Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Elvira Chiosi » 6.La crisi del Seicento


La crisi del ‘600

Crisi generale = concetto storiografico emerso nel dibattito ospitato dalla rivista Past and Present (1952) e condiviso da Hobsbawn, Trevor Roper, Mousnier, etc.

  • La crisi interessa tutta l’Europa ed ha come sfondo la Guerra dei Trent’anni.
  • Nei vari paesi suscita reazioni differenti dovute alle specificità dei ceti sociali, delle istituzioni politiche e religiose, dell’economia e della cultura.
  • Ha esiti diversi (rivolte/rivoluzioni/rafforzamento dello Stato assoluto).

Demografia

Il Seicento registra una tendenza alla contrazione demografica accompagnata da una crescita in Inghilterra, nei Paesi Bassi e nell’Europa Nord-Orientale.

Cause del ristagno della popolazione (aumento minimo)

  • a) Malattie, peste, guerre, carestie.
  • b) Aumento mortalità per denutrizione.
  • c) Mortalità infantile (61/100 arrivano a 15 anni; 41/100 maschi superano i 50 anni).
  • d) Aumento età media del matrimonio.
  • e) Diminuzione nascite.

Conseguenze

  • a) Contrazione dei consumi, del mercato lavoro e dei processi di formazione socio-professionale.
  • b) Crescita dell’urbanizzazione nel Nord anche per le emigrazioni forzate per motivi religiosi.
  • c) Nuove gerarchie urbane.

Agricoltura

All’espansione cinquecentesca segue una crisi agraria.

Cause

  1. Andamento dei raccolti condizionato da una fase climatica negativa.
  2. Il calo della domanda fa ristagnare o decrescere i prezzi dei cereali.
  3. Aumento del costo del lavoro.

Conseguenze

  1. Restrizione delle aree coltivate e conseguente ritorno al pascolo.
  2. Aumento dei gravami fiscali (dibattito storiografico sul termine ri-feudalizzazione).
  3. Aumento del peso della rendita fondiaria su fittavoli e mezzadri.

Geografia della crisi

  • Europa orientale: rafforzamento della servitù della gleba.
  • Olanda, parte della Francia: limitati effetti della crisi.
  • Inghilterra: si avvia la rivoluzione agricola con recinzioni, redistribuzione e accorpamento delle terre.

Economia

Industrie

  • Processo di ristrutturazione delle manifatture in crisi.
  • Crollo in Italia per le rigide regole delle corporazioni.
  • Ripresa in Olanda e in Inghilterra con new draperies ed innovazioni tecnologiche.

Commercio

  • Ristagno dei prezzi. Recessione. Contrazione scambi.
  • Olanda e Inghilterra diversificano le merci e praticano prezzi più accessibili grazie al basso costo del lavoro.
  • Il baricentro del commercio internazionale si sposta nell’Atlantico.

Finanza

  • L’argento importato dalle Americhe insufficiente ai bisogni economici e monetari.
  • Centri del capitalismo europeo: Amsterdam, Londra e Parigi.

Paesi in ascesa

OLANDA: da rivelazione politica (1581) a rivelazione marinara nel ‘600.

Flotta in crescita

  • Cantieristica a bassi costi, avanguardia nella progettazione di navi con grandi stive per molte merci.
  • Capacità marittime come strumento di dominio intercontinentale.

Colonialismo olandese: opposizione all’emigrazione, misure colonialistiche rigide che prevedevano la distruzione di spezie eccedenti per mantenere alti i prezzi.

Inghilterra: economia capitalistica e rete di relazioni internazionali.

Compagnia delle Indie Orientali (1600): la più famosa di tutte le compagnie privilegiate cioè associazioni di mercanti riconosciute dalla corona e dotate di diritti esclusivi di commercio e di uso dell’artiglieria.

Guerra dei Trent’anni

Definizione

  • Conflitto internazionale 1618-1648.
  • Scontro tra 2 culture, tra 2 modelli.

Cause

  • Prima religiose, poi economiche e politiche.
  • Emergere di nuove potenze (Danimarca-Svezia).

Conseguenze: Mutamento di equilibri internazionali.

Premesse

  • 1555: pacificazione di Augusta non risolutiva (cuius regio eius religio).
  • 1570: nunzi e gesuiti alla riconquista dei fedeli.
  • Aspirazione degli Asburgo: restaurare potere imperiale e unità religiosa.

Sistema costituzionale tedesco

Imperatore: (eletto dai principi elettori)

7 Principi elettori

  • 3 Ecclesiastici: Treviri, Magonza, Colonia (Lega Cattolica).
  • 4 Laici: Palatinato, Sassonia, Brandeburgo, Boemia (Unione Evangelica).

Diete generali

Città, Principi, Ordini

Preludio

1582: l’Arcivescovo di Colonia passa al protestantesimo

In pochi anni escono di scena due sovrani divenuti punto di riferimento del mondo riformato:

  • 1603: muore Elisabetta d’Inghilterra.
  • 1610: Enrico IV di Borbone viene assassinato.

Boemia: Focolaio della guerra

  • Possedimento ereditario asburgico.
  • Paese spiritualmente vivace (riforma, sette religiose)
  • Abituato ad una certa libertà religiosa: l’Imperatore Rodolfo aveva concesso una

Lettera di maestà (1560)

  • 1612-1618 l’Imperatore Mattia meno tollerante del fratello Rodolfo.
  • L’Arcivescovo di Praga ordina la distruzione di una chiesa riformata.

4 Fasi

  • Boemo – Palatina 1618-1624.
  • Danese 1625-1629.
  • Svedese 1630-1635.
  • Francese 1635-1648.
L’Impero germanico diviso tra stati protestanti e stati cattolici

L'Impero germanico diviso tra stati protestanti e stati cattolici


FASE BOEMO-PALATINA 1618-1624

  • 1618: La distruzione di alcune chiese protestanti spinse un gruppo di nobili a reagire contro i rappresentanti imperiali messi alla porta = defenestrazione di Praga.
  • 1619: Morto Mattia, la corona spetta a Ferdinando di Stiria, ma i Boemi la offrono a Federico V già elettore del Palatinato, divenuto (dopo Elisabetta I d’Inghilterra ed Enrico IV) guida della resistenza riformata anti-asburgica.
  • Federico, che dispone di due voti per eleggere l’Imperatore, attua una politica antispagnola:
    • aveva sposato in Inghilterra la figlia di Giacomo Stuart, Elisabetta, e ricevuto l’onorificenza dell’Ordine della Giarrettiera.
    • Il ritorno di Heidelberg con i King’s Man (compagnia teatrale di Shakespeare) che fanno propaganda politica.
  • 1620: Battaglia della Montagna Bianca: alla sconfitta di Federico seguono violente repressioni e una campagna di riconquista cattolica.
    • I Gesuiti usano la stampa per diffondere caricature di Federico ritratto in fuga e si impegnano attraverso il monopolio dell’istruzione a realizzare la restaurazione cattolica.
Zone di conflitto e principali battaglie durante la fase boemo-palatina

Zone di conflitto e principali battaglie durante la fase boemo-palatina

Federico V Elettore del Palatinato in veste di pellegrino (in alto) e mentre compie lavori servili

Federico V Elettore del Palatinato in veste di pellegrino (in alto) e mentre compie lavori servili


Fase danese 1625-1629

  • Cristiano IV interviene per mantenere il controllo del Baltico anticipando la Svezia e la riscossione dei dazi sul canale del Sund
  • Alberto di Wallestein, capo dell’esercito asburgico, consente ai militari autogestione e saccheggi
  • Sconfitta danese
  • 1629 Pace di Lubecca: Cristiano IV rinuncia ad ogni ingerenza nell’Impero che estendeva il controllo sul Mare del Nord e nel Baltico
Teatro delle operazioni durante la fase danese

Teatro delle operazioni durante la fase danese


Fase svedese1630-1635

  • Gustavo Adolfo con abilità politica privilegiò l’aristocrazia nell’amministrazione dello Stato; utilizzò i contadini, molti dei quali piccoli proprietari terrieri, per riempire le fila dell’esercito; aveva a disposizioni importanti risorse minerarie.
  • Stipulò un trattato di alleanza con Richelieu
  • 1631-32 Gustavo Adolfo di Svezia, definito “Leone del Nord”, scende in guerra, vince a Lützen, ma muore
  • L’Imperatore fa uccidere Wallestein di cui non si fida
  • 1635 pace di Praga: l’Impero, costretto a fare concessioni, mantenne l’egemonia sugli stati germanici
Incursione di Gustavo Adolfo durante la fase svedese

Incursione di Gustavo Adolfo durante la fase svedese


Fase francese 1635 – 1648

  • Richelieu, interessato a costruire l’egemonia francese, decide di scendere in campo contro gli Asburgo non solo diplomaticamente, come negli anni precedenti
  • Mentre la Spagna era impegnata militarmente su più fronti, la Francia alleata con la Svezia conseguì nel 1643 la vittoria di Rocroi sulla Spagna e penetrò nei Paesi tedeschi sino nella Baviera.
Teatro delle operazioni durante la fase francese

Teatro delle operazioni durante la fase francese


Paci di Westfalia 1648

Punto fermo nella storia europea e nella storia delle relazioni internazionali.

La pace fu sancita con trattati separati:

  • Münster (protestanti)
  • Osnabrück (cattolici)

I rappresentanti degli Stati cristiani europei affermarono i seguenti principi:

  • Unità non religiosa ma di interessi
  • Possibilità di convivenza di fedi diverse
  • Definitivi limiti alla restaurazione cattolica e all’assolutismo asburgico

Conseguenze

  • Impero: crisi
    • finzione giuridica, indipendenza dei principati, calo demografico, economia rallentata
  • Spagna: decadenza
    • rivolte (Catalogna, Masaniello) contro la politica di Olivares
    • riconoscimento dell’indipendenza di Olanda e Portogallo
  • Francia: primato sulla scena europea
    • occupa il vuoto di potere lasciato dalla crisi asburgica all’interno vince le resistenze delle fronde ostili alla guerra
    • espansione territoriale
    • egemonia politico-culturale
  • Danimarca e Svezia
    • accresciuto benessere economico
L’Europa dopo la Pace di Westfalia

L'Europa dopo la Pace di Westfalia


I materiali di supporto della lezione

Il Podcast della lezione

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion