella più classica delle definizioni di economia – quella di Robbins:

L’economia è la scienza che studia la condotta umana nel momento in cui, data un graduatoria di obiettivi, si devono operare delle scelte su mezzi scarsi applicabili ad usi alternativi.

Il Podcast della lezione

Scarica il podcast di questa lezione

Le altre lezioni del corso con podcast

2. Il paradigma di base per analizzare le scelte dell'agente economico

3. Il consumatore

4. Il produttore e la scelta delle tecniche

I podcast del corso sono disponibili anche su iTunesU e tramite Feed RSS.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion