Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Immacolata Ortosecco » 16.Trasformata z-Tz3


Sommario

  1. Trasformata zeta: visualizzazioni
  2. Soluzione di equazioni alle differenze mediante z-transform

Functions di Matlab per la z-transform

Vedremo ora alcune visualizzazioni grafiche di z-transform e relative collocazioni di poli e zeri nel piano z.
Per le visualizzazioni della X(z) che è una funzione complessa di una variabile complessa, possiamo utilizzare cplxmap o mesh. Queste ultime sono functions di Matlab e vanno utilizzate dopo aver assegnato una griglia ai valori della variabile complessa. Su tale griglia viene rappresentata la funzione X(z).
Per la visualizzazione della collocazione di poli e zeri nel piano complesso utilizziamo la function zplane e qui possiamo dare come input i due vettori contenenti i valori degli zeri e dei poli, oppure i coefficienti del numeratore e del denominatore della nostra X(z) razionale.
Vedi l’Help di matlab per ulteriori dettagli.

z-transform (visualizzazioni)

colormap(hsv(64))
z = cplxgrid(30);
cplxmap(z,abs(z.^-1))
title(‘X(z)=|z.^-1|')

colormap(hsv(64))
z = cplxgrid(30);
cplxmap(z,abs(2./(1-.5*z.^-2)))
title(‘X(z)=2./(1-.5*z.^-2)')


Diagramma poli zeri

Diagramma poli zeri della funzione H(z) realizzato con zplane.

Visualizzazioni nel dominio z.


Esercizio per visualizzazioni

Ricordiamo la X(z)
X(z)=\frac{\sum_{k=0}^{M}b_{k}z^{-k}}{\sum_{_{k=0}}^{N}a_{k}z^{-k}}

Esercizio: visualizzare le seguenti X(z) e fornire la regione di convergenza.
X(z)=\frac{1}{z}

X(z)=\frac{2}{1-\frac{1}{2}z^{-2}}

Ancora su Trasformate e sistemi LTI descritti da equazioni alle diffezenze lineari a coefficienti costanti

Come detto precedentemente, è possibile trovare la soluzione delle equazioni alle differenze,relative a sistemi LTI, mediante trasformate.
Vediamo i due casi:
1. con trasformata di Fourier
2. con trasformata z
Supponiamo di voler trovare la risposta all’impulso del sistema LTI descritto dall’equazione alle differenze
h[n]-\frac{1}{2}h[n-1]=\delta[n]-\frac{1}{4}\delta[n-1]
Applicando la DTFT ad entrambi i lati ed utilizzando le proprietà della trasformata F. per l’impulso e per lo shift temporale abbiamo:
H(e^{j\omega})-\frac{1}{2}e^{-j\omega}H(e^{j\omega})=1-\frac{1}{4}e^{-j\omega}
da qui è possibile ricavare la H(e) e poi attraverso l’inversa di H(e) risalire alla h[n].

Equazioni alle differenze: soluzione mediante z-transform

Supponiamo di voler trovare la risposta all’impulso h[n] del sistema LTI descritto dall’equazione alle differenze seguente:
y[n]-\frac{1}{2}y[n-1]=x[n]-\frac{1}{4}x[n-1]
la risposta all’impulso è h[n]

h[n]-\frac{1}{2}h[n-1]=\delta[n]-\frac{1}{4}\delta[n-1]

Equazioni alle differenze: soluzione mediante z-transform (segue)

Applicando la z-transform ad entrambi i lati ed utilizzando la trasformata di un impulso e la proprietà di shift temporale otteniamo:
H(z)-\frac{1}{2}z^{-1}H(z)=1-\frac{1}{4}z^{-1}
da cui

H(z)=\frac{1-\frac{1}{4}z^{-1}}{1-\frac{1}{2}z^{-1}}
per ottenere h[n] dobbiamo determinare la trasformata z inversa.

H(z)=\frac{1}{1-\frac{1}{2}z^{-1}}-\frac{\frac{1}{4}z^{-1}}{1-\frac{1}{2}z^{-1}}

Osserviamo che
(\frac{1}{2})^{n}u[n] \text { ha trasformata }  \frac{1}{1-\frac{1}{2}z^{-1}}
e che

\frac{1}{4}(\frac{1}{2})^{n-1}u[n-1]\text{ ha trasformata }-\frac{\frac{1}{4}z^{-1}}{1-\frac{1}{2}z^{-1}}.
Possiamo concludere che

h[n]=(\frac{1}{2})^{n}u[n]-\frac{1}{4}(\frac{1}{2})^{n}u[n-1]

Equazioni alle differenze con condizioni iniziali

Nel caso di equazioni alle differenze con condizioni iniziali occorre applicare la z-transform unilatera, che ricordiamo è:
X^{+}(z)=\sum_{n=0}^{\infty}x[n]z^{-n}
(la sequenza si estende da -∞ a +∞).
Inoltre, ricordiamo che le due z-transform, quella monolatera e quella bilatera possono essere diverse per la stessa sequenza, se quest’ultima è bilatera.

Esempio

Data la sequenza x[n]=u[n+2],
gradino unitario che parte da n=-2,
la sua z-transform. bilatera è:
X(z)=\sum_{n=-\infty}^{\infty}u[n+2]z^{-n}=\frac{z^{2}}{1-z^{-1}}=\frac{1}{z-1}
Con ROC |z| >1 , z ≠∞
la sua z-transform unilatera è invece:
X^{+}(z)=\sum_{n=0}^{\infty}u[n+2]z^{-n}=\sum_{n=0}^{\infty}z^{-n}=\frac{1}{1-z^{-1}}
con ROC |z|>1

Differenze tra z-transform bilatera e monolatera

Anche per il calcolo della z-transform di una sequenza ritardata c’è qualche differenza.
Es.: sequenza x[n-1]\rightarrow X^{+}(z)=z^{-1}X^{+}(z)+z^{0}x[-1]
e più in generale, per una sequenza ritardata di m campioni,
x[n-m]\rightarrow X^{+}(z)=z^{-m}X^{+}(z)+\sum_{n=0}^{m-1}x[n-m]z^{-n}

Esempio finale

Vediamo ora, come esempio, la soluzione di un’equazione alle differenze con condizioni iniziali non zero.
Data l’equazione y[n]-.8y[n-1]=2x[n] con condizione iniziale y[-1]=1
Risolviamo quando x[n]=.5n u[n].
Calcoliamo la z-transform monolatera di entrambi i lati, abbiamo

Y^{+}(z)-0.8z^{-1}Y^{+}(z)-0.8y[-1]=2X^{+}(z)

Da cui
Y^{+(z)}=\frac{.8}{1-.8z^{-1}}+\frac{2}{(1-.8z^{-1})(1-.5z^{-1})}
ROC |z|>.8
Il primo termine a destra dell’uguaglianza è diverso da zero, perché in questo caso la condizione iniziale è diversa da zero. Esso è la risposta a zero-input, infatti in tal caso la risposta dipende solo dalle condizioni iniziali.
Il secondo termine è la risposta del sistema quando la condizione iniziale è zero ed è denominata zero-state response.
Per ricavare la sequenza y[n] basta sviluppare la risposta zero-state in frazioni parziali, perché il primo termine della somma è facilmente riconducibile per ispezione alla relativa sequenza.

\frac{1}{(1-.8z^{-1})(1-.5z^{-1})}\longrightarrow\frac{2.66}{z-.8}-\frac{1.66}{z-.5}

Esempio finale (segue)

Y^{+}(z)=\frac{.8+2.66}{1-.8z^{-1}}+\frac{-1.66}{1-.5z^{-1}}

corrisponde al segnale nel dominio del tempo

y[n]=3.46(.8)^{n}u[n]-1.66(.5)^{n}u[n]

Un esempio significativo di applicazione della z- transform monolatera alla soluzione di equazioni alle differenze omogenee con condizioni iniziali non nulle è dato dalla sequenza di Fibonacci :y[n]= y[n-1]+y[n-2] con y[-1]=1 e y[-2]=0.
La soluzione mediante z-transform consente di trovare una forma chiusa per il calcolo di y[n]).

Osservazioni conclusive

Abbiamo definito la z-transform di una sequenza.
Abbiamo visto come la z-transform può convergere quando la DTFT non lo fa.
Abbiamo visto che la forma della ROC dipende dalle proprietà delle sequenze.
Molte osservazioni sono basate su z-transform di tipo razionale, come rapporto di polinomi in z.
Fatto rilevante 1: se la ROC contiene il cerchio unitario, allora la sequenza ammette trasformata di Fourier.
Fatto rilevante 2: se affermiamo che il sistema è stabile , cioè che la h[n] è assolutamente sommabile e pertanto ammette trasformata di Fourier, allora la ROC deve includere il cerchio unitario.
Fatto rilevante 3: causalità , se la h[n] è monolatera destra la ROC sarà esterna ad un qualche cerchio.
Fatto rilevante 4: per un sistema causale e stabile la ROC deve essere al di fuori di un cerchio che sia interno al cerchio unitario.

In altri termini per un SLTI causale e stabile la ROC è della forma |z|> a e |a|<1.
Abbiamo visto anche l’applicazione della z- transform per la soluzione di equazioni alle differenze.

I materiali di supporto della lezione

Manuale Matlab per la rappresentazione di funzioni complesse.

Cap 3 Proakis- Manolakis – Digital signal processing.

Programmi allegati per le visualizzazioni della H(z)

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion