Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
I corsi di Scienze Politiche
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Gabriella Fabbricino » 11.La ricerca di una soluzione


Rondes constitutionelles

Nel corso degli anni 80 e 90 numerosi sono stati i tentativi di equilibrare i principi costituzionali della federazione con quelli linguistici del governo del Québec.
Nel 1988, avendo la Corte Suprema del Canada rese non valide certe disposizioni della legge 101, il governo liberale di Robert Bourassa reagisce facendo adottare, il 18 dicembre, la legge 178, che restringe l’affichage bilingue, e provoca così le dimissioni di tre ministri anglofoni.
In questi anni ci saranno una serie di rondes constitutionnelles per cercare di porre rimedio alla soluzione. Tre sono stati gli accordi principali.


L’accordo del lago Meech

Il Parlamento federale e tutte le province avevano il compito di proteggere la dualità canadese, cioè canadesi anglofoni in Québec e canadesi francofoni nel resto del Canada. L’assemblea nazionale e il governo avevano il ruolo di proteggere e promuovere il carattere DISTINTO della società quebecchese.

  • Questo accordo non fu ratificato in tutte le province, poiché Manitoba e Terranova non l’hanno fatto adottare dalla loro legislatura nei tempi prescritte dalla Loi Constitutionnelle de 1982
  • Anche se nessuno sapeva realmente cosa significasse esattamente il concetto di “Società Distinta”, il Canada inglese temeva una strategia del Québec a suo danno

Le proposte del 1991/1992 e l’intesa di Charlottetown.

Nel 1991 il governo federale fa conoscere le sue proposte costituzionali e chiarisce il senso di:

  • “Società Distinta”: “majorité d’expression française , une culture unique en son genre; une tradition de droits civils”
  • Ancora viene inserito nell’art 2 della Loi constitutionnelle de 1867 la Clausola Canada: che prevedeva il riconoscimento della responsabilità dei governi di preservare le due maggioranze e le minoranze linguistiche del Canada, ma anche la conservazione del patrimonio culturale dei popoli che hanno edificato il Canada
  • Per la prima volta verrà riconosciuto agli autoctoni del Canada il diritto a governarsi secondo le proprie leggi costumi e culture
  • Con l’intesa Costituzionale di Charlottetown dell’8 agosto 1992, Québec ottiene una serie di diritti: 3 giudici alla Corte suprema, la clausola di Società Distinta( 28 agosto 1992) etc.
  • Dunque le proposte costituzionali più significative sono quelle del 1991-92 con le quali si definisce il Québec Società Distinta : cioè maggioranza di espressione francese, cultura unica nel suo genere, tradizione di diritti civili; cioè si proponeva al Canada di inserire una clausola che prevedesse il riconoscimento di responsabilità, da parte dei governi, di preservare le 2 maggioranze nonché le altre minoranze linguistiche essendo il Canada composto da popoli di origini culturali ed etniche diverse
  • Ma questa clausola sarà rigettata dal referendum canadese del 26 ottobre 1992

Entente de Calgary

Entente de Calgary de 1997: Nel 1997 appunto, nove primi Ministri (senza il rappresentante del Québec) si riuniscono a Calgary: tutti i canadesi sono uguali e tutte le province sono uguali. Qualsiasi modifica costituzionale deve necessariamente riguardare tutti, non solo una delle province: se una qualsiasi modifica costituzionale dovesse attribuire dei poteri a una provincia, sarebbe necessario dare la medesima possibilità a tutti.


  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion