Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Amelia Bandini » 4.I verbi modali


I verbi modali

In Italiano ci sono solo tre verbi modali che comunemente vengono chiamati verbi servili ( dovere, potere, volere).
Il tedesco invece di verbi modali ne ha sei:

  • können / dürfen = potere
  • müssen / sollen = dovere
  • wollen / mögen – möchte = volere

Liberamente tratto da Tedesco in rete

I verbi modali (segue)

  • Ich muss Deutsch lernen →   esprime il dovere
    • Devo studiare il tedesco
  • Ich soll Deutsch lernen →   esprime il consiglio, l’esortazione
    • Dovrei studiare il tedesco.
  • Ich will Deutsch lernen →   esprime la volontà
    • Voglio studiare il tedesco
  • Ich möchte Deutsch lernen →   esprime il desiderio
    • Vorrei studiare il tedesco (möchten è il preteritum di mögen: ha assunto valore di modale)
  • Ich kann Deutsch lernen
    • Posso studiare il tedesco (= Ne ho la possibilità, perché la mia Facoltà offre un corso di tedesco)
  • Nach dem Abitur darf ich mich an der Universität einschreiben
    • Dopo la maturità mi posso iscrivere all’università →   esprime l’autorizzazione= se vengo bocciato la legge non mi permette di iscrivermi all’università

Liberamente tratto da Tedesco in rete

I verbi modali (segue)

I Verbi modali, in quanto flessi, si collocano in V1 in una frase principale e in V2 in una frase secondaria. Reggono l’infinito di un verbo, che si colloca in V2 in una frase principale, immediatamente prima del modale in una frase secondaria, come schematizzato nella figura a lato.

Liberamente tratto da Tedesco in rete


La coniugazione dei verbi modali

I modali, essendo verbi ausiliari, hanno solo la forma attiva.
La loro coniugazione presenta alcune irregolarità:

  • al presente è assente la desinenza alla prima e terza persona e cambiano la vocale radicale al singolare;
  • al Präteritum i modali si coniugano come un verbo debole, ricorrendo cioè all’infisso -t-.

Liberamente tratto da Tedesco in rete

La coniugazione dei verbi modali (segue)

Nei tempi composti del passato tutti i modali prendono l’ausiliare haben;
i modali hanno due forme di participio:

  • se il modale ha la funzione di verbo autonomo forma il tempo composto con il suo participio regolare per es.: können gekonnt, ich habe gekonnt (ho potuto);
  • se usati assieme ad un altro verbo, i modali ricorrono ad una forma atipica di participio, uguale alla forma dell’infinito, dando così origine al fenomeno del “doppio infinito”.
    • Es.:ich habe schreiben können (io ho potuto scrivere).

Il verbo vero e proprio si trova all’infinito perché e retto dal modale, sembra quindi che il modale formi un cosiddetto “doppio infinito”.

Liberamente tratto da Tedesco in rete

Können: i tempi semplici


können: i tempi composti


Forme infinite dell’ausiliare können


Dürfen; i tempi semplici dell’indicativo


dürfen; i tempi composti dell’indicativo


Dürfen: forme infinite


Müssen: indicativo, tempi semplici


Müssen: indicativo, tempi composti


Müssen: le forme infinite del verbo


Wollen: indicativo, i tempi semplici


Wollen: indicativo, i tempi composti


Wollen: le forme infinite


Sollen

Sollen esprime un dovere non coercitivo.

  • Ich soll zum Arzt gehen= devo andare dal medico, ma non è impellente.
  • Ich muss zum Arzt gehen= devo assolutamente andare dal medico.

Al Präteritum esprime il nostro condizionale.

  • Ich sollte zum Arzt gehen = dovrei andare dal medico.

Liberamente tratto da Tedesco in rete

La declinazione di sollen


Sollen: le forme infinite


Mögen

  • Il modale mögen sta cadendo in disuso e viene sostituito, soprattutto nella lingua parlata, con l’espressione ich habe Lust/ich habe keine Lust, = ho voglio/non ho voglia.
    • Per es.: Ich mag jetzt nicht lernen= ich habe jetzt keine Lust zu lernen. Ora non voglio studiare/ora non ho voglia di studiare).
  • L’uso di mögen come verbo autonomo (aver voglia di, mi piace) è invece molto diffuso.
    • Per es.: Ich mag Bier sehr gerne.Wein mag ich nicht. La birra mi piace molto.Il vino non mi piace.
  • Di conseguenza è sempre più diffuso l’uso del participio regolare gemocht, mentre il participio irregolare mögen, in caso di presenza di un altro verbo (= il cosiddetto “doppio infinito”) è ormai caduto in disuso ed è presente quasi esclusivamente nei testi di letteratura classica.

Liberamente tratto da Tedesco in rete

Mögen: indicativo, tempi semplici


Mögen: indicativo, tempi composti


Le forme del congiuntivo 2 (= ich möchte)


Mögen: forme infinite


I materiali di supporto della lezione

Esercizio

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion