Vai alla Home Page About me Courseware Federica Living Library Federica Federica Podstudio Virtual Campus 3D Le Miniguide all'orientamento Gli eBook di Federica La Corte in Rete
 
 
Il Corso Le lezioni del Corso La Cattedra
 
Materiali di approfondimento Risorse Web Il Podcast di questa lezione

Gionata De Vico » 4.Fenomeni regressivi: le Degenerazioni; Degenerazioni Intracellulari (Parte seconda).


Degenerazione Vacuolare

SEDE:
intracellulare.

METABOLISMO COINVOLTO:
proteico.

ORGANULO LESO:
lisosoma.

ORGANI PIU’ COLPITI:
miocardio, rene, fegato.

Fegato – Teleosteo: Deg. Vacuolare. Nota il materiale eosinofilo nei vacuoli (frecce) (Foto Prof. G. De Vico – dr.ssa F. Carella).

Fegato - Teleosteo: Deg. Vacuolare. Nota il materiale eosinofilo nei vacuoli (frecce) (Foto Prof. G. De Vico - dr.ssa F. Carella).


Degenerazione Vacuolare (segue)

La degenerazione vacuolare è un processo regressivo caratterizzato dalla comparsa nelle cellule di vacuoli citoplasmatici di varie dimensioni, in rapporto con il sistema fago-lisosomiale. I vacuoli possono essere piccoli e numerosi (deg. microvacuolare), fondersi in vacuoli di dimensioni maggiori (deg. macrovacuolare), o confluire in un unico vacuolo (deg. vescicolare).

L’accumulo proteico può essere dovuto ad un sovraccarico del sistema lisosomiale (ipossia, intossicazioni), oppure a mancanza congenita di enzimi lisosomiali (inborn lysosomal disease o Tesaurismosi).

Degenerazione Vacuolare (segue)

La Degenerazione Vacuolare consegue a:

  1. Ingresso nella cellula di sostanze digeribili in quantità superiori alle possibilità degli enzimi presenti (ipossia);
  2. Ingresso nella cellula di sostanze non digeribili per mancanza degli enzimi adatti (destrano);
  3. Ingresso nella cellula di sostanze digeribili, ma che non vengono digerite per mancanza congenita dell’enzima adatto (tesaurismosi);
  4. Ingresso nella cellula di sostanze che inibiscono gli enzimi necessari per la loro digestione es. i lipoperossidi impediscono agli enzimi di degradare le lipofuscine;
  5. Blocco fusione tra fagosomi e lisosomi.

Ipossia/anossia

Patogenesi:

  1. Danno di membrana;
  2. Ingresso di albumine e acqua;
  3. Formazione del “vacuolo ipossico” (reazione negativa alla fosfatasi acida);
  4. Fusione del vacuolo ipossico con i lisosomi (Reazione positiva alla fosfatasi acida);
  5. Degenerazione vacuolare.

Diagnosi differenziale

Steatosi propriamente detta.
I vacuoli sono “otticamente vuoti”, il nucleo è spostato alla periferia.

Steatosi da fosfolipidi
I vacuoli sono singoli e non tendono a confluire, le cellule assumono aspetto schiumoso (foamy cells).

Degenerazione idropica
Non ci sono vacuoli ma tutta la cellula è imbibita di acqua.

Glicogenosi
“Aspetto a cellula vegetale” cioè con un unico vacuolo vuoto e nucleo centrale.

Degenerazione a gocce Jaline

SEDE: intracellulare.

METABOLISMO COINVOLTO: proteico, es Hb.

ORGANULO LESO: lisosoma (vacuoli fosfatasi positivi eosinofili);

ORGANI PIU’ COLPITI: rene (epiteli), fegato. In caso di abbondanti emolisi, l’Hb “ingolfa” il sistema fago-lisosomiale delle cellule tubulari renali.

Degenerazione Idropica

SEDE: intracellulare.

METABOLISMO COINVOLTO: idrico-salino.

ORGANULO LESO: membrana citoplasmatica.

ORGANI PIU’ COLPITI: rene (epitelio) e endoteli.

Teleosteo, rene: degenerazione idropica diffusa (foto prof. G. De Vico – Dr.ssa F. Carella).

Teleosteo, rene: degenerazione idropica diffusa (foto prof. G. De Vico - Dr.ssa F. Carella).


Cause di degenerazione Idropica

  • Squilibri idrodinamici ed elettrolitici (carenze di potassio);
  • Shock;
  • Ustioni;
  • Malattie virali e batteriche;
  • Sostanza tossiche;

Patogenesi

ALTERAZIONI PERMEABILITA’ DI MEMBRANA (pompa del NA+)

UNIFORME RIGONFIAMENTO CELLULARE (edema intracellulare)

DEGENERAZIONE IDROPICA

LISI OSMOTICA CELLULARE

Degenerazione mucosa degli epiteli

SEDE: intracellulare.

METABOLISMO COLPITO: glicoproteico (mucopolisaccaridi neutri).

ORGANULO LESO: lisosoma – RER.

I materiali di supporto della lezione

Dianzani M.U., Dianzani I., Dianzani U.: Istituzioni di Patologia Generale-4a edizione. UTET.

Robbins: Le basi patologiche delle malattie-6a edizione. Editore - Piccin Nuova Libreria S.p.A.

  • Contenuti protetti da Creative Commons
  • Feed RSS
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Facebook
  • Segnala su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
Progetto "Campus Virtuale" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, realizzato con il cofinanziamento dell'Unione europea. Asse V - Società dell'informazione - Obiettivo Operativo 5.1 e-Government ed e-Inclusion